L’Africa cerca aiuto per i devastanti cambiamenti climatici

In Africa i ministri dell’ambiente si incontrano a Dakar per unificare le posizioni in vista del vertice egiziano sul clima di novembre.

Termometro
Termometro – Nanopress.it

L’Africa è delusa dal fatto che, nonostante le promesse fatte negli ultimi anni, non riceva abbastanza finanziamenti dal Nord per mitigare le conseguenze del cambiamento climatico causato principalmente dai paesi sviluppati. Tuttavia, lungi dal accontentarsi della denuncia, è alla ricerca di nuovi partner internazionali, pubblici e privati, per far fronte a un fenomeno devastante. “Il cambiamento climatico alimenta migrazioni, instabilità politica, conflitti.

Il ‘nord’ causa i cambiamenti climatici e il continente africano ne paga le conseguenze maggiori

Non è una teoria, è qualcosa di molto visibile”, assicura Mohamed Atani, responsabile della Comunicazione del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP, per il suo acronimo in inglese). Per due giorni, il 14 e 15 settembre, i Ministri dell’Ambiente africani hanno tenuto il loro incontro annuale a Dakar (Senegal) con l’obiettivo, tra gli altri, di stabilire una posizione unica per la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27) che avrà luogo quest’anno a Sharm El-Sheikh, in Egitto, il prossimo novembre.

Lì è stata nuovamente evidenziata la delusione dei paesi africani per la mancata esecuzione delle promesse finanziarie fatte dai paesi sviluppati per mitigare gli impatti del riscaldamento globale e adattarsi ad esso. Nel 2009 il Nord ha promesso di sborsare 86.000 milioni di euro l’anno. Ma l’Africa sta ancora aspettando.“L’Africa non riceve abbastanza fondi, lo sappiamo già. Da qui la necessità di trovare nuovi partner e nuovi canali di finanziamento, sia in Africa che oltre, più innovativi e flessibili”, afferma Atani.

All’orizzonte, dalla Cina alla Turchia, ma anche banche, fondazioni, organizzazioni internazionali. Alla Conferenza ministeriale africana per l’ambiente (AMCEN) a Dakar, preceduta da incontri di esperti e società civile, è nata l’idea di integrare i ministri delle finanze del continente in una piattaforma dedicata alla ricerca di maggiori risorse per affrontare questa sfida. Quest’estate, come negli ultimi anni, piogge torrenziali hanno colpito molte città africane.

Centinaia di morti in paesi come Niger, Sierra Leone, Senegal, Ciad, Sudan e anche in Sud Africa ad aprile testimoniano qualcosa su cui gli esperti hanno messo in guardia: il comportamento delle precipitazioni è alterato dall’aumento globale delle temperature e le piogge sono sempre più irregolare ed estremo. Quando questo è combinato con città poco adattate, le conseguenze sono catastrofiche. Sulla costa atlantica africana l’innalzamento del mare sta divorando intere comunità e nel Sahel l’avanzata del deserto provoca fame e malnutrizione e alimenta movimenti migratori e conflitti.

I cicloni dell’Oceano Indiano, la carestia in Madagascar, la piaga delle locuste nel Corno d’Africa. Il riscaldamento globale sta diffondendo i suoi tentacoli in tutto il continente. “L’impatto c’è, lo stiamo vedendo, non è una teoria. Ondate di caldo, desertificazione, deforestazione, l’innalzamento del mare. Ma non è solo l’ambiente, c’è un aspetto socioeconomico fondamentale.

L’Africa è responsabile solo del 3% dei gas serra che causano il cambiamento climatico

Il problema va visto nella sua interezza e affrontato con nuovi approcci. Ad esempio, la gestione dei rifiuti è una grande sfida, ma allo stesso tempo è un’opportunità per creare posti di lavoro. Questo è lo spirito che vogliamo promuovere dalle Nazioni Unite”, aggiunge Atani. L’Africa è responsabile solo del 3% dei gas serra che causano il cambiamento climatico, ma è uno dei continenti più colpiti.

Bambini africani
Bambini africani – Nanopress.it

Durante AMCEN, i 54 ministri dell’Ambiente africani si sono concentrati sui meccanismi di finanziamento per azioni che combinano entrambi gli approcci, l’adattamento ai cambiamenti climatici e la creazione di posti di lavoro, oltre ad adattare le loro richieste al terremoto economico causato dalla pandemia di COVID-19.

La perdita di biodiversità e l’inquinamento si sono concentrati anche in parte dei dibattiti, con l’obiettivo di presentare proposte alla Conferenza delle Nazioni Unite sulla Biodiversità (COP15), che si terrà a Montreal (Canada) dal 5 al 17 dicembre 2022. L’Africa cerca di avere una propria voce unificata in tutti i forum internazionali sull’argomento. “C’è un’enorme sensibilità perché l’impatto è enorme ed è una delle principali cause di fenomeni come le migrazioni, l’instabilità politica o i conflitti per le risorse.

Il Sahel ne è un chiaro esempio. Le conseguenze sono dure, ma l’inerzia non aiuta. Il cambiamento climatico non fa differenza tra ricchi e poveri, paesi sviluppati o meno, le ondate di caldo ne sono un esempio, siamo tutti sulla stessa barca. Certo ci sono responsabilità storiche, ma il dialogo e il multilateralismo sono l’unica via d’uscita”, commenta il portavoce del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente in Africa. “La domanda non è chi ha creato il problema, ma trovare soluzioni. Altrimenti non andiamo avanti”.