Josep Borrell favorevole all’embargo parziale sul petrolio russo

Josep Borrel, il capo della diplomazia dell’Unione europea ha definito l’accordo “una via d’uscita ragionevole dalla discussione” dopo diversi giorni di discussioni diplomatiche “lunghe e difficili”.

Josep Borrell
Josep Borrell – NanoPress.it

Josep Borrell plaude ai ’27’ per l’accordo raggiunto

Il capo della diplomazia dell’Unione europea (Ue), Josep Borrell, ha accolto questo martedì il “ragionevole” accordo raggiunto dai leader europei, sull’embargo parziale del petrolio russo, ricordando le “lunghe e difficili discussioni diplomatiche”.

“[Avevamo] buone notizie ieri. In ritardo – come al solito – ma ce l’abbiamo fatta e ora abbiamo già un piano per vietare il 90% delle importazioni di petrolio nell’UE, [quindi] entro la fine di quest’anno ne compreremo il 90% in meno, seppur con alcune eccezioni per i Paesi senza sbocco sul mare”, ha dichiarato l’Alto Rappresentante Ue per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza.

Intervenuto all’arrivo della seconda giornata del vertice straordinario europeo di Bruxelles, Josep Borrell ha definito l’accordo “un modo ragionevole per uscire dalla discussione”, dopo diversi giorni di “lunghe e difficili discussioni diplomatiche“, poi è toccato a Leader europei discutere per “finalizzare le questioni in sospeso”.

“Questo è un altro passo avanti, un’altra dimostrazione di unità. Ci vuole molto tempo in Europa per discutere e raggiungere un accordo, perché chiediamo l’unanimità, ma penso che gli sforzi di questi ultimi giorni siano valsi la pena”, ha affermato il capo della diplomazia comunitaria.

Lunedì sera i capi di governo e di stato dell’UE hanno raggiunto un accordo su un embargo parziale sul petrolio russo, con in gioco due terzi delle importazioni europee verso la Russia. Dopo le difficili discussioni in seno all’UE per portare avanti un embargo graduale e progressivo sul petrolio russo, come proposto dalla Commissione europea quasi un mese fa, la questione era all’ordine del giorno dei leader europei, con modifiche ora in corso alla proposta iniziale, come la misura che copre i due terzi delle importazioni europee di petrolio russo, vale a dire tutto il petrolio marittimo dalla Russia.

Stop petrolio russo dal mare

Ciò significa che sia l’Ungheria che altri paesi più dipendenti dal petrolio russo, come la Slovacchia e la Repubblica Ceca, possono continuare a importare via terra. Tali importazioni vengono effettuate attraverso l’oleodotto Druzhba, lungo 8.900 chilometri e che lascia la Russia e raggiunge la Bielorussia, dove si divide in due rami, uno che copre Polonia e Germania, e un altro che arriva in Ucraina, Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca.

Barili di petrolio
Barili di petrolio – NanoPress.it

Di fronte alle critiche di questi paesi che dipendono maggiormente dal petrolio russo, principalmente l’Ungheria, sono previste anche eccezioni temporanee per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento per alcuni Stati membri.

Fonti europee hanno spiegato che il primo ministro ungherese, Viktor Orbán, ha chiesto ai suoi omologhi di inserire una clausola di solidarietà e di emergenza affinché Budapest approvi l’embargo, prevedendo che, in caso di rottura della fornitura attraverso questo gasdotto, gli altri Stati membri aiutino il paese per assicurarsi i rifornimenti.

In ballo c’è il sesto e più recente pacchetto di sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina, proposto dalla Commissione Europea a inizio maggio per la totale e graduale eliminazione di tutte le importazioni petrolifere russe, al fine di ridurre la dipendenza energetica europea, prevedendo anche una deroga di un anno per Ungheria e Slovacchia.

La guerra in Ucraina ha messo in luce l’eccessiva dipendenza energetica dell’UE dalla Russia, responsabile di circa il 45% delle importazioni europee di gas. La Russia fornisce anche il 25% del petrolio e il 45% del carbone importato dall’UE. Oggi, in questo secondo giorno del vertice, i leader dell’UE discuteranno di temi come l’energia, la difesa e la sicurezza alimentare globale.