La Corea del Nord sposta le armi nucleari al confine

La Corea del Nord si sta preparando a schierare armi nucleari tattiche lungo il confine con la Corea del Sud, che è solo a breve distanza dai 26 milioni di persone che vivono a Seoul, la sua capitale.

kim jong un
Kim jong un – NanoPress.it

La Corea del Nord ha già migliaia di armi convenzionali puntate contro la Corea del Sud, ma spostare i suoi missili nucleari a corto raggio al confine, sarebbe il segno più chiaro che Kim sta cercando di usare le sue armi nucleari per minacciare sia il suo vicino sia indirettamente gli Stati Uniti.

Corea del Nord e le sue continue provocazioni

Insieme agli apparenti preparativi della Corea del Nord per il suo primo test nucleare in cinque anni, c’è un profondo scetticismo tra gli osservatori, sul fatto che la diplomazia possa convincere il paese ad abbandonare le sue armi nucleari. Durante una riunione militare che si è conclusa giovedì, Kim e altri alti funzionari hanno confermato ulteriori “doveri operativi” e “piani operativi modificati” per le unità militari vicino al confine con la Corea del Sud.

I dispacci dei media statali non menzionano direttamente le armi nucleari. Ma esperti esterni ritengono che il linguaggio vago della Corea del Nord segnali la sua intenzione di schierare al confine sistemi di armi nucleari tattiche. Basano la loro valutazione sui recenti commenti pubblici della Corea del Nord e su una serie di test di missili nucleari a corto raggio, progettati per attaccare strutture strategiche in Corea del Sud, comprese le basi militari statunitensi lì.

Un grande indizio è arrivato ad aprile, quando la Corea del Nord ha sperimentato un’arma di nuova concezione, che avrebbe migliorato il funzionamento efficiente delle “atomi nucleari tattiche”, e avrebbe aumentato la potenza di fuoco delle unità di artiglieria di prima linea. Kim ha poi detto che avrebbe potuto usare il suo programma nucleare in modo preventivo se provocato.

Le armi che probabilmente verranno dispiegate al confine sono alcuni dei missili a corto raggio più mobili, a combustibile solido, che la Corea del Nord ha cominciato a lanciare da quando la diplomazia nucleare con gli Stati Uniti è crollata nel 2019. La Corea del Nord ha chiamato quei missili, che secondo esperti stranieri sono potenzialmente in grado di eludere le difese missilistiche sudcoreane e statunitensi.

La Corea del Sud rafforza le sue difese con l’aiuto degli USA

È probabile che la Corea del Nord abbia già acquisito la tecnologia per armare i suoi missili con testate nucleari, quindi il suo dispiegamento di armi nucleari tattiche potrebbe avvenire in qualsiasi momento, ha affermato Kim Taewoo, ex capo dell’Istituto coreano per l’unificazione nazionale finanziato dallo stato a Seoul. Alcuni esperti, tuttavia, hanno affermato che la Corea del Nord potrebbe non schierare missili nucleari a causa di possibili problemi nel mantenerli.

La Casa Bianca
La Casa Bianca – NanoPress.it

L’apparente spinta della Corea del Nord a dispiegare armi nucleari tattiche, potrebbe far parte del recente voto di Kim di contrastare la “forza di forza” degli Stati Uniti, in un momento in cui la diplomazia nucleare è in stallo. Arriva anche mentre Washington e Seoul lavorano per rafforzare le loro capacità di difesa combinate, per far fronte alle minacce nucleari nordcoreane.

Il nuovo governo conservatore della Corea del Sud, entrato in carica il mese scorso, ha affermato che amplierà le sue capacità di armi convenzionali e rafforzerà le sue difese insieme agli Stati Uniti. Mentre le Coree hanno evitato grandi conflitti dalla fine della guerra di Corea del 1950-53, negli ultimi anni ci sono state schermaglie mortali e attacchi che hanno ucciso dozzine di persone.

Il nuovo presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol, durante un vertice con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden il mese scorso, si è assicurato un impegno degli Stati Uniti sul dispiegamento regionale di risorse strategiche statunitensi, come bombardieri a lungo raggio e portaerei, in risposta alle provocazioni della Corea del Nord. Ma Yoon ha detto che non perseguirà lo sviluppo nucleare né chiederà agli Stati Uniti di ridistribuire armi nucleari in Corea del Sud come deterrente contro la potenziale aggressione della Corea del Nord.

Gli esperti affermano che è solo questione di tempo prima che la Corea del Nord conduca un test nucleare, che è visto come un passo essenziale per ampliare il suo arsenale nucleare secondo il piano quinquennale di Kim. Un tale test probabilmente complicherebbe ulteriormente la spinta a riprendere la diplomazia nucleare.