Kuleba: “Il popolo russo è responsabile insieme a Putin”

Il ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kuleba denuncia che la maggior parte del petrolio russo raggiunge l’Asia grazie alle compagnie di navigazione europee.

Dmytro Kuleba
Dmytro Kuleba – NanoPress.it

Il quartier generale del ministero degli Esteri ucraino, a Kiev, è un imponente edificio in stile stalinista. È stato costruito sulle rovine dell’antico monastero di San Miguel de las Cúpulas Doradas, demolito dal potere sovietico negli anni 30. In uno di questi uffici, con finiture sovietiche, mobili minimali e parquet segnati da decenni di utilizzo, Dmitro Kuleba lavora (Sumi, Ucraina, 41 anni).  

Kuleba denuncia le compagnie europee che esportano petrolio russo

Il ministro degli Esteri, in una intervista rilasciata al quotidiano spagnolo El Pais, dice che la questione più urgente, a parte la sicurezza delle forniture di armi, sono le discussioni attraverso la Turchia, affinché la Russia tolga il blocco alle esportazioni di grano ucraine dai suoi porti del Mar Nero. Kuleba afferma che i negoziati avanzano e l’unica cosa rimasta è la garanzia del presidente russo, Vladimir Putin, che non attaccheranno i mercanti. “L’Ucraina è pronta ad esportare i suoi cereali sul mercato internazionale.

Siamo sulla stessa barca dei paesi che hanno un disperato bisogno di noi per spedire loro il nostro grano perché siamo altrettanto disperati di esportarlo. Siamo a due passi dal raggiungimento di un accordo con la Russia. I problemi di sicurezza, legati alla posizione della Russia, devono essere affrontati. Siamo nella fase finale e ora tutto dipende dalla Russia. Se lo vogliono davvero, le esportazioni di grano inizieranno presto. Se lo usano per continuare a giocare ai loro Hunger Games, continueranno a insistere sul fatto che i negoziati sono importanti”.  

“Tecnicamente, la Russia non può sostituire l’Europa con l’India e la Cina per vendere gas e petrolio. L’infrastruttura per vendere gas all’Europa è molto più ampia. Dai un’occhiata alle spedizioni: quali compagnie gestiscono navi cisterna con petrolio russo per la Cina e l’India? La maggior parte sono europei. L’Europa ha un vantaggio in questo. Cina e India vogliono trarre profitto dalle lucrose offerte della Russia, ma la domanda è se l’Europa vuole rimanere ostaggio del petrolio e del gas russi”.

L’invasione russa ha accelerato la crisi. I governi che sostengono l’Ucraina devono porsi una semplice domanda: perché lo facciamo? Lo stiamo facendo perché ci piace l’Ucraina o perché ciò che sta accadendo in Ucraina è una minaccia diretta alla nostra sicurezza e prosperità?

“Questa è una battaglia tra democrazie e tirannia, chiara e semplice”

Putin è felice di vedere scoppiare le crisi, perché genera crisi nella speranza che le democrazie siano deboli e falliscano. Questa è una battaglia tra democrazie e tirannia, chiara e semplice. Spetta a ciascun governo decidere se continuare a opporsi a Putin su tutti i fronti, nonostante le difficoltà, o prepararsi a fare concessioni infondate [alla Russia]. Se scegli la seconda opzione, credimi, nessuno detterà ciò che dobbiamo fare. È in gioco la nostra esistenza”.

Putin decreto
Putin firma il decreto per la cittadinanza semplificata – Nanopress.it

“Abbiamo ricevuto garanzie dalla Francia che la Comunità politica europea non è un’alternativa a un’eventuale incorporazione dell’Ucraina nell’UE. Non abbiamo ricevuto dettagli sulla proposta. La Francia sta lavorando al concetto dettagliato di questa comunità, l’idea che abbiamo a Kiev è la stessa che hanno a Madrid, a Roma o in altre capitali.

“Ho solo tre paesi dell’America Latina presenti che sostengono la Russia: Venezuela, Nicaragua e Cuba. Naturalmente vogliamo raggiungere i paesi dell’America Latina. Il mio presidente ha parlato con diversi leader latinoamericani. Ma non possiamo aspirare ad avere il supporto mondiale al 100%. Ricordo che anche nella seconda guerra mondiale c’erano paesi che erano ufficialmente neutrali ma simpatizzanti per il regime nazista e che, alla fine della guerra, offrivano loro rifugio”.

“I miei sentimenti sono molto semplici: penso che il popolo russo condivida la responsabilità di ciò che sta facendo Putin. Queste affermazioni secondo cui Putin è cattivo e il popolo russo è buono sono fuorvianti. Non sto dicendo che tutti i russi dovrebbero essere ritenuti responsabili, ma il fatto è che la nazione permette ai suoi leader di imporre al mondo questa immagine folle e propagandistica, che stiamo tutti degradando noi stessi e la Russia aspira invece a una forza spirituale.

“Molti russi credono davvero che siamo nazisti, che mangiamo i bambini russi a colazione. Non è che fingono di crederci: ci credono davvero. E se ci credi, condividi la responsabilità. Naturalmente, quando il regime di Putin crollerà, diranno di non conoscere la verità, come i tedeschi quando cadde il regime nazista. Diranno che sono brave persone e che sono stati confusi dalla propaganda. La storia si ripete”.