Kiev e Kherson, due errori che segnano il corso della guerra in Ucraina

La reazione ucraina ha impedito a Mosca di prendere la capitale, mentre la rapida perdita della città sulla costa del Mar Nero è stato uno dei pochi episodi criticati dall’opposizione a Zelensky.

Ucraina
Guerra in Ucraina

Ci sono due battaglie in cui Russia e Ucraina hanno commesso gravi errori, entrambi fallimenti che determinano l’attuale corso della guerra. Mosca si è ritirata all’inizio di aprile dal tentativo di prendere Kiev, la capitale, in una catena di decisioni disastrose che saranno studiate nelle accademie militari.

Ci sono due battaglie in cui Russia e Ucraina hanno commesso gravi errori

Le forze armate ucraine, da parte loro, hanno perso il controllo di Kherson in un lampo, aprendo una porta all’invasore sul fianco meridionale nelle prime fasi del conflitto. La caduta di questa città, situata alla foce del fiume Dnepr nel Mar Nero, è una delle poche azioni per cui l’opposizione ha osato criticare il governo.

Kherson è stata la prima pesante città ucraina vinta dalle truppe russe in questa guerra. È successo il 2 marzo, appena sei giorni dopo che Vladimir Putin aveva annunciato l’inizio dell’invasione. Poi un’altra grande città, Mariupol (400.000 abitanti), cadde dopo un assedio durato quasi tre mesi e la devastò.

Ma se l’Ucraina ha perso questa città, dopo una resistenza numantine che ha bruciato molte risorse nemiche, è stato in parte perché il fianco meridionale, quello di Kherson, è stato bloccato. Solidarietà Europea, il principale partito di opposizione al parlamento ucraino, ha ribadito nelle ultime settimane che alla fine della guerra richiederà una spiegazione per quanto accaduto a Kherson.

Nelle pianure agricole di Kherson ci sono piccoli progressi ucraini costanti, il preludio della più grande controffensiva di Kiev nella guerra, che dovrebbe aver luogo nelle prossime settimane. Il vice primo ministro Irina Vereshchuk ha invitato domenica le persone nelle aree occupate dai russi della provincia di Kherson a partire. La portavoce delle forze armate nel sud dell’Ucraina, Natalia Humeniuk, ha confermato lunedì che di fronte all’imminente offensiva, queste persone saranno in pericolo.

La portavoce ha riconosciuto che, nonostante l’avvertimento di Vereschuk, la verità è che ci sono poche opzioni per l’evacuazione delle persone colpite a ovest perché la Russia blocca il transito dei cittadini. L’obiettivo finale è liberare la città, ma soprattutto non è quello di rendere più facile per la Russia costruire lì una forza militare che minaccia la vicina Odessa e assedia Zaporizhia a sud.

“Kherson è fondamentale perché è l’unico territorio che la Russia controlla a ovest del fiume Dnepr”, spiega l’American Institute for the Study of War (ISW) in uno dei suoi rapporti quotidiani: “Se la Russia consoliderà le sue posizioni a Kherson, lo farà avere un bastione molto forte da cui lanciare future invasioni. Sulla sconfitta di Kherson prevale il silenzio da parte delle autorità ucraine.

Se Kherson è una ferita all’orgoglio nazionale, preservare Kiev è stato il più grande successo ucraino

A differenza di Kiev, dove pochi immaginavano che la Russia avrebbe attaccato, le città sulla costa del Mar Nero avevano la forza militare russa praticamente a casa: nella penisola di Crimea. Kherson è caduta perché sono rimasti intatti i ponti che attraversano il Dnepr e quelli che collegano la provincia con la penisola annessa dalla Russia nel 2014.

Presidente ucraino Zelensky
Presidente ucraino Zelensky – Nanopress.it

Il presidente, Volodímir Zelensky, ha esautorato lo scorso aprile senza dare spiegazioni i due generali responsabili dei servizi di intelligence. regione. Volodymyr Dubobik, direttore del Center for International Studies (CIS) di Odessa, conferma che la difesa di Kherson “è stata mal pianificata e anche peggio eseguita”. E aggiunge un altro fattore, la possibilità che i russi abbiano avuto una collaborazione interna in questa città: “Si vocifera di alcune persone che hanno tradito l’Ucraina nelle prime ore e nei primi giorni di guerra.

Molti patrioti volevano difendere la città e la regione, ma non ne hanno avuto l’opportunità”. La deputata repubblicana degli Stati Uniti Victoria Spartz, di origine ucraina, ha causato un terremoto la scorsa settimana accusando il capo dell’ufficio di Zelensky, Andrii Yermak, di lavorare per Mosca e di essere in ultima analisi responsabile della scarsa risposta a Kherson.

Una fonte vicina alla 59a Brigata Motorizzata dell’Esercito ucraino, di stanza nella provincia, assicura che molti volontari delle Forze di Difesa Territoriali —unità civili militarizzate dispiegate nelle loro aree geografiche, dando loro il vantaggio di conoscere il terreno—si sono recati alle autorità locali per la fornitura di armi.

Questo è ciò che stava accadendo nel resto del Paese, ma a Kherson se ne sono andati in molti casi a mani vuote, secondo queste fonti. Mosca ha nominato Volodymyr Saldo, ex sindaco della città ed ex deputato del Partito delle Regioni filorusso, nuovo governatore dell’area.

L’elezione di Saldo ha confermato a molti che il nemico si era già infiltrato. Se Kherson è una ferita all’orgoglio nazionale, preservare Kiev è stato il più grande successo ucraino fino ad oggi, soprattutto considerando che c’erano persino piani per spostare la capitale de facto dell’Ucraina libera a Leopoli, nell’ovest del paese. . Quattro mesi dopo, i leader dei paesi alleati possono visitare regolarmente Zelensky in città, inviando il messaggio che l’Unione europea si opporrà sempre alla Russia.