Johnson accusato di mentire sullo scandalo sessuale di Pincher

Cresce il numero di critici che accusano il primo ministro Johnson di insabbiare il caso relativo a Chris Pincher, suo alleato politico.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

L’onestà di Boris Johnson è stata nuovamente messa in discussione questo martedì, quando un alto funzionario ha accusato il premier di non essere veritiero sulla sua precedente conoscenza delle accuse al suo vice Chris Pincher, protagonista dell’ultimo scandalo del Partito conservatore.

Dopo i festini a Downing Street, Johnson di nuovo nei ‘guai’

Ore dopo che Johnson ha superato, un mese fa, la mozione di censura interna al gruppo parlamentare conservatore, sullo scandalo del partito di Downing Street durante la reclusione, Pincher ha spiegato a chiunque volesse ascoltare che “Boris” era una macchina vincente insostituibile alle elezioni.

Giovedì scorso Pincher ha presentato le sue dimissioni da numero due del gruppo parlamentare conservatore (vice frustino, o secondo “frusta”, come sono detti gli incaricati di dirigere le votazioni a nome del Governo) dopo che due uomini lo hanno accusato di aver tentato di molestarli sessualmente, mentre versava in uno stato di ubriachezza che ha costretto i suoi compagni a rimandarlo a casa in taxi. È successo nell’esclusivo Carlton Club di St. James Street, uno di quei club per gentiluomini londinesi così popolari tra i parlamentari conservatori.

“Caro Primo Ministro. Ieri sera ho bevuto troppo. Ho messo in imbarazzo me stesso e le altre persone, ed è l’ultima cosa che voglio fare. Mi scuso con te e tutte le persone coinvolte”, ha spiegato Pincher nella lettera che ha inviato a Johnson. Ha annunciato le sue dimissioni da numero due del gruppo parlamentare. Downing Street ha considerato l’incidente chiuso. Il deputato manterrebbe il suo incarico e non sarebbe espulso dal partito.

Il problema è arrivato quando i portavoce di Johnson hanno insistito sul fatto che il premier non fosse a conoscenza delle varie accuse mosse a Pincher per le sue continue molestie sessuali a giovani consiglieri e colleghi, quando lo scorso febbraio ha deciso di mettere il deputato in una posizione così delicata. Aveva un disperato bisogno di alleati leali in prima linea nella disciplina parlamentare, in un ambiente di crescente ribellione e disordini interni.

Questo martedì, l’accusa più dannosa contro Johnson è arrivata sotto forma di una lettera a sorpresa. Simon McDonald, ex segretario permanente del ministero degli Esteri (il più alto funzionario del dipartimento) ha inviato un messaggio alla presidente della commissione etica parlamentare, Kathryn Stone, considerata dallo stesso governo Johnson una pericolosa rivale che vuole prendere il primo posto ministro.

Un gruppo di senatori cercherà ancora di far dimettere nuovamente il Primo Ministro

“I media ripetono da giorni affermazioni false da Downing Street. Ad esempio, che le denunce formali non sono mai state presentate contro il signor Pincher. Non è vero”, ha accusato McDonald. “Il signor Johnson è stato informato personalmente dell’avvio e dell’esito delle indagini [condotte nell’estate del 2019]”, ha affermato McDonald nella sua lettera. In quell’anno Pincher era stato nominato Segretario di Stato per l’Europa e le Americhe. Un paio di anni prima, l’ex canottiere e sostenitore conservatore, Alex Story, ha accusato il politico di fare approcci non consensuali, “comportandosi come un Harvey Wenstein”.

Chris Pincher
Chris Pincher – NanoPress.it

E nel febbraio di quest’anno, un parlamentare conservatore ha anche denunciato le manovre di bullismo alla leadership del gruppo compiute da Pincher. Non sono stati tanto i diversi episodi con protagonista il deputato, nessuno con una categoria di reato penale, ma ancora una volta la sensazione del modo in cui Johnson e il suo team hanno distorto la verità, che ha agitato ancora una volta le acque nel Partito conservatore. Nei giorni successivi allo scoppio dello scandalo, diversi membri del governo si sono rivolti, come cavie, ai media, per difendere versioni che Downing Street ha subito corretto o chiarito.

In primo luogo ha affermato che Johnson non era a conoscenza del comportamento di Pincher. In seguito è stato ammesso che il primo ministro era stato informato, ma “che le denunce [contro il deputato] non sono mai state motivate o non hanno portato a un fascicolo formale”, ha affermato un portavoce del governo. “Ci sono state denunce formali”, ha spiegato McDonald nella sua lettera. «E il signor Pincher non è stato esonerato. Definire le accuse come ‘prive di fondamento’ non è quindi corretto”.

Lo scorso aprile, la maggioranza dei parlamentari conservatori, contrariamente all’ordinanza iniziale emessa da Downing Street, si è astenuta nel voto che chiedeva alla commissione etica del Parlamento di indagare su Johnson, con il sospetto che fosse stato falso nelle sue spiegazioni su ciò che sapeva o non sapeva delle parti durante la reclusione. Quella stessa commissione, il cui rapporto è atteso in autunno, ora ha tra le mani una lettera che mette il presidente del Consiglio in una situazione più scomoda.

Molti dei deputati conservatori che hanno organizzato la mozione di censura interna all’inizio di giugno stanno già manovrando per imporre un nuovo voto entro la fine dell’anno. Dovrebbero cambiare le regole interne del gruppo parlamentare, che impediscono la presentazione di una nuova mozione fino a un anno dopo la precedente, ma è un meccanismo relativamente semplice da attuare.

“È chiaro che il Presidente del Consiglio conosceva la gravità delle accuse e ha deciso comunque di promuovere questo signore a una posizione elevata nel governo. Non ha voluto fare niente e ha mentito su quello che sapeva”, ha accusato Angela Rayner, numero due dell’opposizione laburista.