Biden: “Spagna è un alleato indispensabile su Russia e Immigrazione”

“La Spagna è un alleato indispensabile”, assicura il presidente degli Usa, Joe Biden, a La Moncloa. Il testo prevede un impegno a collaborare di fronte alle “sfide dell’immigrazione irregolare in Nord Africa”.

Pedro Sánchez
Pedro Sánchez – NanoPress.it

“La Spagna è un alleato indispensabile”. Joe Biden ha così chiarito a La Moncloa, dopo il suo primo colloquio formale con Pedro Sánchez da quando è diventato presidente degli Stati Uniti, come si stia rafforzando il rapporto tra questi due governi di natura politica simile nel quadro del vertice della NATO a Madrid, dopo anni di assenza, soprattutto sul palco di Donald Trump, tra il 2017 e il 2021.

Biden: “Puoi contare sulla Spagna come un solido alleato”

“Puoi contare sulla Spagna come un solido alleato“, ha chiuso le parole di Biden il presidente del governo spagnolo. L’appuntamento di un’ora, tanto desiderato dall’Esecutivo iberico per un anno e mezzo, ha consolidato l’immagine della Spagna come alleato strategico degli Usa in un momento decisivo, con la guerra in Ucraina ancora in pieno svolgimento.

Joe Biden 1
Joe Biden – Nanopress.it

Entrambi hanno avuto parole molto dure per il presidente russo, Vladimir Putin, e hanno inviato messaggi di rinforzo della NATO. “Spagna e Stati Uniti sono alleati, condividiamo la volontà di promuovere la democrazia, la libertà, i diritti umani”, ha insistito il capo del governo spagnolo.

L’incontro, secondo fonti de La Moncloa, si è svolto in un clima di grande vicinanza e Biden ha apprezzato molto la posizione della Spagna nella guerra in Ucraina. “Voglio ringraziarti per la tua leadership, Pedro. Siamo insieme all’Ucraina dandogli tutto ciò di cui ha bisogno per difendersi. Ringrazio te e il popolo spagnolo per aver accolto 140.000 rifugiati ucraini. Ciò riflette lo spirito del popolo spagnolo e mostra la tua leadership in tempi di crisi. Questo ci rende forti alleati”.

Continua Biden: “Anche gli Stati Uniti e la Spagna stanno lavorando in America Latina per rafforzare le democrazie e rafforzare le nostre politiche di immigrazione. La dichiarazione congiunta riflette la grande ampiezza della nostra cooperazione. Grazie, Pedro, per la tua amicizia e per la tua grande alleanza”.

Nella dichiarazione finale, oltre alla migrazione in America Latina, si fa riferimento anche all’Africa, proprio in un momento in cui in Spagna c’è una forte polemica sulla morte degli immigrati quando venerdì scorso hanno tentato di scavalcare la recinzione a Melilla. “Anche la Spagna e gli Stati Uniti riconoscono l’importanza di una cooperazione permanente in risposta alle sfide dell’immigrazione irregolare in Nord Africa“, afferma il testo.

Antony Blinken
Antony Blinken – NanoPress.it

Inoltre, Spagna e Stati Uniti si impegnano a “promuovere un’immigrazione sicura, ordinata e regolare”. “Entrambi i paesi intendono collaborare a un approccio globale alla gestione dei flussi migratori che garantisca un trattamento equo e umano dei migranti. I partner intendono anche coordinare gli sforzi per affrontare le cause profonde dell’immigrazione irregolare e lavorare per rafforzare i percorsi legali, con particolare attenzione ai paesi dell’America Latina e dei Caraibi”.

All’incontro, secondo fonti de La Moncloa, Biden era interessato ai progetti di “immigrazione circolare” della Spagna e di alcuni paesi africani, con i lavoratori stagionali che tornano ai luoghi di origine dopo aver terminato il lavoro. Sánchez e Biden hanno concordato di espandere la presenza militare statunitense in Spagna, cosa di particolare interesse per gli Stati Uniti.

Il presidente degli Stati Uniti ha formalmente comunicato l’intenzione del suo Paese di aumentare il numero di cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke dispiegati da quattro a sei al Base navale di Rota (Cadice). La previsione è di aumentare anche il numero dei marinai da 1.200 a 1.800. La Spagna ha accettato questa proposta, e ora il processo comincerà a farlo formalmente, che forzerà la riforma dell’accordo di cooperazione in materia di difesa con gli Stati Uniti, che risale al 1988 e viene automaticamente prorogato di anno in anno.

Biden si è recato a La Moncloa accompagnato dal Segretario di Stato, Antony Blinken, dal capo del Pentagono, Lloyd Austin, e dal consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan. Oltre al Presidente, il Ministro degli Affari Esteri spagnolo, José Manuel Albares, il Ministro della Difesa, Margarita Robles, il Segretario Generale dell’Economia, Manuel de la Rocha, ed Emma Aparici, Direttore del Dipartimento degli Affari Esteri.