Israele, la Knesset si scioglie: elezioni il 1° novembre 2022

In Israele il primo ministro Bennett annuncia di ritirarsi dalla politica dopo il fallimento della coalizione ad ampio spettro contro Netanyahu, e la Knesset accetta.

Naftali Bennett
Naftali Bennett – NanoPress.it

I deputati della Knesset (Parlamento israeliano) hanno votato questo giovedì per lo scioglimento della Camera e la convocazione di elezioni anticipate per il 1° novembre, le quinte dal 2019, in una nuova fase di blocco politico in Israele.

In Israele gli 8 partiti al governo hanno fallito sulla Cisgiordania

I parlamentari della coalizione di governo, che hanno cercato fino all’ultimo di approvare le ultime leggi della legislatura, e quelli dell’opposizione, che sono ricorsi a manovre dilatorie, si sono battuti con le unghie e con i denti, fino a fare harakiri con il voto di i 92 deputati presenti in una Camera di 120 seggi.

Il voto sulla legge sull’autoscioglimento si è svolto giovedì prima della mezzanotte, per impedire la scadenza di una regola chiave per gli insediamenti in cui vivono quasi mezzo milione di ebrei nel territorio palestinese occupato della Cisgiordania. A dodici mesi dalla sua formazione, il governo sostenuto dalla più diversificata coalizione nella storia di Israele, si prepara ad esercitare il potere in attesa delle elezioni legislative invernali.

I suoi otto partiti, che vanno dalla destra nazionalista alla sinistra pacifista, passando per il centro, il Labour e, come grande novità, una forza politica della minoranza araba, hanno perso la maggioranza assoluta parlamentare alla Camera più di due mesi fa.

Il premier uscente, il nazionalista Naftali Bennett, ha annunciato mercoledì il suo ritiro dalla politica dopo il fallimento del cosiddetto “Government of Change”, e in particolare del suo stesso partito (Yamina, religioso ultraconservatore), da cui metà sono fuggiti dai suoi deputati nei ranghi dell’opposizione.

Il presidente cederà la guida della formazione al suo numero due, il ministro dell’Interno, Ayelet Shaked. In un discorso al quartier generale del parlamento, Bennett ha assicurato che dopo le sue dimissioni avrebbe continuato a “servire il Paese come un soldato comune”. In precedenza, si vantava che la sua coalizione avesse portato avanti più progetti legali rispetto ad altri governi in molto più tempo.

“Abbiamo dimostrato che persone con opinioni diverse possono lavorare insieme”, ha affermato.Bennett non si candiderà alle nuove elezioni, pur restando in carica nel Gabinetto, come un “primo ministro alternativo”, seppur dedito quasi esclusivamente a vigilare sull’andamento del nuovo negoziato tra l’Iran e le grandi potenze per la riattivazione del accordo nucleare del 2015, sospeso tre anni dopo dall’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Dopo lo scioglimento della Knesset, Bennet cederà la guida dell’Esecutivo, al ministro degli Esteri Yair Lapid

Dopo lo scioglimento della Knesset, Bennet cederà la guida dell’Esecutivo, con decorrenza dalla mezzanotte di giovedì, al ministro degli Esteri Yair Lapid, leader del partito con il maggior numero di seggi in coalizione, secondo gli accordi di rotazione in carica che entrambi firmati lo scorso anno. A metà luglio dovrà ricevere una visita in Israele del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, nel suo viaggio in Medio Oriente.

Benjamin Netanyahu
Benjamin Netanyahu – NanoPress.it

Il conservatore Benjamin Netanyahu, il leader israeliano più longevo, sta ora cercando di alzarsi alle urne dalle ceneri dell’opposizione e dal suo processo per corruzione. Dovrà sfidare Lapid come candidato, che si contenderà le elezioni per la prima volta dal potere, seppur soggetto ai limiti di un governo in carica. Uno dei motivi principali del ritardo nel voto di scioglimento alla Knesset è stata la controversia sulla data delle elezioni.

Mentre la destra religiosa ha preferito il 25 ottobre, per favorire il voto degli ultraortodossi al termine delle vacanze autunnali ebraiche, la coalizione uscente ha imposto la giornata laica del 1° novembre. I sondaggi sulle intenzioni di voto confermano un legame tra i blocchi, quindi l’incertezza sulla governabilità alzerà su Israele per almeno sei mesi fino a quando non si formerà un nuovo Esecutivo dalle urne.

Quasi un anno dopo la sua formazione, l’ampia coalizione di governo all’inizio di questo mese ha perso un voto parlamentare chiave sugli insediamenti ebraici in Cisgiordania. Il suo tentativo di estendere la legislazione “provvisoria” che estendeva dal 1967 i diritti civili israeliani ai coloni della Cisgiordania fallì in Parlamento. Due deputati della maggioranza si sono opposti e altri quattro erano assenti dalla Camera.

La scomposizione dell’alleanza ha costretto Bennett a gettare la spugna la scorsa settimana dopo aver verificato che non sarebbe stato in grado di ratificare la normativa per gli insediamenti prima del 1° luglio, data di scadenza della sua validità. Se la Knesset non fosse stata sciolta, decisione che comporta la proroga automatica di sei mesi di tutte le regole fino alla costituzione di un nuovo Gabinetto, gli israeliani negli insediamenti hanno corso il rischio di perdere quasi tutti i loro diritti.

Nonostante le manovre dell’ultimo minuto di Netanyahu e dei suoi alleati per formare una maggioranza alternativa alla Camera, attraverso una mozione di censura che consenta loro di prendere il controllo del governo prima dello scioglimento del Parlamento, la convocazione delle quinte elezioni nonostante siano trascorsi poco più più di tre anni dal voto di scioglimento.