La guerra in Ucraina rafforza il profilo internazionale della Polonia

Gli Stati Uniti hanno annunciato l’installazione di una base militare permanente in Polonia, e Bruxelles ha mosso i primi passi per sbloccare i fondi di recupero per la pandemia.

Andrzej Duda
Andrzej Duda – NanoPress.it

La Polonia era diventata, per mano del governo ultraconservatore di diritto e giustizia (PiS) che governa dal 2015, sinonimo di problemi e partner estremamente scomodo nell’Unione europea a causa della sua deriva autoritaria e nazionalista. L’invasione russa dell’Ucraina ha riconfigurato la mappa geopolitica europea e in questo terreno travagliato Varsavia è emersa come un attore chiave sul fianco orientale.

La Polonia è lanciato nell’accoglienza dei profughi e si è messo in prima linea contro Mosca

Il Paese si è lanciato nell’accoglienza dei profughi e si è messo in prima linea contro Mosca all’inizio della guerra. Con la sua credibilità rafforzata, l’Esecutivo ha ottenuto due recenti successi: l’installazione di una base militare americana permanente nel Paese e il via libera per sbloccare i fondi di recupero che la Commissione europea aveva congelato a causa dei danni allo stato di diritto. I critici del governo PiS dentro e fuori il Paese chiedono che questo nuovo profilo internazionale non distolga l’attenzione dal deterioramento della democrazia polacca.

La Polonia è particolarmente preoccupata per il conflitto che ha scosso l’Europa, per ragioni storiche e, soprattutto, geografiche: è l’unico membro dell’UE e della NATO che confina sia con l’Ucraina che con la Russia e conosce bene Mosca. Come spiega telefonicamente Aleks Szczerbiak, Professore di Politica all’Università del Sussex (Regno Unito), Varsavia “avvisava da tempo del desiderio imperialista e dell’aggressività del Cremlino, mentre altri attori cercavano di sviluppare uno stretto legame economico e diplomatico cravatte.” Il tempo è finito per dare ragione alla Polonia.

Detto questo, il Paese ha ricevuto una dose di credibilità proporzionale a quella che gli altri hanno perso. Slawomir Debski, direttore del Polish Institute of International Affairs, un think tank che consiglia il governo, afferma in una videochiamata che “a Washington, Londra e in una certa misura a Berlino e Parigi, hanno capito che la Polonia aveva ragione e la Germania aveva ragione, avevo torto”. A suo avviso, nella nuova era che si è aperta dopo l’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio, Varsavia è diventata “il leader morale del mondo libero e il principale alleato dell’Ucraina”.

I massimi leader europei del Paese sono passati attraverso il Paese negli ultimi mesi, pieni di parole di gratitudine per il loro impegno nell’accogliere i rifugiati ucraini e nell’organizzare spedizioni di aiuti umanitari e militari a Kiev. Dagli Stati Uniti hanno ricevuto anche la visita, prima, del vicepresidente, Kamala Harris, e il 26 marzo, del presidente, Joe Biden, che ha tenuto un discorso dai richiami storici. Il presidente polacco Andrzej Duda lavorava da tempo per ristabilire i rapporti con gli Stati Uniti, che erano, secondo Szczerbiak, “terribili, senza alcun contatto”.

La guerra ha dato una spinta formidabile a questi sforzi e la Polonia ha ottenuto ciò che cercava da anni e che non ha ottenuto con l’amministrazione Donald Trump. Biden ha annunciato la scorsa settimana al vertice della NATO a Madrid la sua intenzione di installare un quartier generale permanente per il Quinto Corpo d’Armata e posizionare un battaglione di supporto. “Si tratta di un progresso molto significativo”, afferma l’esperto di politica polacca dell’Università del Sussex, che lo descrive come “un successo di politica estera”.

“La Polonia è ora nella stessa posizione della Germania occidentale durante la Guerra Fredda – senza i movimenti per la pace – come stato chiave per le forze militari occidentali contro la Russia”. L’annuncio, sottolinea Szczerbiak, mostra che gli Stati Uniti stanno dando la priorità alla sicurezza, “rispetto ad altre questioni problematiche, come lo stato di diritto, l’aborto, i diritti LGTB, ecc., che non sono nemmeno secondarie, ma sono totalmente retrocesse”.

Il Paese è ora nella stessa posizione della Germania occidentale durante la Guerra Fredda

In ambito europeo, questa nuova notorietà polacca coincide con il via libera del 1° giugno ai fondi per la ripresa della pandemia, 35.400 milioni di euro tra sovvenzioni e prestiti tanto necessari, ora che l’inflazione e le nuvole economiche stanno peggiorando, con le elezioni politiche un anno di distanza. Il governo di Mateusz Morawiecki ha promesso di raggiungere una serie di pietre miliari, attraverso riforme del sistema giudiziario che garantiscano l’indipendenza dei magistrati, tra l’altro, per ricevere i trasferimenti che Bruxelles aveva paralizzato.

Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg – NanoPress.it

Nessuno è soddisfatto dell’affare, però. Come spiega il presidente del think tank Institute of Public Affairs (IPA), Jacek Kucharczyk: “Il governo finge di fare delle riforme e la Commissione finge di crederci”. Mentre la Polonia ha rafforzato la sua politica estera, le relazioni con il suo partner UE più vicino, l’Ungheria, sono ai minimi storici. Debski non crede che si possano ricomporre, perché la posizione di Budapest “è una linea rossa” per Varsavia. Szczerbiak, che osserva il Paese dal Regno Unito, sottolinea che “a lungo termine il progetto del governo PiS è quello di costruire un potere alternativo che blocchi l’asse franco-tedesco”.

Per raggiungere questo obiettivo, la Polonia può cercare alleanze in altri paesi dell’Est. Un’altra domanda è che li trova, aggiunge, “perché cercano di lavorare con le principali potenze europee, in particolare la Germania“. Con Berlino, il direttore dell’Istituto polacco per gli affari internazionali, Debski, prevede “tensioni”, perché Varsavia continuerà a premere forte contro Mosca e contro soluzioni che non portino alla vittoria dell’Ucraina. Ci sono già stati, come quando Duda ha paragonato i tentativi di Francia e Germania di colloqui con la Russia a negoziare con Hitler.

La Polonia non cederà a questo sforzo, indipendentemente da chi governi. La posizione su Mosca unisce una popolazione profondamente polarizzata: il 94% dei polacchi vede la Russia come una delle principali minacce, rispetto al 65% del 2018, secondo Pew Research. Nel breve-medio termine, Kucharczyk ritiene che il “messaggio della Polonia che preme per la vittoria dell’Ucraina senza concessioni [che sostiene, chiarisce] sarà criticato e il Paese sarà più isolato rispetto a un mese fa”.

I punti che ha guadagnato con i rifugiati possono anche essere persi, perché, come dice Duszczyk, “accogliere non è lo stesso che integrare”. Ma alla lunga, anche se la nuova immagine internazionale della Polonia va in declino e si parla ancora una volta del Paese per i suoi scontri con i valori liberaldemocratici, tutti credono che la guerra avrà degli effetti durevoli. “Non riesco a immaginare una conversazione sulla Russia o sull’Ucraina in cui la Polonia non venga presa in considerazione”, conclude Duszczyk.