Il ‘NO’ all’energia russa spinge la Ue ad accordi con regimi autoritari

La visita a Parigi dell’erede saudita arriva dopo che gli Stati Uniti hanno abbassato le tensioni con il Venezuela e l’UE si è avvicinata a dittature produttrici di gas come l’Azerbaigian o l’Egitto.

Ursula Von Der Leyen
Ursula Von Der Leyen – Nanopress.it

Il confronto con Mosca sulla guerra in Ucraina costringe la Ue a garantire alternative alle forniture energetiche russe. La ricerca di nuovi partner ha spinto l’Unione Europea a rafforzare i legami con i regimi autoritari e ad evitare obiezioni politiche ai paesi che violano i diritti umani. Gli Stati Uniti, dal canto loro, hanno preso una svolta nei loro rapporti con l’Arabia Saudita e hanno allentato le sanzioni contro il Venezuela.

Il confronto con Mosca sulla guerra in Ucraina costringe la Ue a garantire alternative alle forniture energetiche russe

Finora la Russia ha coperto il 40% delle importazioni di gas in Europa, con un trasferimento di circa 155.000 milioni di metri cubi all’anno, il che rende l’idea del compito titanico che il club comunitario ha per trovare rapidamente un’alternativa. La ricerca si è concentrata sul mercato del gas naturale liquefatto, che arriva via nave, e sui gasdotti provenienti da paesi europei come la Norvegia o il Regno Unito.

Ma l’aumento maggiore, fino al 70%, si è verificato nell’arrivo di gas dall’area del Mar Caspio, dove la maggior parte dei fornitori ha un curriculum piuttosto scarso in termini di valori democratici e diritti umani. Lo stesso mese di luglio, la Commissione ha raggiunto un accordo con l’Azerbaigian per raddoppiare le importazioni di gas da quel paese del Caspio, che passerebbero da 8.100 milioni di metri cubi all’anno nel 2021 a 20.000 milioni nel 2027.

Già in quest’anno, secondo l’accordo, si prevede di raggiungere 12.000 milioni. L’organismo comunitario ha ignorato le denunce delle organizzazioni non governative che accusano il governo di Baku di esercitare una colossale repressione sulle forze di opposizione del Paese.L’UE non ha esitato inoltre a firmare un memorandum con Egitto e Israele per importare gas da questi due paesi o da altri dell’area attraverso l’infrastruttura egiziana dei rigassificatori.

“Sotto il governo del presidente Abdelfatá al Sisi, l’Egitto sta vivendo una delle peggiori crisi dei diritti umani degli ultimi decenni”, è la valutazione dell’organizzazione Human Rights Watch sul nuovo alleato energetico dell’Ue. Nel caso di Israele, la stessa organizzazione denuncia i crimini contro l’umanità contro milioni di palestinesi, il che non ha impedito all’UE di considerare questo mese di riprendere gli incontri dell’Accordo di associazione con quello Stato, abbandonati dieci anni fa.

I calcoli della Commissione Europea suggeriscono che il gas rappresenterà il 22% del consumo energetico dell’Unione almeno fino al 2030, quindi ha bisogno di forniture per superare il resto del decennio. Il Qatar è un altro Paese identificato come fornitore essenziale per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento nonostante le critiche alle condizioni lavorative e sociali che prevalgono in quel Paese, particolarmente dure per la popolazione immigrata.

Non è la prima volta che l’Unione Europea pratica la realpolitik senza esitazione

Non è la prima volta, tuttavia, che l’UE pratica la realpolitik senza esitazione. In campo migratorio, i 27 partner europei non hanno esitato a raggiungere un accordo da un milione di dollari con la Turchia affinché il presidente, Recep Tayyip Erdogan, impedisse il passaggio dei profughi siriani nel territorio della comunità. E Bruxelles ha finanziato il controllo della migrazione in Libia nonostante le continue denunce per il trattamento disumano dei subsahariani che tentano di attraversare il Mediterraneo dalle coste del Paese africano.

