L’Iran accusa Salman Rushdie dell’attacco subito: “Aveva insultato l’Islam”

Iran: il governo di Teheran smentisce ogni rapporto con l’aggressore dello scrittore nella prima reazione ufficiale dopo l’accoltellamento.

Salman Rushdie
Salman Rushdie – NanoPress.it

A 4 giorni dall’attacco a Salman Rushdie negli Stati Uniti, l’Iran ha ufficialmente parlato per la prima volta di ritenere responsabili degli eventi lo scrittore britannico di origine indiana ei suoi sostenitori, per aver insultato l’Islam. Il portavoce del ministero degli Affari esteri, Nasser Kanaani, ha dichiarato lunedì che il suo governo “considera se stesso [Rushdie] e i suoi seguaci solo degni di condanna e rimprovero”.

Seguendo la linea ufficiale, tutti i media in Iran descrivono Rushdie come un “apostata”

In un commento citato da Reuters, il portavoce diplomatico ha avvertito: “Nessuno ha il diritto di accusare l’Iran di questi atti”. “Rushdie si era esposto alla rabbia popolare per aver insultato la santità dell’Islam e aver trasgredito una linea rossa per 1,5 miliardi di musulmani”, ha aggiunto. “La libertà di espressione non può giustificare abusi contro le religioni e i loro principi”.

Nonostante la fatwa (decreto islamico) decretata dal Grande Ayatollah Ruholah Khomeini 33 anni fa contro lo scrittore dopo la pubblicazione del libro di fantasia I versi satanici, l’Iran nega ogni responsabilità per l’attacco. “Respingiamo qualsiasi legame con l’attaccante”, ha sottolineato il portavoce Kanaani. “Tutto ciò che sappiamo sul caso viene dai media”, ha aggiunto. Nei media conservatori iraniani, la notizia è stata immediatamente accolta con elogi per l’aggressore di Rushdie.

Il principale quotidiano legato ai settori conservatori del regime, Kayhan, il cui direttore è nominato dalla guida suprema dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei, si è congratulato sabato con l’attaccante. “Bravo per quest’uomo coraggioso e attento al dovere, che ha attaccato l’apostata Salman Rushdie”, si legge sul giornale. “Baciamo la mano di colui che ha strappato il collo al nemico di Dio con un coltello”, aggiungeva il testo.

Seguendo la linea ufficiale, tutti i media iraniani descrivono Rushdie come un “apostata”. Il quotidiano statale Iran ha affermato, sempre sabato, che “il collo del diavolo” era stato “colpito da un coltello”. Rushdie, accoltellato venerdì durante una conferenza a Chautauqua (Stato di New York, USA), ha già iniziato “il percorso di guarigione”, secondo il suo agente, Andrew Wylie, domenica. Sabato notte, Rushdie è stato scollegato dal respiratore che lo assisteva in un ospedale di Erie, in Pennsylvania, dove è stato trasferito dopo l’attacco.

Nonostante la buona prognosi, Wylie ha avvertito che la convalescenza dello scrittore sarà “lunga”

Nonostante la buona prognosi, Wylie ha avvertito che la convalescenza dello scrittore sarà “lunga”. Il detenuto per l’accoltellamento dello scrittore è stato accusato di tentato omicidio ed è trattenuto senza cauzione. Hadi Matar, un uomo di 24 anni di Fairview, nel New Jersey, che si è dichiarato non colpevole, è accusato di tentato omicidio e aggressione. Nato negli Stati Uniti, Matar è di origine libanese.

I versetti satanici
I versetti satanici – NanoPress.it

La sua famiglia proviene da un’area nel sud del Paese mediterraneo, dove ha la sua roccaforte Hezbollah, il partito della milizia sciita apertamente filo-iraniano. Sabato a Beirut, un portavoce di Hezbollah ha detto che il gruppo non ha informazioni sull’attacco. Una rassegna della polizia sui social network di Matar, citata dal canale americano NBCR, suggerisce che il giovane simpatizza con il corpo d’élite della Guardia Rivoluzionaria Iraniana.

La reazione ufficiale di Teheran arriva nel bel mezzo della riattivazione dell’accordo nucleare tra l’Iran e le grandi potenze, guidate dagli Stati Uniti. La proposta finale presentata dall’Ue per recuperare il patto atomico firmato nel 2015 è considerata “accettabile” dal governo iraniano se offre “garanzie” alle sue richieste di “salvaguardie e sanzioni”. L’attentato a Rushdie, che ha gettato nuove ombre sul regime iraniano, è un nuovo ostacolo alla chiusura di colloqui che vanno avanti da 15 mesi.

Fuggito dal fondamentalismo per 33 anni Rushdie era riuscito a sfuggire alla minaccia del fondamentalismo per 33 anni dopo la fatwa del regime teocratico in Iran. Nato a Bombay (India) 75 anni fa in seno a una famiglia musulmana – religione cui aveva rinunciato per definirsi ateo militante – Rushdie si è trasferito nel Regno Unito per studiare a Cambridge. Nel 1964 ha acquisito la cittadinanza britannica. La pubblicazione di The Satanic Verses nel 1988 lo mise al centro del bersaglio.

Il trattamento di uno dei personaggi, identificato dai suoi critici come il profeta Maometto, è stato considerato blasfemo e diversi paesi musulmani hanno vietato la diffusione dell’opera. L’Iran ha anche offerto una ricompensa all’esecutore della sentenza, che alla fine ha superato i tre milioni di dollari (2,9 milioni di euro). Rushdie è stato costretto a vivere nascosto, con la protezione permanente della polizia.

Nel 1998, il presidente riformista Mohamed Khatami ha rinnegato la fatwa di Khomeini. Tuttavia, Ali Khamenei, il leader supremo, lo ha ratificato nel 2017. Negli ultimi anni lo scrittore era tornato alla vita normale negli Stati Uniti, dove vive dal 2000.