La Germania stanzia 100 miliardi di euro per modernizzare l’esercito

Il governo e l’opposizione conservatrice in Germania, hanno concordato un accordo che rilascerà 100 miliardi di euro (107 miliardi di dollari) per modernizzare l’esercito di fronte alla minaccia russa.

Olaf Scholz
Olaf Scholz – NanoPress.it

La Germania si riarma dai tempi della Guerra Fredda

Domenica scorsa la Germania ha raggiunto un accordo per creare un fondo speciale per gli appalti militari, che consentirà anche a Berlino di raggiungere l’obiettivo della NATO di spendere il 2% del prodotto interno lordo per la difesa.

L’accordo, che prevede la modifica delle regole di bilancio nella costituzione nazionale, è stato raggiunto dopo settimane di difficili negoziati tra i partiti della coalizione di governo, e i conservatori dell’ex cancelliera Angela Merkel.

Tre giorni dopo l’invasione russa dell’Ucraina a febbraio, il cancelliere Olaf Scholz ha promesso un budget speciale di 100 miliardi di euro per riarmare l’esercito tedesco e modernizzare il suo equipaggiamento obsoleto.

Ma da allora i critici hanno accusato Scholz di timidezza nel suo sostegno a Kiev e di non aver intrapreso azioni concrete sufficienti in termini di consegne di armi. L’accordo consentirà a Berlino di raggiungere l’obiettivo della NATO di spendere il 2% del PIL per la difesa “in diversi anni”, secondo il testo ottenuto dall’AFP.

Il fondo eccezionale sarà finanziato da un ulteriore debito. Per questo era necessario, da parte del Governo, aggirare la regola del “freno al debito” sancita dalla costituzione, che limita l’indebitamento del governo.

Questo era il motivo per cui il governo aveva bisogno del sostegno dell’opposizione conservatrice, per raccogliere la maggioranza dei due terzi necessaria in parlamento, per approvare l’emendamento costituzionale.

Anche il Giappone si impegna ad aumentare la produzione di armi

I 100 miliardi di euro saranno versati in un fondo speciale al di fuori del bilancio nazionale. Lo svincolo dei fondi per l’esercito rappresenta un importante capovolgimento per la Germania, che negli ultimi anni ha sempre discusso per rispettare gli impegni di spesa della Nato, suscitando critiche in particolare da Washington.

Fumio Kishida
Fumio Kishida – NanoPress.it

L’inaspettato e drammatico ripensamento della Germania arriva quando i leader in Giappone discutono di raddoppiare il budget per la difesa dei loro paesi. Durante un vertice con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden la scorsa settimana, il primo ministro Fumio Kishida si è impegnato a rompere efficacemente con un tabù di lunga data a Tokyo sull’aumento della spesa per la difesa, giurando di “assicurarsi un aumento sostanziale”.

I piani di Kishida arrivano dopo che il suo Partito Liberal Democratico al governo ha raccomandato alla fine del mese scorso, che il governo raddoppi effettivamente il bilancio della difesa del paese al 2% del PIL entro cinque anni, in un “ambiente di sicurezza sempre più severo”.

Un aumento così rapido e ampio, a lungo sollecitato da alcuni negli Stati Uniti, metterebbe il Giappone alla pari con l’obiettivo di spesa per la difesa dei paesi della NATO e fungerebbe da potenziale freno alla Cina. Ma un massiccio aumento del budget della difesa sarebbe una questione delicata in Giappone, che ha mantenuto a lungo il suo limite informale, principalmente nel tentativo di mantenersi in linea con la costituzione pacifista del paese.

Con alcuni legislatori giapponesi che affermano che le ripercussioni della guerra in Ucraina vanno ben oltre l’Europa, un sondaggio pubblicato la scorsa settimana da Kyodo News ha rilevato che il 43,1% degli intervistati ha sostenuto l’idea che il governo aumenti il ​​suo budget per la difesa “in una certa misura”.

La Germania, dal canto suo, ha notevolmente ridotto le dimensioni del suo esercito dalla fine della Guerra Fredda, da circa 500.000 nel 1990 a solo 200.000 di oggi. Meno del 30% delle navi militari tedesche sono “pienamente operative”, secondo un rapporto pubblicato a dicembre sullo stato delle forze armate.

Molti degli aerei da combattimento del paese non sono idonei al volo. Ma l’invasione dell’Ucraina ha messo in moto un paese intriso di pacifismo sin dagli orrori dell’era nazista.