La Francia riporta a casa 51 cittadini dai campi dell’IS in Siria

Le autorità della Francia hanno rimpatriato martedì 51 donne e bambini dalle ex aree controllate dallo Stato Islamico in Siria, secondo una dichiarazione della procura nazionale antiterrorismo. 

Combattenti Isis
Combattenti Isis – NanoPress.it

È il più grande ritorno di donne e bambini in Francia dai campi nel nord-est della Siria dalla sconfitta territoriale del gruppo dello Stato Islamico nel marzo 2019. La Francia ha visto più cittadini partire per unirsi all’IS di qualsiasi altro paese in Europa. Il gruppo di martedì è composto da 16 donne, di età compresa tra 22 e 39 anni, e 35 minori, sette delle quali arrivano in Francia non accompagnate da adulti.

La Francia ha visto più cittadini partire per unirsi all’IS di qualsiasi altro paese in Europa

Tutte le donne del gruppo tranne due sono cittadine francesi. Dodici donne sono tornate con i loro figli e quattro delle donne avevano precedentemente acconsentito al ritorno dei loro figli, secondo la dichiarazione del pubblico ministero. Otto donne sono state arrestate per essere interrogate e le altre otto sono state detenute con mandato d’arresto.

I bambini sono stati affidati alle cure dei servizi di protezione dell’infanzia annessi al tribunale giudiziario di Versailles.Uno dei 35 minori è in custodia di polizia con l’accusa di aver partecipato ad attività di un’impresa criminale terroristica, secondo la dichiarazione del pubblico ministero.

La minorenne compirà a breve 18 anni, si legge nella nota.Molti paesi europei sono stati lenti a consentire il ritorno di donne e bambini per paura che si rivoltassero violentemente alle loro terre d’origine. La Francia, che ha visto più dei suoi cittadini unirsi all’IS in Siria di qualsiasi altro paese europeo e ha subito numerosi attacchi mortali a partire dal 2015, è stata particolarmente riluttante. 

Le autorità francesi hanno insistito sul fatto che gli adulti che hanno combattuto con l’IS dovrebbero essere perseguiti nel paese in cui hanno commesso i crimini. A dicembre, una francese di 28 anni affetta da diabete è morta in un campo in Siria, lasciando orfana la figlia di 6 anni, secondo l’avvocato della famiglia, che ne chiedeva il ritorno dal 2019.

Ora che questa situazione è stata affrontata e risolta, sono ancora moltissime le persone che si trovano in difficoltà e devono essere aiutate. Il governo francese, visti gli stretti legami con la Siria, se ne sta prendendo cura.

Tutte le donne del gruppo tranne due sono cittadine francesi

Tutte le donne del gruppo tranne due sono cittadine francesi. Dodici donne sono tornate con i loro figli e quattro delle donne avevano precedentemente acconsentito al ritorno dei loro figli, secondo la dichiarazione del pubblico ministero. Otto donne sono state arrestate per essere interrogate e le altre otto sono state detenute con mandato d’arresto.

Emmanuel Macron
Emmanuel Macron – NanoPress.it

I bambini sono stati affidati alle cure dei servizi di protezione dell’infanzia annessi al tribunale giudiziario di Versailles.Uno dei 35 minori è in custodia di polizia con l’accusa di aver partecipato ad attività di un’impresa criminale terroristica, secondo la dichiarazione del pubblico ministero.

La minorenne compirà a breve 18 anni, si legge nella nota.Molti paesi europei sono stati lenti a consentire il ritorno di donne e bambini per paura che si rivoltassero violentemente alle loro terre d’origine. La Francia, che ha visto più dei suoi cittadini unirsi all’IS in Siria di qualsiasi altro paese europeo e ha subito numerosi attacchi mortali a partire dal 2015, è stata particolarmente riluttante. 

Le autorità francesi hanno insistito sul fatto che gli adulti che hanno combattuto con l’IS dovrebbero essere perseguiti nel paese in cui hanno commesso i crimini. A dicembre, una francese di 28 anni affetta da diabete è morta in un campo in Siria, lasciando orfana la figlia di 6 anni, secondo l’avvocato della famiglia, che ne chiedeva il ritorno dal 2019.