Commissione Europea
Commissione Europea – NanoPress.it

Il conflitto con la Russia ha anche portato l’amministrazione Joe Biden a dare una svolta alle sue relazioni con alcuni paesi, in particolare Arabia Saudita e Venezuela. Durante la campagna che lo ha portato alla Casa Bianca nel 2020, Biden è stato chiaro sulla sua posizione sul regno del deserto promettendo durante uno dei dibattiti presidenziali che ne avrebbe fatto uno “stato canaglia”.

La ragione? La relazione diretta, provata dai servizi di intelligence statunitensi, tra il suo leader de facto, il principe ereditario, Mohamed Bin Salmán (noto come MBS), e lo smembramento a Istanbul nel 2018 dell’editorialista del Washington Post Jamal Khashoggi, cittadino saudita residente in United Stati. Biden ha dovuto ingoiare le sue parole il 15 durante un controverso tour in Medio Oriente, in cui si è fermato a Jeddah (Arabia Saudita) per incontrare i membri del regime, con la minaccia destabilizzante dell’espansione delle capacità nucleari dell’Iran che fluttuava nel aria, ambiente.

L’incontro ha prodotto l’immagine di Biden che batte i pugni con MBS, che passerà alla storia delle relazioni estere della sua Amministrazione e della realpolitik. Ciò che era cambiato da un momento all’altro era la guerra in Ucraina e l’emergenza energetica globale da essa scatenata. Nel nuovo scenario, anche gli Stati Uniti – dove la benzina ha fatto registrare prezzi record negli ultimi mesi, davvero impopolare in un Paese già afflitto dall’inflazione e quindi dipendente dalle automobili – hanno un disperato bisogno di cercare petrolio dove prima c’era solo tensione geopolitica.

In quell’incontro di Jeddah, tra misure per ammorbidire le relazioni saudite con Israele, dichiarazioni di sostegno alla fragile tregua in Yemen e annunci di cooperazione tecnologica e di difesa, la Casa Bianca ha dichiarato, nascosta dietro l’eufemismo in voga a Washington, “security Energy”, che l’Arabia Saudita si fosse impegnata a “un aumento dei livelli di produzione del 50% rispetto a quanto previsto per luglio e agosto”.

Il conflitto con la Russia ha anche portato l’amministrazione Biden a dare una svolta alle sue relazioni con alcuni paesi

Ciò consentirebbe, secondo Washington, “di stabilizzare considerevolmente i mercati”. Ed è vero che a poco più di 100 giorni dalle elezioni legislative di novembre, in cui i Democratici potrebbero perdere il controllo di entrambe le Camere a Capitol Hill, i prezzi della benzina sembrano moderati. La media nazionale di ciò che viene pagato per un gallone (3,78 litri) è scesa di 70 centesimi dal dollaro dal suo picco, che era sopra i cinque dollari (4,92 euro) all’inizio di giugno.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Gli analisti prevedono che i prezzi continueranno a diminuire fino alla fine dell’anno (sebbene siano ancora 1,17 dollari in più rispetto a un anno fa). Nell’ambito della stessa politica di ricerca di compagni di letto ignari nel mezzo di una crisi energetica senza precedenti negli ultimi decenni, i funzionari dell’amministrazione Biden si sono recati a Caracas a marzo per incontrare il governo del presidente Nicolás Maduro, non appena è diventato chiaro che Il greggio venezuelano aveva acquisito un valore più alto nel board mondiale, dopo l’imposizione delle sanzioni alla Russia per la guerra.

Pochi giorni dopo quella visita, è stato annunciato il veto statunitense sul petrolio di Mosca. A quel viaggio sono seguiti i gesti di Washington per ammorbidire i rapporti con il regime di Maduro. Gli Stati Uniti, che continuano a riconoscere l’opposizione Juan Guaidó come legittimo presidente, hanno allentato alcune delle punizioni contro il Venezuela per cercare, secondo un alto funzionario della Casa Bianca, di favorire il dialogo con l’opposizione.