In che modo la guerra tra Russia e Ucraina ha innescato una crisi alimentare?

Le ostilità della Russia in Ucraina stanno impedendo al grano di lasciare il “cesto del pane del mondo” e rendere il cibo più costoso in tutto il pianeta, minacciando di peggiorare la carenza, la fame e l’instabilità politica nei paesi in via di sviluppo.

Grano con bandiera ucraina
Grano con bandiera ucraina – NanoPress.it

Insieme, Russia e Ucraina esportano quasi un terzo del grano e dell’orzo del mondo, oltre il 70% dell’olio di girasole e sono grandi fornitori di mais. La Russia è il primo produttore mondiale di fertilizzanti. I prezzi mondiali del cibo stavano già salendo e la guerra ha peggiorato le cose, impedendo a circa 20 milioni di tonnellate di grano ucraino di arrivare in Medio Oriente, Nord Africa e parti dell’Asia.

La guerra in Ucraina della Russia sta affamando il mondo

Settimane di negoziati alla ricerca di corridoi sicuri per estrarre il grano dai porti ucraini del Mar Nero hanno fatto pochi progressi, con l’urgenza alimentare in aumento, derivata dall’arrivo della stagione estiva del raccolto. “Quello che accadrà nei prossimi due mesi sarà orribile”, ha affermato Anna Nagurney, che studia gestione delle crisi presso l’Università del Massachusetts Amherst, ed è nel consiglio della Kyiv School of Economics.

La Nagurney afferma che 400 milioni di persone in tutto il mondo dipendono dalle forniture alimentari ucraine. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura prevede che fino a 181 milioni di persone in 41 paesi potrebbero affrontare crisi alimentari o livelli peggiori di fame quest’anno.

In genere, il 90% del grano e altri cereali provenienti dai campi ucraini vengono spediti ai mercati mondiali via mare, ma ora sono bloccati dalla presenza delle navi russe della costa del Mar Nero. Un po’ di grano viene dirottato attraverso l’Europa su rotaia, strada e fiumi, ma la quantità è una goccia nel mare rispetto alle rotte marittime. Le spedizioni sono inoltre rallentate perché gli scartamenti ferroviari dell’Ucraina non corrispondono a quelli dei suoi vicini a ovest.

Il viceministro dell’agricoltura ucraino, Markian Dmytrasevych, ha chiesto ai legislatori dell’Unione europea aiuto per esportare più grano, compreso l’utilizzo dell’uso di un porto rumeno sul Mar Nero, la costruzione di più terminal merci sul fiume Danubio e la riduzione della burocrazia per l’attraversamento merci al confine con la Polonia.

Ma ciò significa che il cibo deve fare un giro ancora più lontano per arrivare a chi ne ha bisogno. “Ora devi fare il giro dell’Europa per tornare nel Mediterraneo. Ha davvero aggiunto un’incredibile quantità di costi al grano ucraino”, ha affermato Joseph Glauber, ricercatore senior presso l’International Food Policy Research Institute di Washington.

L’Ucraina è stata in grado di esportare circa 2 milioni di tonnellate di grano al mese, dall’inizio della guerra, in calo rispetto a oltre 6 milioni di tonnellate, ha affermato Glauber, ex capo economista del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti.

Anche il grano russo fa difficoltà ad uscire

Neanche il grano russo esce. Mosca sostiene che le sanzioni occidentali alle sue industrie bancarie e marittime rendono impossibile per la Russia esportare cibo e fertilizzanti, e le stesse sanzioi stanno spaventando le compagnie di navigazione straniere dal trasportarlo.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

I funzionari russi insistono che le sanzioni vengano revocate per portare grano sui mercati globali. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e altri leader occidentali affermano, tuttavia, che le sanzioni non toccano il cibo.

L’Ucraina ha accusato la Russia di bombardare le infrastrutture agricole, bruciare campi, rubare grano e cercare di venderlo alla Siria, dopo che Libano ed Egitto si sono rifiutati di acquistarlo. Le immagini satellitari scattate a fine maggio da Maxar Technologies mostrano navi battenti bandiera russa in un porto della Crimea caricate di grano, e poi giorni dopo attraccate in Siria con i portelli aperti.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che la Russia ha provocato una crisi alimentare globale. La Russia invece afferma che le esportazioni potranno riprendere una volta che l’Ucraina rimuoverà le mine nel Mar Nero, e le navi in ​​arrivo potranno essere controllate per vedere se ci sono armi. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha promesso che Mosca non avrebbe “abusato” del suo vantaggio navale e avrebbe “adottato tutte le misure necessarie per garantire che le navi potessero partire liberamente”.

I funzionari ucraini e occidentali dubitano dell’impegno. Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato questa settimana che potrebbe essere possibile creare corridoi sicuri senza la necessità di ripulire le mine marine perché l’ubicazione degli ordigni esplosivi è nota.

Dmytrasevych ha dichiarato questa settimana ai ministri dell’Agricoltura dell’UE che l’unica soluzione è sconfiggere la Russia e sbloccare i porti: “Nessun’altra misura temporanea, come i corridoi umanitari, affronterà la questione”.

Come siamo arrivati qui? Chi è più colpito?

