Istat: ad agosto sale la fiducia di consumatori e imprese

Lo fa sapere l'Istat evidenziando l'aumento del clima di ottimismo per il futuro economico italiano diffuso in tutti i settori

istat indice fiducia in aumento

Foto Shutterstock | Monster Ztudio

Gli italiani sono più ottimisti di un mese fa. Secondo i dati rilevati e diffusi dall’Istat, ad agosto 2020 si stima un generale aumento sia del clima di fiducia dei consumatori (che passa da 100,1 a 100,8) sia dell’indice composito del clima di fiducia delle imprese. Quest’ultimo è salito infatti da 77,0 a 80,8. Ad ogni modo va sottolineato che nonostante il recupero rispetto al mese precedente, in tutti i settori, gli indicatori del clima di fiducia delle imprese rimangono abbastanza lontani dai livelli raggiunti prima dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di coronavirus.

I dati Istat sulla fiducia degli italiani

I dati Istat rivelano che tra le componenti del clima di fiducia dei consumatori, il clima economico registra l’aumento più marcato passando da 85,9 a 90,1. La crescita è trainata dal deciso miglioramento delle aspettative sulla situazione economica del paese e sulla disoccupazione.

LEGGI ANCHE DISASTRO COVID: PERSI 600MILA POSTI DI LAVORO

Anche il clima corrente e futuro migliorano di qualche punto passando, rispettivamente, da 97,3 a 98,1 e da 104,3 a 105,3. Unico neo sta nella componente personale, la quale diminuisce lievemente scendendo da 105,2 a 104,9.

Con riferimento alle imprese, spiega l’Istat, le stime evidenziano un aumento della fiducia diffuso a tutti i settori seppur con intensità diverse. In particolare, nell’industria l’indice di fiducia del settore manifatturiero sale da 85,3 a 86,1 e nelle costruzioni aumenta da 129,7 a 132,6.

Per il comparto dei servizi, si evidenzia una dinamica positiva decisamente più marcata: nei servizi di mercato l’indice sale da 66,0 a 74,7 e nel commercio al dettaglio aumenta da 86,7 a 94,0.

LEGGI ANCHE COSTI DI CASA: COSA È AUMENTATO DOPO IL COVID

Cosa pensano imprenditori e commercianti

Focalizzando in dettaglio le componenti dell’indice di fiducia, chiarisce ancora l’Istat, nell’industria manifatturiera migliorano i giudizi sugli ordini mentre le attese di produzione sono in calo. Le scorte di prodotti finiti sono giudicate in lieve accumulo rispetto al mese scorso.

Per quanto riguarda le costruzioni, l’aumento dell’indice è trainato da un deciso miglioramento delle attese sull’occupazione presso l’impresa, mentre i giudizi sugli ordini si deteriorano.

Nei servizi di mercato migliorano sia i giudizi sugli ordini sia quelli sull’andamento degli affari; si registra, tuttavia, un peggioramento delle attese sugli ordini.

Nel commercio al dettaglio migliorano tutte le componenti dell’indice. A livello di circuito distributivo, la fiducia aumenta marcatamente nella grande distribuzione mentre nella distribuzione tradizionale l’incremento è più contenuto.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere