Johnson: mentre l’Inghilterra era in lockdown, lui beveva ad una festa

Alla fine, dopo settimane di rumors, sono finalmente emerse le fotografie di Boris Johnson che beveva a una festa a Downing Street, mentre in tutta l’Inghilterra lui stessa aveva stabilito un lockdown per il Covid.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Johnson accusato di aver violato le norme sul lockdown

Le fotografie mostrano il primo ministro alzare il bicchiere a una festa di addio a Lee Cain, il suo direttore delle comunicazioni, nel novembre 2020. L’evento è oggetto di indagine da parte della polizia metropolitana, sebbene Johnson non sia stato multato per aver partecipato.

Le quattro foto, trapelate a ITV News, sembrano mostrare Johnson mentre fa un discorso e brinda a Cain. La sua scatola rossa dei documenti ufficiali è visibile su una sedia e sul tavolo accanto a lui, ci sono quelle che sembrano essere quattro bottiglie di vino, mezza bottiglia di gin e due bottiglie di champagne o una bevanda simile.

Le immagini mostrano anche coppe per feste, biscotti, patatine e altri cibi. All’epoca Londra era in isolamento ed era vietato incontrare persone al di fuori della propria famiglia. Le immagini mettono in dubbio anche le affermazioni di Boris Johnson fatte alla Camera dei Comuni e altrove secondo cui tutte le regole riguardo il Covid erano state seguite, e che non era a conoscenza di aver fatto qualcosa che violasse la legge.

Se il Premier ha mentito si dovrà dimettere

A dicembre Johnson ha detto al parlamento che “tutte le indicazioni rispetto al Covid sono state seguite completamente al n.10 di Downing Street”. Se emergesse che la polizia ha multato altri per aver partecipato alla festa di addio di Cain, ci si chiederebbe nuovamente se il primo ministro abbia intenzionalmente fuorviato la cosa.

10 di Downing Street
10 di Downing Street – NanoPress.it

E, se l’avesse fatto, ai sensi del codice ministeriale inglese, Johnson si dovrebbe dimettere subito. L’uscita di queste foto era stata prevista dall’ex collaboratore di Johnson, Dominic Cummings, che era anche un caro amico di Cain.

Cummings, intervistato, ha aggiunto: “Qualsiasi persona ragionevole che guardi queste foto sarà solo in grado di concludere che il Primo Ministro ha ovviamente mentito ai Comuni, e forse alla polizia, e non c’è una storia ragionevole su come altri siano stati multati per l’evento a Downing Street, ma non lui”.

Nel frattempo, Downing Street ha ammesso di aver richiesto un incontro tra Johnson e Gray, per avere maggiori informazioni riguardo quella sera. Le cose quindi si stanno mettendo male per il Primo Ministro, che è al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica inglese.