Kosovo e Serbia, la Guerra dei Trent’anni: ecco cosa succede ora

L’obbligo per i serbi del Kosovo di utilizzare targhe e documenti di identità rilasciati da Pristina espone la tensione tra le due comunità. L’incontro dei due leader a Bruxelles si conclude senza un accordo.

Josep Borrell
L’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri dell’UE Josep Borrell – Nanopress.it

I due territori che fino al 2008 facevano parte dello stesso Paese hanno una lunga storia di disaccordi. La decisione del governo di Pristina che tutti gli abitanti del Paese – compresi i kosovari di origine serba – utilizzino le stesse targhe e documenti di identità è l’ultimo motivo di confronto, che ha portato a tagli al traffico, attacchi ai poliziotti e paura di uno scontro armato tra due paesi europei.

Nel 2008 il Kosovo ha proclamato la sua indipendenza dalla Serbia

L’incontro svoltosi giovedì a Bruxelles tra il primo ministro kosovaro, Albin Kurti, e il presidente serbo, Aleksandar Vucic, si è concluso senza un accordo e con Vucic che ha accusato Kurti di mentire insinuando, giorni fa, che Belgrado ha intenzione di attaccare il suo vicino. La disgregazione dell’ex Jugoslavia è iniziata in Kosovo all’inizio degli anni ’90 e si è conclusa in Kosovo, con la sua effettiva separazione dalla Serbia nel 2008.

È stato in quella che allora era una provincia serba che si sono verificati i primi scontri armati ed è lì che posero fine alle guerre che portarono alla nascita dei nuovi Stati indipendenti: Slovenia, Croazia, Montenegro, Bosnia-Erzegovina, Macedonia e Serbia. A questi si è aggiunto il Kosovo, Paese che ancora oggi non è riconosciuto dalla Spagna né da metà della comunità internazionale. 

Come altri conflitti nei Balcani, la guerra del Kosovo ha avuto migliaia di morti ed episodi di pulizia etnica. Il desiderio di autonomia della maggioranza albanese kosovara in quella che allora era una provincia serba portò a un attacco delle forze serbe guidate da Slobodan Milosevic e si concluse con i bombardamenti NATO di Belgrado e di altre città in Serbia e Montenegro nel 1999.

La guerra si fermò. Ma il conflitto è rimasto aperto in tutti questi anni, scandito da episodi di violenza, come quello del 2003. Fino al 2008, il Kosovo è rimasto una regione autonoma di Belgrado, ma quell’anno ha proclamato unilateralmente la sua indipendenza. Quest’estate la tensione è tornata a crescere.

Come già accaduto lo scorso settembre, la comunità serba ha bloccato diverse strade nel nord del Kosovo a seguito della decisione del governo di Pristina di vietare documenti e targhe serbe. Per cercare di placare la situazione, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha convocato questo giovedì Kurti e Vucic a Bruxelles.

A giugno il Kosovo ha ripreso il progetto di far cessare sul proprio territorio i documenti e le targhe che Belgrado rilascia ai conducenti. L’argomento del governo di Pristina è che neanche la Serbia riconosce i propri. Kurti ci ha già provato lo scorso settembre e anche allora la tensione con la comunità serba del Kosovo, la maggioranza nel nord del Paese, è salita alle stelle.

La guerra si è conclusa con i bombardamenti della NATO nel 1999 sulla Serbia

Nel 2008, il parlamento kosovaro ha dichiarato unilateralmente la propria indipendenza dalla Serbia. Paesi come gli Stati Uniti, la Francia o il Regno Unito hanno subito riconosciuto il nuovo stato europeo. Altri come la Russia, tradizionale alleato di Serbia, Cina o Spagna, non l’hanno fatto. Il presidente del governo, Pedro Sánchez, ha ribadito lunedì la posizione spagnola nel suo viaggio in Albania.

Kosovo mappa
La mappa del Kosovo – Nanopress.it

Né lo accetta la Serbia, che ha impugnato la dichiarazione di indipendenza alla Corte internazionale dell’Aia. La decisione del tribunale, sebbene non vincolante, fu un duro colpo per le aspirazioni di Belgrado sul territorio dell’ex Jugoslavia, poiché concludeva che il passo compiuto da Pristina era stato legale, data l’eccezionalità del contesto postbellico e le pretese di bonifica etnico contro i serbi. 

L’argomento kosovaro per convincere le altre nazioni a riconoscere la propria indipendenza si basa sul fatto che la sentenza della Corte internazionale dell’Aia, stabilisce un caso molto diverso da quello che potrebbe essere accolto da qualsiasi territorio spagnolo, in un contesto di guerra e accuse di genocidio. Lo scontro aperto tra l’Esercito di liberazione del Kosovo e la Serbia ha avuto luogo tra il 1998 e il 1999 e ha provocato circa 10.000 morti, un milione di sfollati e molteplici violazioni dei diritti umani.

La guerra si è conclusa con i bombardamenti della NATO nel 1999 sulla Serbia e con la risoluzione 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che ha regolato il regime amministrativo del Kosovo dopo la guerra. Ci sono colloqui tra Serbia e Kosovo? L’Unione europea ha mantenuto un forum aperto con entrambe le parti dal 2011 per cercare una soluzione ai conflitti ancora aperti.

Se non c’è una soluzione, l’ingresso di entrambi nell’UE sembra impossibile. “Ci sono stati momenti difficili e momenti di crisi ea volte è sembrato impossibile continuare. Tuttavia, alla fine, sia il Kosovo che la Serbia hanno mostrato un fermo impegno, sapendo che il loro percorso verso l’Unione europea passa attraverso di essa”, ha spiegato una dichiarazione di Borrell, Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera, dopo un incontro a tre bande tenutosi poco più di un anno fa.

Dopo la guerra, la NATO ha inviato una missione militare nel giugno 1999 nell’ambito di una risoluzione delle Nazioni Unite. Questa forza militare si chiama KFOR (Kosovo Force, in inglese) e ha il compito di monitorare la sicurezza nell’area e mantenere quanto concordato nell’accordo di pace.