Johnson e i Tories subiscono una grave sconfitta alle suppletive

Gli elettori britannici infliggono una dura punizione a Boris Johnson e al Partito conservatore. I “tories” hanno subito una grave sconfitta alle elezioni suppletive di questo giovedì.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Il premier britannico respinge come “folle” la possibilità delle sue dimissioni. Il presidente della formazione, Oliver Dowden, si dimette dal suo incarico per cercare di contenere i danni. Per quanto la sconfitta fosse stata anticipata, e persino ammortizzata, il colpo che gli elettori britannici hanno inferto a Boris Johnson rimetterà ancora una volta in discussione il futuro politico e l’autorità del Primo Ministro.

Johnson non molla: “Folle pensare alle mie dimissioni”

Il partito conservatore ha subito una doppia sconfitta, rispettivamente per mano dei laburisti e dei liberaldemocratici, nelle elezioni suppletive tenutesi nei collegi di Wakefield e Tiverton-Honiton.

Le cosiddette elezioni suppletive vengono convocate, in qualsiasi momento durante la legislatura, quando un seggio diventa vacante. Nel caso Wakefield, il conservatore Imran Ahmad Khan è stato condannato e incarcerato per aver aggredito sessualmente un adolescente.

Era uno dei territori che la sinistra aveva dominato per decenni – parte del cosiddetto “muro rosso” nel nord dell’Inghilterra – e che Johnson era riuscito a strappare al labour nella sua storica vittoria nel dicembre 2019. Tiverton-Honiton , nel ricco sud-ovest inglese, invece, è sempre stato un territorio naturale dei conservatori.

Fino ad oggi. Il suo parlamentare conservatore, Neil Parish, si è dimesso dopo che due colleghe lo hanno accusato di guardare materiale pornografico sul suo cellulare durante una sessione della Camera dei Comuni.

Il presidente del Partito conservatore, Oliver Dowden, ha inviato nelle prime ore di questo venerdì una lettera a Johnson annunciando le sue dimissioni, per cercare di effettuare il controllo dei danni del colpo di stato elettorale. “I nostri elettori sono sconvolti e delusi dai recenti eventi e condivido il loro sentimento”.

Il presidente del Partito conservatore, Oliver Dowden, ha presentato le dimissioni

Senza dirlo, Dowden ha indicato direttamente lo scandalo del partito di Downing Street durante il lockdown, che si è concluso con la multa del primo ministro da parte della polizia per aver infranto la legge, e una mozione di sfiducia interna contro Johnson, in cui il 41% dei suoi vice ha chiesto la sua espulsione.

Oliver Dowden
Oliver Dowden – NanoPress.it

“Non possiamo continuare come se nulla fosse. Qualcuno deve assumersi la responsabilità e ho concluso che non sarebbe corretto per me continuare nella posizione che occupo”, ha spiegato Dowden.

È troppo presto per stabilire se la sconfitta di Johnson —perché nessuno esita ad attribuirla al primo ministro, non ai due candidati conservatori locali — sia un abbandono definitivo degli elettori, o una punizione temporanea derivante dall’irritazione e dal disappunto di molti di loro per gli scandalo di partito.

Johnson, in visita in Ruanda per un atto che riunisce le nazioni del Commonwealth [la comunità politica emersa dopo la frammentazione dell’Impero Britannico], aveva preventivamente escluso come “follia” la possibilità che si sarebbe dimesso a seguito di una sconfitta alle elezioni parziali.

Ore dopo aver appreso i risultati, il primo ministro ha incolpato l’attuale crisi del costo della vita per quello che è successo e si è dissociato dalla battuta d’arresto. “Dobbiamo ascoltare il messaggio della gente”, ha detto Johnson a Kigali, “ma questi risultati non hanno nulla a che fare con la mia leadership. I governi tendono sempre a perdere le elezioni suppletive fin dal secondo dopoguerra”.

I liberaldemocratici sono sempre stati la scelta preferita dagli elettori tradizionali di destra per inviare un segnale di avvertimento o rimproverare i conservatori. La vittoria del suo candidato Richard Foord a Tiventon-Honiton, con oltre 6.000 voti sopra il rivale conservatore, riflette un voto tattico.

Keir Starmer plaude alla vittoria laburista

Sia i cittadini con simpatie per i laburisti che gli stessi conservatori si sono rivolti a Foord e hanno ribaltato la situazione. Nel 2019, il vantaggio dei Tory in quel collegio è stato di oltre 24.000 schede.

Keir Starmer
Keir Starmer – NanoPress.it

Questo dovrebbe essere un campanello d’allarme per i parlamentari conservatori che continuano a sostenere Johnson. Non possono permettersi di ignorare questo risultato”, ha affermato Ed Davey, il leader dei Liberal Democratici.

Il candidato Foord è andato ancora oltre nel suo discorso di vittoria: “Stasera il popolo britannico ha parlato per inviare un messaggio forte e chiaro. È giunto il momento per Boris Johnson di andarsene. Ci ha portato a uno stato di vergogna, caos e abbandono. Non è idoneo a guidare il partito e il Paese”, ha detto.

La vittoria del candidato laburista, Simon Lightwood, a Wakefield, ha permesso al leader del partito laburista, Keir Starmer, di tirare un sospiro di sollievo. A tre anni dalla sostituzione di Jeremy Corbyn alla guida della formazione, molto più posizionato a sinistra del suo successore, il ruolo svolto da Starmer continua a suscitare dubbi tra gli elettori e tra i militanti nostalgici del periodo precedente.

I sondaggi a poco a poco indicano un miglioramento delle aspettative, prima delle future elezioni politiche, ma non abbastanza per pensare a una possibile vittoria. La riconquista di Wakefield, storico territorio laburista fino all’arrivo di Johnson che ha cambiato le regole del gioco, permette ai Labour di nutrirsi della speranza di una rimonta.