I prezzi del cibo stavano aumentando prima dell’invasione, a causa di fattori tra cui il maltempo e i raccolti scarsi che tagliavano le forniture, mentre la domanda globale è rimbalzata fortemente dalla pandemia di COVID-19.

Putin
Putin – NnoPress.it

Glauber ha citato gli scarsi raccolti di grano dell’anno scorso negli Stati Uniti e in Canada e una siccità che ha danneggiato i raccolti di soia in Brasile. Esacerbato anche dai cambiamenti climatici, il Corno d’Africa sta affrontando una delle peggiori siccità degli ultimi quattro decenni, mentre un’ondata di caldo record in India a marzo ha ridotto i raccolti di grano.

Ciò, insieme all’aumento dei costi di carburante e fertilizzanti, ha impedito ad altri grandi paesi produttori di grano di colmare le lacune.

L’Ucraina e la Russia esportano principalmente beni di prima necessità verso i paesi in via di sviluppo che sono più vulnerabili agli aumenti e alle carenze dei costi. Paesi come la Somalia, la Libia, il Libano, l’Egitto e il Sudan dipendono fortemente dall’olio di grano, mais e girasole delle due nazioni in guerra. “Il peso è sulle spalle dei più poveri”, ha detto Glauber. “Questa è una crisi umanitaria, non c’è dubbio”.

Oltre alla minaccia della fame, l’aumento vertiginoso dei prezzi alimentari rischia l’instabilità politica in tali paesi. I governi dei paesi in via di sviluppo devono lasciare che i prezzi dei generi alimentari aumentino o sovvenzionare i costi, ha affermato Glauber. Un paese moderatamente prospero come l’Egitto, il principale importatore di grano al mondo, può permettersi di assorbire costi alimentari più elevati, ha affermato. “Per i paesi poveri come lo Yemen o i paesi del Corno d’Africa, avranno davvero bisogno di aiuti umanitari”, ha affermato.

La fame e la carestia stanno perseguitando quella parte dell’Africa. I prezzi di prodotti di base come il grano e l’olio da cucina in alcuni casi sono più che raddoppiati, mentre milioni di capi di bestiame che le famiglie usano per il latte e la carne sono morti. In Sudan e Yemen, il conflitto Russia-Ucraina si è aggiunto ad anni di crisi interne.

Possibile ‘esplosione’ di morti infantili

L’UNICEF ha messo in guardia contro una “esplosione di morti infantili” se il mondo si concentra solo sulla guerra in Ucraina e non agisce. Le agenzie delle Nazioni Unite hanno stimato che più di 200.000 persone in Somalia affrontano “fame e fame catastrofiche”, circa 18 milioni di sudanesi potrebbero soffrire di fame acuta entro settembre e 19 milioni di yemeniti affrontano l’insicurezza alimentare quest’anno. I prezzi del grano sono aumentati in alcuni di questi paesi fino al 750%.

Porto di Odessa
Porto di Odessa – NanoPress.it

“In generale, tutto è diventato costoso. Sia che si tratti di acqua, sia che si tratti di cibo, sta diventando quasi impossibile”, ha detto Justus Liku, consulente per la sicurezza alimentare del gruppo umanitario CARE, dopo aver visitato di recente la Somalia. Liku ha detto che un negozio di generi alimentari proprio in Somalia  “non aveva né verdure né prodotti animali. Niente latte, niente carne. Il negoziante ci ha detto che è lì solo per il gusto di essere lì. In Libano, i panifici che avevano molti tipi di focaccia ora vendono solo il prodotto base per conservare la farina.

Per settimane, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha cercato di ottenere un accordo per sbloccare le esportazioni russe di grano e fertilizzanti, e consentire all’Ucraina di spedire merci dal porto chiave di Odessa. Ma i progressi sono stati lenti. Nel frattempo, una grande quantità di grano è bloccata nei silos ucraini o nelle fattorie. E c’è dell’altro in arrivo: la raccolta del grano invernale in Ucraina inizierà presto, mettendo maggiormente sotto stress le strutture di stoccaggio anche se è probabile che alcuni campi non vengano raccolti e a causa dei combattimenti.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden afferma di lavorare con i partner europei su un piano per costruire silos temporanei ai confini dell’Ucraina, inclusa la Polonia, una soluzione che affronterebbe anche i diversi scartamenti ferroviari tra l’Ucraina e l’Europa. L’idea è che il grano possa essere trasferito nei silos, e poi “nei tir in Europa e portarlo nell’oceano e poi in giro per il mondo. Ma ci vuole tempo”, ha detto in un discorso martedì. Dmytrasevych ha affermato che la capacità di stoccaggio del grano dell’Ucraina è stata ridotta da 15 milioni a 60 milioni di tonnellate dopo che le truppe russe hanno distrutto silos o occupato siti nel sud e nell’est.

La produzione mondiale di grano, riso e altri cereali dovrebbe, nel 2022, essere in calo di 16 milioni di tonnellate rispetto all’anno precedente, il primo calo in quattro anni, ha affermato l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. I prezzi del grano sono aumentati del 45% nei primi tre mesi dell’anno rispetto all’anno precedente, secondo l’indice dei prezzi del grano della FAO. L’olio vegetale è balzato del 41%, mentre anche i prezzi di zucchero, carne, latte e pesce sono aumentati a doppia cifra.