La Corea del Nord annulla il lockdown: ‘Il Covid è sotto controllo’

La Corea del Nord ha rimosso le misure di lockdown legate al virus Covid-19 che erano in vigore da più di due settimane, soprattutto nella sua capitale.

kim jong un
Kim jong un – NanoPress.it

La Corea del Nord afferma che la pandemia è sotto controllo

Le autorità nord coreane hanno affermato che le politiche del leader Kim Jong Un hanno controllato il primo focolaio di Covid nel paese. Il regime di Kim ha parzialmente revocato il blocco a Pyongyang e allentato i cordoli nelle “aree stabilizzate”, questo ha riferito l’agenzia di stampa Yonhap della Corea del Sud oggi, dopo aver interpellato fonti diplomatiche.

I residenti di Pyongyang sono stati autorizzati a lasciare le loro case per la prima volta dal 12 maggio e i negozi stavano lentamente riaprendo. La Corea del Nord non ha consentito ai governi esterni di farsi aiutare con la pandemia, e non ha permesso a nessuno di verificare i numeri di casi di covid.

Di certo il governo nord coreano non può moitorare i casi effettivi di Covid, in quanto il suo sistema di salute pubblica, obsoleto, antiquato, senza nessun tipo di tecnologia moderna e senza vaccini, non è in grado di sviluppare diagnosi né tantomeno terapie.

L’Eritrea e l Corea del Nord sono gli unici due paesi che non hanno somministrato vaccini, mettendo a rischio la loro popolazione. Kim ha annullato le misure di blocco poche ore dopo aver guidato una riunione del Politburo domenica, ha affermato NK News.

I media ufficiali dello stato hanno affermato lo stesso giorno che “la situazione della pandemia viene controllata ed è migliorata in tutto il paese“, con un altro rapporto che afferma che i casi giornalieri sono diminuiti di circa il 75% da un picco di 392.920 due settimane fa.

Kim non vuole i vaccini degli USA e della Corea del Sud

I residenti devono ancora sottoporsi a “controlli della temperatura, utilizzare disinfettante per le mani e seguire le istruzioni degli operatori di risposta alla pandemia”, ha aggiunto NK News. La Corea del Nord non ha chiamato le centinaia di migliaia di casi di febbre “Covid”, probabilmente perché non dispone di kit di test sufficienti per confermare che i casi siano stati causati dal coronavirus.

kim jong un con la mascherina
kim jong un con la mascherina – NanoPress.it

Kim ha mobilitato le truppe per cercare di contenere la diffusione di quella che lo stato chiama un’epidemia “dannosa”, e il suo apparato di propaganda ha dato il via a una campagna per fermare la diffusione. I media statali hanno cercato di ritrarre Kim che porta avanti gli sforzi di controllo della pandemia, e ha attribuito la colpa delle carenze ai quadri che non hanno seguito la sua guida.

La Corea del Nord in precedenza aveva affermato di essere sfuggita alla pandemia, un’affermazione messa in dubbio dai funzionari negli Stati Uniti, in Giappone e altrove. Kim è stato probabilmente costretto ad ammettere che c’è stato un problema, quando la diffusione delle infezioni a Pyongyang questo mese è diventata troppo grande per essere nascosta, secondo quanto riportato dagli analisti.

Kim, nel frattempo, ha messo in mostra la potenza militare del paese. Il suo stato ha lanciato tre missili balistici il 12 maggio, poche ore dopo aver affermato di avere il Covid ai suoi confini per la prima volta. Ha sparato un’altra raffica di tre missili il 25 maggio, poche ore dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden aveva concluso una visita nella regione, testando i suoi sforzi per rafforzare i legami di difesa con la Corea del Sud e il Giappone.

L’allentamento del blocco arriva dopo che la Cina ha segnalato nuovi casi di Covid-19 nelle città al confine con la Corea del Nord. Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si sono offerti di fornire vaccini Covid alla Corea del Nord, ma Pyongyang deve ancora rispondere all’offerta, secondo Washington e Seoul.