Il primo ministro estone ‘raccomanda’ di non sminuire la Russia

Il primo ministro estone Kaja Kallas ha rlasciato una intervista dove suggerisce che l’Occidente non dovrebbe sottovalutare le capacità militari della Russia in Ucraina.

Kaja Kallas
Kaja Kallas – NanoPress.it

Il primo ministro ha altresì affermato, in una intervista all’Associated Press, che Mosca sarà presente a lungo termine in Ucraina poiché la guerra entra nel suo quinto mese. Kallas ha detto che l‘Europa dovrebbe garantire che coloro che commettono crimini di guerra e tentato genocidio siano perseguiti.

Il Primo Ministro Estone ricorda gli ‘orrori di guerra’ di Putin

E ha osservato che il presidente russo Vladimir Putin è sfuggito alla punizione per l’annessione della penisola di Crimea nel 2014, e per aver sostenuto un’insurrezione nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale, che ha ucciso oltre 14.000 persone anche prima dell’inizio della guerra di quest’anno.

Ho sentito discorsi che dicono che gli aggressori sono stanchi e sfiduciati. No, non lo sono per nulla”, ha detto dell’esercito russo, che non è riuscito a prendere Kiev nelle prime fasi della guerra e ora sta concentrando la sua potenza di fuoco a est. “Hanno ancora un sacco di truppe che possono venire (a combattere) – Non stanno contando le vite che stanno perdendo. Non stanno contando l’artiglieria che stanno perdendo lì”.

Quindi non penso che dovremmo sottovalutarlì”, ha detto Kallas, nonostante il morale basso e la corruzione, che preoccupano le forze di Mosca. Kallas ha elogiato l’unità che l’Europa ha dimostrato nel punire la Russia per l’invasione iniziata il 24 febbraio, anche se ha affermato che era chiaro fin dall’inizio che sarebbe stato “sempre più difficile nel tempo” restare uniti.

“In primo luogo, abbiamo applicato le sanzioni che erano relativamente facili. Ora si passa a sanzioni molto più difficili. Ma finora siamo riusciti a ottenere l’unità, anche se abbiamo opinioni diverse”, ha detto nell’intervista rilasciata a Stenbock House, un edificio governativo dove ha il suo ufficio e tiene riunioni di gabinetto.

Kaja Kallas sostiene l’Ucraina nella Ue

Questo è normale per la democrazia. Discutiamo, discutiamo e poi arriviamo alla soluzione. Finora, per Putin è stata una sorpresa negativa il fatto che siamo ancora uniti”, ha detto Kallas. Ha detto di sperare che all’Ucraina venga concesso lo status di candidato per l’Unione Europea al prossimo vertice del blocco a Bruxelles, nonostante le divisioni iniziali su di esso.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

Il braccio esecutivo dell’UE, la Commissione europea, ha sostenuto la candidatura dell’Ucraina la scorsa settimana. Alcuni paesi “erano molto scettici due mesi fa”, ha detto Kallas, ma ora ci sono “diversi segnali provenienti da diversi stati membri, che sono d’accordo”. L’Estonia, che condivide un confine di 294 chilometri (circa 180 miglia) con la Russia, ha preso una posizione dura sull’invasione russa dell’Ucraina.

Kallas ha criticato altri leader europei per aver parlato con Putin, e ha sostenuto di isolare completamente Mosca, lasciando all’Ucraina la decisione su come porre fine alla guerra. Mentre la guerra si trascinava, alcuni in Occidente hanno suggerito di raggiungere un accordo di pace negoziato con la Russia, anche se ciò avrebbe significato per l’Ucraina rinunciare ad una parte del suo territorio.

Kallas ha messo in guardia contro di esso. Nei suoi commenti all’AP, il primo ministro ha sottolineato che questo è esattamente ciò che è accaduto dopo che Mosca ha annesso la Crimea, sostenuto i separatisti nel Donbass e sequestrato il territorio nell’ex repubblica sovietica della Georgia.”Per noi, è importante non commettere più quell’errore come abbiamo fatto in Crimea, Donbass, Georgia”, ha detto.

Le sanzioni toccano i cittadini russi ma non scoraggiano Putin

“Abbiamo fatto lo stesso errore già tre volte dicendo che, si sa, i negoziati, la pace negoziata sono l’obiettivo. L’unica cosa che Putin sente da questo è che “Posso farlo perché non seguirà alcuna punizione“.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

“E ogni volta, ogni volta successiva sarà con più sofferenza umana di quella precedente”, ha aggiunto. Nella guerra in Ucraina, coloro che commettono crimini di guerra e “conducono o tentano di condurre un genocidio” dovrebbero essere perseguiti.

Le sanzioni contro la Russia entreranno in vigore nel tempo, ha detto il primo ministro, e bisogna solo avere “pazienza strategica”. Kallas ha difeso le critiche secondo cui le sanzioni sembrano ferire solo i cittadini russi, mentre finora non sono riuscite a scoraggiare Putin. “E penso ancora che, sai, gli effetti dovrebbero essere avvertiti anche dalla popolazione russa, perché se guardi, il sostegno a Putin è molto alto“, ha detto.

Kallas ha aggiunto che i soldati russi si vantano dei crimini di guerra che commettono “con la complicità dele loro mogli e delle loro madri. E se le mogli e le madri dicono che ‘Questo va bene quello che stai facendo lì’. Voglio dire, questa è anche la guerra che la Russia e il popolo russo stanno organizzando in Ucraina“, ha detto.