James Rado, co-creatore di “Hair”, muore a 90 anni

È morto James Rado, co-creatore dell’innovativo musical hippie “Hair”, che celebrava la protesta, l’erba e l’amore libero, e ha aperto la strada al suono del rock a Broadway.

James Rado a 80 anni
James Rado a 80 anni – NanoPress.it

Aveva 90 anni. Rado è morto ieri sera a New York City per arresto cardiorespiratorio, secondo l’amico e pubblicista Merle Frimark. “Hair”, basato su una storia scritta da Rado e Gerome Ragni e musicata di Galt MacDermot, è stato il primo musical rock a Broadway, il primo spettacolo di Broadway a presentare la nudità completa e il primo a presentare un bacio tra persone dello stesso sesso.

James Rado ha fatto la storia del musical rock

“Hair” ha reso possibili altri musical rock come “Jesus Christ Superstar” e “Rent”. Come “Hamilton”, è stato uno dei pochi spettacoli di Broadway negli ultimi decenni a mettere le sue canzoni nelle classifiche pop. Il cosiddetto “musical rock d’amore tribale americano” è stato presentato in anteprima mondiale al Public Theatre nell’East Village di New York City nel 1967, e l’anno successivo è stato trasferito a Broadway, dove il musical ha eseguito più di 1.800 spettacoli.

Rado interpretava anche il ruolo Claude, un giovane che stava per essere arruolato e mandato in guerra in Vietnam. Clive Barnes, critico teatrale del New York Times, ha definito lo spettacolo “il primo musical di Broadway da un po’ di tempo ad avere la voce autentica di oggi piuttosto che dell’altro ieri”. Il New York Post ha affermato che aveva un “fascino non intenzionale”, un buon umore contagioso e un “giovane entusiasmo” che “rendono difficile resistere”.

Il revival di Hair del 2009 ha vinto il miglior revival Tony. Lo spettacolo è stato ripreso a Broadway nel 1977 e di nuovo nel 2009. È stato trasformato in un film diretto da Milos Forman nel 1979 con Treat Williams e Beverly D’Angelo. “Hair” ha generato quattro singoli tra i primi quattro delle classifiche pop americane, incluso il successo n. 1 “Aquarius/Let the Sunshine In” dei Fifth Dimension, che ha vinto il Grammy Award per il record dell’anno e la migliore performance vocale pop di un gruppo nel 1970.

“Hair” racconta la storia di Claude e Berger, migliori amici che hanno trovato la libertà alla fine degli anni ’60. Tra renitenze alla leva, amori, viaggi con l’LSD e una parata di marce di protesta, i due vagano per una New York piena di figli dei fiori, hippy drogati e turisti indignati che non approvano la follia.

Hair parlava di pace e unione tra i popoli

In una canzone, Claude canta in modo toccante: “Perché vivo, perché muoio, dimmi dove vado, dimmi perché”. Lo spettacolo è giocoso e caotico, ma c’è anche un senso di indignazione nelle sue proteste contro la guerra, il razzismo, il sessismo, l’inquinamento e l’ipocrisia generale, di un’epoca dominata dal coinvolgimento americano in Vietnam.

Cast di Hair
Cast di Hair – NanoPress.it

Vorrei ancora che ‘Hair’ parlasse di ciò di cui si trattava allora”, ha detto Rado all’Associated Press nel 1993. “‘Hair’ aveva un messaggio spirituale e un messaggio mistico che spero stia arrivando – c’è di più alla vita rispetto al modo in cui è stata concepita per noi, ci è stata spiegata, ci è stata insegnata”.

Rado, MacDermot e Ragni sono stati inseriti nella Songwriters Hall of Fame. Rado ha detto all’Hudson Reporter nel 2009 che nessuno dei creatori dello show prevedeva che avrebbe avuto un impatto così enorme. “Pensavamo di essere incappati in una grande idea e qualcosa che potenzialmente sarebbe potuto essere un successo a Broadway, senza mai pensare al futuro lontano”. Gli sopravvivono suo fratello Ted Rado, la cognata Kay Rado, le nipoti Melanie Khoury, Emily DiBona e Melissa Stuart, pronipoti e un pronipote.