La coalizione guidata dagli Stati Uniti cattura leader dell’Isis

Forze speciali guidate dagli Stati Uniti, supportate da elicotteri, sono intervenute per la prima volta in un’area ribelle controllata dalla Turchia per fermare un “esperto fabbricante di bombe”.

Combattenti Isis
Combattenti Isis – NanoPress.it

La coalizione internazionale contro lo Stato Islamico (ISIS, dal suo acronimo in inglese), guidata dagli Stati Uniti, ha catturato all’alba di questo giovedì uno dei capi dell’organizzazione jihadista nel nord della Siria, in un’operazione a bordo di elicotteri e forze speciali.

Gli Stati Uniti con un blitz in Siria catturano Hani Ahmed al Kurdi

Il comunicato ufficiale diffuso dalla coalizione non ha rivelato l’identità del detenuto, ma ha evidenziato che si tratta di “un esperto istruttore di bombe, diventato uno dei principali leader del gruppo in Siria“, e che né i membri del commando, né la popolazione civile, ha subito danni.

Il generale Michael Erik Kurilla, capo del comando centrale degli Stati Uniti (Asia e Medio Oriente), ha dichiarato che l’azione armata alleata “ha riaffermato l’impegno della coalizione per la sicurezza della regione”.

I comandanti del Pentagono citati dal Washington Post hanno identificato il leader jihadista catturato come Hani Ahmed al Kurdi, che avrebbe servito come governatore di Raqa, la città che era la capitale del califfato nel nord-est della Siria, e considerato uno dei leader più influenti dell’ISIS.

Il colpo di stato rappresenta il primo intervento della coalizione contro l’Isis nel territorio controllato dal gruppo ribelle Syrian National Army (SNA), sostenuto militarmente dalla Turchia, nel nord del Paese arabo. Il maggiore Yussef Hamud, portavoce dell’Sna, ha detto a Reuters che le forze speciali della coalizione hanno effettuato l’attacco con elicotteri da trasporto Black Hawk e Chinook nel villaggio di Al Humaira, situato vicino al confine siriano-turco.

“Questa è la prima operazione in cui elicotteri statunitensi sono atterrati in quest’area”, ha sottolineato Hamud. L’Osservatorio siriano per i diritti umani, una ONG con sede nel Regno Unito che dispone di una fitta rete di informatori sul campo, ha confermato che una dozzina di elicotteri appartenenti alla coalizione internazionale contro lo Stato islamico, hanno partecipato all’alba a un intervento nel nord-ovest della Siria.

Lo Stato Islamico si è svegliato nel sangue

L’aereo ha sorvolato Al Sajor, nelle aree rurali del nord-est di Aleppo, in direzione di Al Humaira, dove si sono sentiti degli spari”, si legge in una nota dell’Ong. Secondo l’Osservatorio, gli elicotteri sono decollati dalla zona di Kobane, cittadina in mano alle forze curde alleate degli Usa, e si sono diretti verso le aree controllate dalle milizie Sna, sostenute dalla Turchia, nella provincia di Aleppo.

Michael Erik Kurilla
Michael Erik Kurilla – NanoPress.it

Membri della coalizione internazionale hanno affrontato uno scontro a fuoco con uomini armati barricati nelle case di Al Humaira. La coalizione guidata dagli Usa contro l’Isis continua a colpire i nuclei attivi dell’organizzazione jihadista dopo la sua sconfitta militare, che tre anni fa significò la scomparsa del califfato territoriale istituito nel 2014 a cavallo tra Iraq e Siria. Lo Stato Islamico si è svegliato nel sangue e nel fuoco dal suo sonno all’inizio di quest’anno con un assalto alla prigione di Hasaka nel nord-est della Siria.

Le forze curde sostenute dagli USA hanno schiacciato gli aggressori al termine di sei giorni di combattimenti, che hanno ucciso più di 500 persone. Le cellule dormienti dell’ISIS hanno cercato di raggrupparsi e reclutare combattenti tra le migliaia di prigionieri stipati nella prigione. L’operazione portata avanti questo giovedì dalla coalizione nel nord-ovest della Siria ricorda quella compiuta a febbraio dalle forze speciali statunitensi nella provincia di Idlib, ultimo baluardo dell’insurrezione islamista in Siria controllata dal gruppo Hayat Tahrir al Sham.

La precedente operazione aveva portato alla morte dell’ex leader supremo dello Stato Islamico, Abu Ibrahim al Hashemi al Quraishi. Questo leader aveva assunto il comando dopo la morte del fondatore dell’ISIS Abubaker al-Baghdadi, che ha perso la vita nel 2019 facendo esplodere esplosivi durante un raid delle forze speciali statunitensi per catturarlo, sempre nella provincia di Idlib.

Nuova minaccia dalla Turchia al confine

L’ultima operazione delle forze internazionali avviene nel contesto della minaccia della Turchia di lanciare una nuova offensiva nel nord della Siria, come quella compiuta nel 2019, principalmente contro le milizie curde alleate con Washington. I servizi segreti turchi ritengono di essere legati alla guerriglia del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK, nel suo acronimo turco), che tre decenni fa ha preso le armi contro il potere centrale ad Ankara.

Abdullah Öcalan
Abdullah Öcalan – NanoPress.it

Le forze democratiche siriane, una coalizione a guida curda che controlla gran parte del nord-est del Paese arabo, incolpano la Turchia di sostenere lo Stato islamico e di utilizzare le sue azioni armate per far valere i propri interessi. L’esercito americano è stato oggetto di gravi accuse di aver causato un elevato numero di vittime civili nelle sue operazioni contro lo Stato islamico in Iraq e Siria.

Secondo il Washington Post, il Pentagono ha riconosciuto il mese scorso che c’erano stati errori di calcolo negli attacchi aerei che nel marzo 2019 sono culminati a Baghuz, al confine orientale siriano-iracheno, con la sconfitta dell’ISIS e hanno causato la morte di civili, compresi i bambini.

Proclamato da Abubaker nel giugno 2014 nella grande moschea di Mosul, terza città irachena, il califfato territoriale ha cessato di esistere dopo aver accumulato un territorio equivalente a quello del Regno Unito e avere una popolazione simile a quella del Portogallo.

Le forze curde hanno dato battaglia ai jihadisti insieme a una coalizione internazionale guidata da Washington. In un conflitto in cui grandi potenze mondiali come Stati Uniti e Russia, e potenze regionali come Iran e Turchia, sono coinvolte in Siria da più di un decennio, la lotta contro l’ISIS è stata l’unico denominatore comune tra le parti opposte.

Sono state formulate accuse gravi come il tentato genocidio contro la minoranza yazida nel nord dell’Iraq o l’ordine di compiere massicci attacchi nei paesi occidentali pesano sui suoi militanti e leader imprigionati in Siria.