La Germania accusa la Russia di ‘sabotare’ il Nord Stream 1

Olaf Scholz, premier della Germania, mercoledì ha accusato la Russia di aver bloccato la consegna di una turbina dal gasdotto Nord Stream 1, che è fermo nella città di Colonia perché le autorità russe non hanno ancora dato il permesso per il suo ingresso nel Paese.

Nord Stream 1
Il gasdotto di Gazprom verso la Germania – Nanopress.it

“La turbina è pronta, non ci sono motivi per non trasportarla in Russia”, ha detto Scholz mercoledì dopo una visita alla sede Siemens a Muelheim an der Ruhr. “Non c’è motivo di non rispetto dei contratti di fornitura del gas“, ha aggiunto il socialdemocratico.

Germania: la turbina è pronta, non ci sono motivi per non trasportarla in Russia

Sul campo, il comando militare dell’Ucraina meridionale ha avvertito dei preparativi osservati tra le truppe russe per lanciare un nuovo attacco in quella parte del Paese, presumibilmente con lo scopo di occupare il resto della regione di Kherson che non controlla ancora.

Intanto il mercantile Razoni, il primo a trasportare cereali ucraini dall’inizio dell’offensiva russa il 24 febbraio scorso, è stato ispezionato in Turchia dal centro di coordinamento creato dopo gli accordi che Mosca e Kiev hanno siglato con Ankara e le Nazioni Unite per riprendere il esportazioni. La nave, carica di 26mila tonnellate di mais, prosegue il suo viaggio verso Tripoli, nel nord del Libano.

Gli sforzi diplomatici occidentali per convincere i paesi produttori di petrolio ad aumentare le forniture hanno avuto scarse ricompense. L’OPEC+, l’organizzazione che riunisce i principali Stati esportatori e i loro alleati, ha deciso questo mercoledì di aumentare l’offerta di soli 100.000 barili al giorno a partire da settembre, uno dei più piccoli incrementi della sua storia. La cifra è ben al di sotto dei 430.000 di maggio e giugno e dei 650.000 di luglio e agosto.

Dopo aver appreso della misura, sia il prezzo al barile del greggio Brent – un riferimento in Europa – che lo statunitense West Texas hanno ridotto i loro ribassi e sono saliti sopra l’1%, per poi tornare in perdita. In un comunicato pubblicato al termine dell’incontro, tenuto in videoconferenza, i paesi produttori hanno giustificato il piccolo aumento dell’offerta con tutta una batteria di argomentazioni.

Dicono che la capacità in eccesso è attualmente limitata, quindi deve essere utilizzata “con grande cautela”, salvata per rispondere a gravi interruzioni dell’approvvigionamento. E hanno avvertito che questa carenza è una conseguenza della mancanza “cronica” di investimenti nel settore petrolifero.

Inoltre, hanno notato che le scorte di petrolio dell’OCSE erano pari a 2.712 milioni di barili a giugno, 163 milioni in meno rispetto all’anno precedente e 236 milioni al di sotto della media 2015-2019. E che le riserve di emergenza sono al livello più basso da oltre tre decenni.