L'Italia sulla Luna: accordo con gli Usa per l'esplorazione spaziale

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per lo spazio ha siglato il documento a Palazzo Chigi, durante un collegamento con Jim Bridenstine, l’amministratore capo della Nasa

Una foto della Luna

Foto Getty Images | Dan Kitwood

L’Italia e gli Stati Uniti hanno siglato un accordo sul programma Artemis per l’esplorazione della Luna. Il documento è stato firmato oggi a Palazzo Chigi dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per lo spazio, Riccardo Fraccaro, in collegamento con l’amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine. L’Italia è il primo Paese europeo a firmare con gli Stati Uniti un accordo bilaterale sull’esplorazione lunare.

Italia sulla Luna, Fraccaro: “Intesa storica”

A margine dell’evento, Fraccaro ha definito la firma dell’accordo bilaterale un “grande traguardo”.  “L’Italia ha siglato un’intesa storica con gli Stati Uniti – dice ancora Fraccaro per sancire la cooperazione nel percorso di esplorazione dello spazio che riporterà l’uomo sulla Luna e, in futuro, anche su Marte“.

Per noi è un grande onore, oltre che una grande opportunità, essere il primo Paese Ue a siglare quest’intesa che ci darà la possibilità di partecipare alla missione lunare e di avere un ruolo da protagonista nel più ambizioso programma di attività spaziale mai attuato. Stiamo contribuendo a scrivere una nuova pagina nella storia dell’esplorazione dello spazio“, ha aggiunto.

E ancora: “Ed è un riconoscimento ulteriore – nei confronti del ruolo del nostro Paese all’interno della missione Artemis, che porterà la prima donna sulla Luna e ha l’obiettivo di stabilire una presenza continua e autosufficiente sulla superficie lunare. Questa intesa consentirà al nostro Paese di esprimere tutto il suo potenziale in termini scientifici e industriali partecipando a una missione dalle finalità quanto mai ambiziose che vanno anche oltre l’allunaggio, previsto per il 2024“.

L’obiettivo – ha concluso il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per lo spazioè infatti utilizzare la Luna come base operativa per l’esplorazione dello spazio e comprende lo sviluppo delle attività in vista delle future missioni che porteranno l’uomo su Marte”.

Fraccaro ha poi dichiarato che l’intesa rappresenta un riconoscimento alle eccellenze italiane e ha promesso che il contributo dell’Italia alla missione Artemis sarà all’altezza delle aspettative. 

Bridenstine: “Ansiosi di affrontare una nuova collaborazione insieme”

È molto importante continuare nella nostra collaborazione, siamo ansiosi di affrontare una nuova collaborazione insieme agli astronauti italiani e siamo davvero entusiasti che l’Italia voglia firmare l’accordo Artemis ed in questo modo le nazioni insieme possano esplorare lo spazio in pace e con responsabilità”, ha affermato l’amministratore della Nasa, Jim Bridenstine.

È una partnership, quella fra Italia e Usa che viene avviata oggi fondamentale, per portare a livelli ancora più elevati la nostra collaborazione sulla Luna e anche su Marte”, ha concluso.

Parole di Alanews

Da non perdere