Johnson: ‘Se Putin fosse stato una donna non avrebbe fatto la guerra’

Il prmo ministro inglese Boris Johnson, ieri in una intervista ad una emittente televisiva, con il suo modo tutto originale di parlare, ha lanciato una frecciata a Putin e in qualche modo ‘ esaltato il ruolo della donna.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Se Putin fosse stato una donna, cosa che ovviamente non è, non penso proprio che si sarebbe imbarcato in questa pazza e machista guerra di invasione e violenza”. Queste sono le esatte parole pronunciate dal primo ministro inglese Boris Johnson, in un intervista che ha rilasciato alla emittente televisiva tedesca Zdf, al margine dell’incontro del G7 che si è tenuto in Baviera.

Johnson: “Putin non sta facendo alcuna offerta per un accordo’

Johnson ha poi affermato che, stante le condizioni attuali, in questa fase non esiste alcuna possibilità che la guerra abbia termine, anche se i Paesi occidentali vogliono assolutamente arrivare ad un accordo diplomatico. “Putin – ha spiegato – non sta facendo alcuna offerta per un accordo e allo stesso tempo Zelensky, da parte sua, non può farne una”.

Johnson ha così chiosato: “Se cercate un esempio perfetto di maschilismo tossico, lo potete trovare guardando cosa Putin sta facendo in Ucraina. Nelle posizioni di potere c’è bisogno di una maggiore presenza femminile”.

Per ora perà la politica estera di Johnson è concentrata sul post Brexit. Il tentativo del primo ministro britannico Boris Johnson di strappare parti dell’accordo commerciale post-Brexit che ha firmato con l’Unione europea ha superato il suo primo ostacolo in Parlamento, nonostante gli avvertimenti degli oppositori che la mossa è illegale.

La mossa di Johnson di riscrivere le regole della Brexit supera il primo ostacolo

Lunedì i legislatori hanno votato con 295 voti contro 221 per dare l’approvazione iniziale a un disegno di legge che consente ai funzionari del Regno Unito di riscrivere le regole commerciali per l’Irlanda del Nord. Il voto apre la strada al disegno di legge per un esame approfondito nelle prossime settimane. Se approvata, la legislazione rimuoverebbe i controlli sulle merci che entrano nell’Irlanda del Nord dal resto del Regno Unito, eliminando così parti di un trattato commerciale firmato da Johnson prima che la Gran Bretagna lasciasse l’UE nel 2020.

Bandiera Unione Europa
Bandiera Unione Europa – NanoPress.it

Il governo britannico afferma che le regole, note come Protocollo dell’Irlanda del Nord, stanno gravando sulle imprese e minando la pace nell’Irlanda del Nord. Sostiene che la mossa unilaterale è giustificata dal diritto internazionale a causa della “situazione davvero eccezionale”.Gli oppositori di Johnson, incluso il suo predecessore Theresa May, affermano che la mossa è illegale e che andare avanti danneggerà gravemente la reputazione internazionale della Gran Bretagna come “un Paese che mantiene la parola data”.

Come patriota, non vorrei fare nulla che possa sminuire questo paese agli occhi del mondo”, ha detto May al Parlamento.”Devo dire al governo che questo disegno di legge non è, a mio avviso, legale nel diritto internazionale”, ha aggiunto. “Non raggiungerà i suoi obiettivi e diminuirà la posizione del Regno Unito agli occhi del mondo e non posso sostenerlo”. L’UE ha minacciato di ritorsioni contro il Regno Unito se porterà avanti il ​​suo piano di riscrivere le regole dell’accordo post-Brexit, sollevando la prospettiva di una guerra commerciale tra i due principali partner economici.

Johnson ha detto lunedì che credeva che il piano potesse diventare legge entro la fine dell’anno se il Parlamento avesse collaborato. Il governo vuole accelerare il disegno di legge in Parlamento prima che i legislatori prendano la pausa estiva. L’Irlanda del Nord è l’unica parte del Regno Unito che condivide un confine con un paese dell’UE, l’Irlanda.

Elettori dello Sinn Fein festeggiano la vittoria
Elettori dello Sinn Fein festeggiano la vittoria – NanoPress.it

Quando la Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea e la sua zona di libero scambio senza confini, le due parti hanno deciso di mantenere il confine terrestre irlandese libero da posti doganali e altri controlli perché un confine aperto è un pilastro fondamentale del processo di pace che ha posto fine a decenni di violenze nel nord Irlanda. Invece, per proteggere il mercato unico dell’UE, ci sono controlli su alcune merci, come carne e uova, che entrano nell’Irlanda del Nord dal resto del Regno Unito.

Il governo conservatore di Johnson afferma che l’eccessiva zelante attuazione dell’UE significa che le regole non funzionano come previsto e stanno causando una crisi politica in Irlanda del Nord. Il principale partito unionista dell’Irlanda del Nord ha rifiutato di tornare al governo di condivisione del potere della regione fino a quando i controlli doganali sulla Brexit non saranno cancellati o sostanzialmente modificati.

I suoi leader sostengono che i controlli sulle merci stanno minacciando i legami tra l’Irlanda del Nord e il resto del Regno Unito perché hanno effettivamente creato un confine commerciale interno del Regno Unito. La posizione del partito ha lasciato l’Irlanda del Nord senza un governo funzionante per mesi.