Isis uccide 13 ragazzi: avevano guardato una partita di calcio

Un altro massacro da parte dell’Isis in Iraq: 13 ragazzi uccisi perché, nel guardare una partita di calcio, avrebbero violato la sharia.

Isis uccide 13 ragazzi: avevano guardato una partita di calcio

L’Isis ha ucciso 13 ragazzi, che avevano guardato una partita di calcio. Un vero e proprio massacro, che è avvenuto in pubblico a Mosul, in Iraq. I giovani erano “colpevoli” di aver guardato la partita della loro nazionale contro la Giordania, disputa che rientra nell’ambito della Coppa dell’Asia. L’omicidio sarebbe avvenuto qualche giorno fa, ma la notizia è stata diffusa soltanto di recente. Secondo ciò che hanno riferito i media internazionali, i ragazzini sarebbero stati catturati e poi sono stati uccisi a fucilate. Nel guardare le partite e fare il tifo avrebbero violato la sharia.

Secondo la stampa americana, che ha appreso le informazioni da un sito web di attivisti anti Isis, l’omicidio sarebbe avvenuto in modo brutale: i ragazzi sarebbero stati messi in cerchio e poi i miliziani avrebbero sparato loro. Tra l’altro i corpi sarebbero rimasti a lungo nel luogo dell’uccisione, perché i familiari non volevano averli, dato che avevano paura di eventuali ritorsioni da parte dei terroristi.

Parole di Giorgio Rini

Da non perdere