L’Europa ha sofferto l’estate più calda dal 1880

In Europa i dati delle agenzie climatiche della Commissione indicano un’estate estrema con temperature record.

Siccità
Siccità – Nanopress.it

L’estate climatologica in Europa – che copre il periodo compreso tra il 1 giugno e il 31 agosto – è stata la più calda mai registrata, secondo il Copernicus Climate Change Service (C3S), della Commissione Europea.

In Europa l’estate più calda della storia recente

Le misurazioni di Copernico risalgono agli anni ’50, ma ci sono serie di dati che ci permettono di risalire al 1880. E in tutta la serie non c’è un’estate così calda. La temperatura media in Europa è stata di circa 1,34 gradi Celsius al di sopra della media del periodo tra il 1991 e il 2020, secondo i dati diffusi questo giovedì.

Ma il fatto che il 2022 sia stata l’estate più calda della serie storica non fa eccezione, ma fa parte di un trend: la precedente estate climatologica con le temperature medie più elevate era il 2021. Quest’anno è stata di quasi 0,4 gradi in più rispetto alla precedente. I successivi più caldi sono stati il ​​2010 e il 2018.

Inoltre, come evidenziato da Copernicus, che realizza bollettini mensili di monitoraggio in tutto il mondo, della temperatura dell’aria superficiale, della copertura del ghiaccio marino e delle variabili idrologiche, è stata anche un’estate estremamente secca in molte parti del continente. Agosto 2022 è stato “molto più secco della media in gran parte dell’Europa occidentale e parti dell’Europa orientale”, afferma Copernicus.

Il terzo ingrediente di questo cocktail estremo sono state le ondate di caldo, come le tre che la Spagna ha subito. Da giugno, la Spagna continentale e le Isole Baleari sono ufficialmente in una situazione di ondata di caldo da 42 giorni. “Un’intensa serie di ondate di calore in tutta Europa, insieme a condizioni insolitamente secche, hanno portato a un’estate estrema con record in termini di temperatura, siccità e attività antincendio in molte parti d’Europa, colpendo la società e la natura in modi diversi.

E questo 2022 è stato anche il più caldo della serie, che in questo caso inizia nel 1961

I dati del Copernicus Climate Change Service mostrano che non solo ad agosto abbiamo avuto temperature record per l’Europa, ma anche per l’estate, e il record precedente per l’estate era di appena un anno, osserva Freja Vamborg, scienziato principale di Copernicus. In Spagna, anche l’Agenzia meteorologica statale (Aemet) ha fatto il punto sull’estate meteorologica.

Terreno secco
Terreno secco – Nanopress.it

E questo 2022 è stato anche il più caldo della serie, che in questo caso inizia nel 1961. Nel caso spagnolo, quest’anno è stato di 0,4 gradi Celsius in più rispetto all’estate più calda precedente, ovvero quella del 2003. La temperatura media di agosto nella Spagna continentale è stata di 24,7 gradi, 2 gradi sopra la media di questo mese (prendendo come riferimento il periodo tra il 1981 e il 2010).

“Era il secondo mese di agosto più caldo dall’inizio della serie nel 1961, e quindi, anche nel 21° secolo, dietro solo all’agosto 2003″, dice Aemet. Da parte sua, luglio, con una media di 25,6 gradi, è stato il mese più caldo mai registrato in Spagna almeno dal 1961. Durante 20 dei 31 giorni di luglio, la Spagna continentale è stata ufficialmente in una situazione di ondata di caldo.