Kaliningrad non ha paura della NATO

Le autorità dell’enclave russa di Kaliningrad, circondata da Lituania e Polonia, assicurano di avere vie di rifornimento a fronte di un blocco dovuto alle sanzioni contro Mosca.

Bandiera Kaliningrad
La bandiera dell’Oblast di Kaliningrad – Nanopress.it

Sono appena passate le 11 quando l’inconfondibile rumore di un aereo militare squarcia l’aria sopra Kaliningrad. La città russa, un’enclave separata dal resto del Paese e circondata da Polonia e Lituania di fronte al Mar Baltico, rimane calma, ignara del presunto “blocco” che il Cremlino attribuisce alla NATO. Una parola, blocco, che riporta nell’immaginario russo le tragedie delle guerre passate e intensifica il sentimento di tensione, di essere messo alle strette dal nemico.

Kaliningrad, stretta tra Polonia e Lituania, rimane ‘calma’

A metà giugno la Lituania ha iniziato a limitare il passaggio delle merci al territorio russo (di poco più di un milione di abitanti) a causa delle sanzioni europee a Mosca dopo l’offensiva scatenata contro l’Ucraina. Un’escalation di tensione a cui si è aggiunto l’annuncio da parte del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, durante il vertice Nato di Madrid della scorsa settimana, del rafforzamento delle truppe nei paesi baltici per difenderli.

Tuttavia, né il Governatorato dell’oblast di Kaliningrad (regione, in russo) né la sua popolazione sono preoccupati: si fidano dell’enorme esercito russo e di un dispiegamento logistico senza precedenti. “Kaliningrad è stata a lungo una città russa.

Parte dello stile architettonico tedesco rimane, ma questo è il nostro Paese, di cui siamo molto orgogliosi e non lo daremo a nessuno “, afferma Dmitri Lyskov, portavoce del governatore della regione, Anton Alijánov, nella caffetteria del sede del Governatorato.

Due giorni prima, il 27 giugno, i media russi avevano replicato in grande clamore le dichiarazioni di un’ex ministro dell’Interno lettone, Maris Gulbis, la quale affermava che l’Unione Europea ha mandato un segnale a Mosca con restrizioni al passaggio delle merci russe verso l’enclave.

L’Unione Europea, e in particolare la Germania e la Polonia, riconoscono la sovranità russa e hanno rinunciato a qualsiasi pretesa territoriale. La sua importanza strategica risiede nel fatto che è l’unico porto occidentale della Russia dove il mare non gela in inverno.

Kaliningrad è una delle principali fonti di tensione con la NATO. Tuttavia, Lyskov è schietto nel rispondere che non vedono una minaccia nella presenza militare dell’Alleanza nei paesi baltici. “Non c’è modo. Le formazioni di combattimento si stanno formando, ma la nostra protezione è affidabile. A Kaliningrad c’è la base della flotta baltica, la terza nel Paese per volume navale”, afferma il rappresentante del governatore prima di sottolineare che hanno un “grande schieramento” di truppe russe, aerei, navi e gruppi missilistici. “Non siamo preoccupati”, dice.

E le armi nucleari?

E le armi nucleari? Il portavoce ride quando gli viene chiesto dell’affermazione del ministro della Difesa lituano Arvydas Anusauskas secondo cui si tratta di un segreto di Pulcinella. “Non so niente.

So solo che la Russia è una potenza nucleare e nel caso dei missili balistici non importa da dove volino; se di Kaliningrad, Smolensk o Pskov”, afferma. Il museo marittimo è una delle grandi attrazioni della città.

Bambini vestiti da paracadutisti visitano un sottomarino sovietico accompagnati da guardiani che esibiscono con orgoglio i loro baveri a “Z”, insegne di coloro che sostengono apertamente l’offensiva contro l’Ucraina.

 

Kaliningrad mappa
Kaliningrad sulla carta geografica – Nanopress.it

Poco distante, un’altra gigantesca lettera con i colori dell’Ordine Imperiale di San Giorgio copre la facciata del Centro sportivo giovanile. Nella regione militare di Kaliningrad è facile vedere come stia germogliando la nuova “generazione Z”. “Confidiamo nel nostro Paese, nel nostro esercito, la vittoria sarà dalla nostra parte”, proclama una donna anziana vicino al porto. Si vanta di essere nata a Kaliningrad, ma preferisce mantenere il suo nome anonimo.

“Prima [del suo ingresso nella NATO] avevamo una relazione amichevole. La colpa è degli Stati Uniti e del Regno Unito, che hanno preso Polonia, Lituania, Estonia e Lettonia”, dice dopo aver ascoltato il volo di un caccia: “I nostri aerei li stanno guardando [quelli della Nato], è necessario state attenti”. La sensazione di essere bersaglio di un assedio ha permeato tutte le generazioni. “Invadere Kaliningrad è inutile, è molto ben difesa”, sostiene Arsen Azaryan, un giovane tassista, che protesta perché il conflitto in Ucraina ha alzato il costo della vita e il prezzo del pedaggio per raggiungere l’aeroporto.

La Lituania ha sospeso il 18 giugno il transito nel proprio territorio di merci soggette a sanzioni. Ciò non ha interessato le imprese, fornite anche se a prezzi proibitivi. “Tutto continua come prima. C’è cibo, altri prodotti… Abbiamo molte delle nostre fabbriche”, dice il tassista. Un parere condiviso dalla donna anziana che preferisce non fare il suo nome: “Tranquillità assoluta. Abbiamo tutto e i lavori di costruzione continuano”.