Joe Biden ha annunciato l’invio di carri armati Abrams all’Ucraina

Alle 18 Biden ha annunciato l’invio di 31 carri armati Abrams in supporto all’Ucraina. Putin è furioso e parla di minacce verso i russi.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Immediatamente dopo l’annuncio dell’accordo fra Washington e Berlino per l’invio dei tank in Ucraina, il presidente russo ha incontrato alcuni studenti a Mosca esprimendo la sua ira e accusando pesantemente gli Stati Uniti.

Biden annuncia l’invio di carri armati all’Ucraina

Joe Biden ha parlato alle 18 e ha dichiarato che gli Usa invieranno a Kiev 31 carri armati Abrams, i quali equivalgono a un battaglione ucraino. Si tratta di un avvenimento davvero importante perché rafforzerà la capacità dell’esercito di difendere il territorio.

Gli Abrams sono i carri armati più potenti al mondo e insieme ai Leopard  sono un buon supporto alle forze armate ucraine. Biden ha precisato che l’America inizierà presto l’addestramento dell’esercito ucraino per utilizzarli, affermando che comunque ci vorrà del tempo prima che possano essere utilizzati effettivamente sul campo di battaglia.

“in questo modo l’ucraina riuscirà a raggiungere i suoi obiettivi strategici”

ha affermato il presidente americano.

Nonostante ciò che pensa Putin, l’invio dei carri armati non vuole essere una minaccia offensiva contro il Cremlino e Biden lo ha dichiarato nel suo annuncio alla Casa Bianca.

“intendiamo aiutare l’ucraina a difendere e proteggere il suo territorio, non si tratta di una minaccia offensiva verso la russia. questa guerra dovrebbe finire subito, questo vogliamo tutti”.

Nel comunicato ufficiale Biden ha ringraziato il cancelliere tedesco Olaf Scholz per l’autorizzazione alla fornitura dei Leopard, passo importante per partecipare alla collettività degli aiuti che stanno arrivando alle forze armate ucraine.

Ci sono state parole positive anche per l’operato dell’Italia, che sta fornendo artiglieria all’Ucraina, così come altri Paesi, in particolare ha citato Regno Unito, Svezia, Olanda, Germania, Francia, Canada, Slovacchia, Polonia e Norvegia.

Sebbene la Russia credeva in una divisione, i Paesi “alleati” sono più uniti che mai e molto determinati. L’ira di Putin non è mancata, il leader del Cremlino infatti ha dichiarato che queste azioni sono minacce contro la Russia.

L’opinione delle alte cariche

In molti hanno applaudito alle parole che Biden ha pronunciato alle 18 ora locale, fra tutti il primo è stato il presidente ucraino Zelensky, che su Twitter ha voluto pubblicamente ringraziare Biden per il sostegno mostrato.

“l’invio degli abrams è un passo importante verso la vittoria. sono felice che il mondo si stia unendo per l’obiettivo comune della liberazione dell’ucraina”.

Sono arrivate poco dopo anche le parole del segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, che appena conclusa la dichiarazione del presidente americano ha ribadito che gli alleati sono uniti e ha accolto con favore l’annuncio di Biden.

Carri armati Abrams
Carri armati Abrams – Nanopress.it

I carri armati Abrams, insieme ai tedeschi Leopard e ai britannici Challenger possono fare la differenza per respingere finalmente la Russia.