La Germania regolarizza 100.000 stranieri senza permesso di soggiorno

Una riforma legale aprirà le porte a coloro che sono in Germania da cinque anni e non hanno commesso un reato, tra le altre condizioni per il soggiorno permanente.

Olaf Scholz
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz – Nanopress.it

Il governo della Germania ha approvato questo mercoledì una riforma della politica di immigrazione che promuoverà la regolarizzazione di oltre 100.000 stranieri senza permesso di soggiorno, se in possesso di determinati requisiti. Il provvedimento riguarda le persone in situazione irregolare che si trovano da anni nel Paese e che non sono state espulse nei Paesi di origine per motivi amministrativi o umanitari; sono popolarmente conosciuti come Geduldete (una parola che significa ‘tollerato’ in tedesco).

La Germania, dopo i turchi e i curdi, continua il processo di integrazione

“Questo è un cambio di prospettiva, vogliamo che le persone che sono ben integrate in Germania abbiano reali opportunità”, ha detto il ministro dell’Interno, la socialdemocratica Nancy Faeser, in un’apparizione a Berlino. Il progetto, che deve ancora essere approvato dal Parlamento, aprirà le porte alla regolarizzazione per coloro che, dal 1 gennaio 2022, risiedono nel Paese da cinque anni e non hanno commesso reati o hanno nascosto la propria identità per evitare un espulsione.

Riceveranno un permesso di soggiorno provvisorio di un anno in cui devono soddisfare altri requisiti, come la capacità di mantenersi finanziariamente e parlare tedesco, per poter poi beneficiare di un permesso di lungo periodo. Il consiglio dei ministri ha inoltre approvato l’agevolazione del ricongiungimento familiare dei lavoratori qualificati, e la semplificazione delle procedure per l’accesso dei richiedenti asilo all’integrazione e ai corsi di lingua.

Il disegno di legge che consentirà agli stranieri privi di documenti di regolarizzare la propria situazione è approvato in un momento in cui la principale economia europea sta vivendo una carenza di manodopera senza precedenti. “Vogliamo creare una legge sull’immigrazione moderna”, ha affermato Faeser. Il governo cerca anche di accelerare l’integrazione dei giovani. I minori di 27 anni possono, in determinate circostanze, richiedere la residenza permanente dopo soli tre anni di soggiorno nel paese.

Inoltre, la riforma della legge sull’immigrazione cercherà di rendere la Germania una destinazione più attraente per i migranti qualificati. Come spiegato da Faeser, la riforma faciliterà il rilascio dei visti ai parenti di questi professionisti qualificati, che in futuro potranno risiedere nel Paese senza dover dimostrare la conoscenza della lingua.

Nel 2021 l’economia tedesca stimava un deficit di manodopera di 400.000 lavoratori

La legge consentirà, invece, di estendere la detenzione degli stranieri che hanno commesso reati da un massimo di tre a sei mesi, in modo che le autorità abbiano più tempo per organizzare l’espulsione, spesso complessa dal punto di vista amministrativo.

Robert Habeck
Robert Habeck – NanoPress.it

Alla fine dello scorso anno, l’economia tedesca stimava un deficit di manodopera di 400.000 lavoratori e da allora le strozzature sono solo aumentate. Il produttore di componenti per auto Continental, ad esempio, ha chiesto al governo un processo di immigrazione “gestito” per i lavoratori qualificati per far fronte alla carenza di personale. Ha affermato di aver bisogno di 2.500 nuove persone ogni anno, soprattutto nel settore del software e della logistica.

La coalizione di governo di socialdemocratici, verdi e liberali che ha preso il potere alla fine dell’anno scorso ha promesso una profonda revisione della politica sull’immigrazione obsoleta del paese. Sono previsti due pacchetti di misure che introdurranno un sistema di ingresso a punti per i lavoratori stranieri e faciliteranno l’ottenimento della cittadinanza. Secondo le statistiche ufficiali, al 31 dicembre 2021 c’erano 242.029 stranieri tollerati in Germania, 136.605 dei quali per più di cinque anni.

Anche in Italia il problema degli immigrati che rimagono clandestini si pone ormai da anni, ma ancora nessuna forza politica ha avuto la voglia o il coraggio di affrontarlo. Anche da noi manca manodopera e personale specializzato, quindi il vantaggio sarebbe reciproco: aiutare persone in difficoltà dando loro un posto dove vivere, in modo da aiutare il Paese ad aumentare la produzione.