La Lazio soffre ma supera il Bologna in rimonta!

Esordio difficile per la Lazio di Maurizio Sarri che soffre tremendamente all’Olimpico contro un ottimo Bologna che si porta in vantaggio grazie al rigore di Arnautovic ma subisce la rimonta nella ripresa con il gol del solito Ciro Immobile

Immobile e Arnautovic
Immobile e Arnautovic – Nanopress.it

Esordio da incubo per Maximiano che con una gravissima ingenuità lascia i suoi in inferiorità numerica dopo appena 5′ di gioco.
La Lazio soffre la grande intensità del Bologna che approfitta anche del calcio di rigore di Marko Arnautovic per portarsi in vantaggio gelando il pubblico dell’Olimpico

La partita cambia sul finire del primo tempo quando uno sciagurato Adam Soumaro stende Manuel Lazzari a centrocampo costringendo il direttore di gara ad estrarre il secondo giallo riportando la partita sull’equilibrio numerico.

La Lazio riparte dal solito Immobile

I biancocelesti aumentano il ritmo nel secondo tempo trovando prima con un pizzico di fortuna (autogol di De Silvestri) poi con il solito Immobile il modo di rimontare la partita e guadagnare la prima vittoria della stagione.

Ciro Immobile
Ciro Immobile – Nanopress.it

Il migliore in campo dell’Olimpico è Manuel Lazzari che sfrutta la sua grande velocità per mettere costantemente in difficoltà la difesa degli emiliani. Il numero 29 è bravo anche a causare l’espulsione di Soumaro, ingenuo nello stendere il terzino azzurro a metà campo.

La Lazio dimostra ancora una volta la propria caparbietà, evidenziando però ancora una volta i tanti limiti difensivi che spesso ne condizionano i risultati.
Buona la prima di Romagnoli che dalla prossima domenica farà coppia con l’altro nuovo arrivato Casale (oggi assente per squalifica), positiva come sempre la prova di Sergej Milinković-Savić, sempre più faro della squadra di Maurizio Sarri.

Il tecnico toscano dovrà lavorare molto sulla fase difensiva con l’obiettivo di dare solidità ad una squadra che davanti dimostra sempre di essere pericolosa con le verticalizzazioni a cercare il proprio capitano.
Domenica amara invece per il Bologna di Sinisa Mihajlovic che non sfrutta a pieno la superiorità numerica e paga la grave ingenuità di Soumaro e subisce il ritorno dei biancocelesti nella ripresa.

Il Bologna dovrà ancora lavorare molto sui propri giovani, di talento assoluto ma ancora privi della giusta esperienza per trascinare gli emiliani ad un campionato ad medio-alti livelli.
La Lazio aspetta ora il risultato di Roma e Juventus con la consapevolezza di aver ottenuto una vittoria fondamentale per dare sicurezza all’ambiente ed iniziare nel migliore dei modi il cammino verso la qualificazione in Champions League