Il Kenya elegge presidente William Ruto in una giornata tesa

Il vicepresidente ottiene una vittoria serrata contro il rivale, che aveva ricevuto l’appoggio del presidente uscente, e quindi il Kenya ha scelto: William Ruto.

William Ruto
William Ruto – NanoPress.it

Ruto, 55 anni, sarà il quinto presidente del Paese africano dopo elezioni caratterizzate da bassa affluenza alle urne, vittoria di misura e tesa attesa per i risultati, annunciati sei giorni dopo tra un colpo e l’altro nella sede della commissione elettorale. Ruto, vicepresidente dal 2013, ha vinto con il 50,49% di poco più di 200mila voti rispetto alla rivale, Raila Odinga, che ha ottenuto il 48,85% dei voti.

Ruto, 55 anni, sarà il quinto presidente del Kenya

Anni fa il vincitore ha perso il sostegno di Uhuru Kenyatta, il presidente uscente dopo aver esaurito due mandati, che questa volta ha appoggiato il suo vecchio rivale Odinga. Solo il 65% dei kenioti chiamati alle urne è risultato a votare martedì scorso, la percentuale più bassa in 20 anni, 14 punti in meno rispetto alle ultime elezioni, nel 2017. La vittoria arriva con la polemica.

Il caos ha preso il sopravvento questo lunedì presso la sede della commissione elettorale quando, dopo due ore e mezza di attesa, il suo presidente, Wafula Chebukati, è uscito per annunciare il vincitore. Diversi delegati dalla parte di Odinga gli hanno impedito di salire sul podio per dare il risultato spingendo e i militari sono dovuti intervenire dopo l’inizio di una rissa.

Tra loro c’era il responsabile della campagna di Odinga, Sairabao Ole Kanchory, che ha detto che il suo candidato non sarebbe andato alla sede fino a quando non gli fosse stato permesso di vedere il risultato, dicendo che era “un luogo del crimine”. Allo stesso tempo, quattro dei sette funzionari della commissione elettorale si sono dissociati dal risultato ufficiale in un hotel della città, assicurando che, sebbene avessero svolto un buon lavoro, il conteggio finale era stato opaco.

La vittoria non è stata solo di stretta misura nelle elezioni presidenziali, ma anche in quelle parlamentari e in cui sono stati eletti i governatori regionali. Alla camera bassa, la coalizione Azimio La Umoja, di Odinga, ha ottenuto tre deputati in più rispetto a Kenya Kwanza, da Ruto, che ha ottenuto un deputato in più dei suoi rivali al Senato; alla Camera dei Governatori Regionali sono a pari merito; e candidati indipendenti saranno fondamentali in tutti loro.

La tensione è stata alimentata dalla durata del conteggio, sei giorni, nonostante a poco più di 24 ore dalla chiusura delle urne tutti i risultati fossero già stati caricati sul sito della commissione. L’agenzia stessa lo ha fatto in un esercizio di trasparenza, ma si è assicurata di confermare che avrebbero dovuto prima verificarli personalmente presso la sua sede a Nairobi.

Il timore di alterchi dopo l’annuncio dei risultati ha paralizzato il Paese di oltre 50 milioni di abitanti. Da martedì le strade di Nairobi, la capitale, sono praticamente vuote, con molti uffici che implementano il telelavoro, attività chiuse e migliaia di persone che tornano nei luoghi di origine per votare. La violenza si è ripetuta su scala minore alle elezioni di cinque anni fa, dopo la sconfitta di Odinga con il 44% dei consensi contro Kenyatta; Almeno 92 persone sono morte.

Al momento, almeno una persona è morta negli alterchi di lunedì

Una vittoria basata sull’economia La vittoria di Ruto si basa su due fatti fondamentali: il suo sostegno alla regione centrale, roccaforte dell’etnia Kikuyu e la più popolosa del Paese, e l’impatto della sua retorica, ponendosi come l’unica alternativa alle dinastie politiche in Kenya. L’alleanza tra Odinga e Kenyatta, il presidente uscente, che ha tradito Ruto nonostante fosse il suo vicepresidente, si è infine voltata a suo favore, presentando le elezioni come una scelta tra il popolo e le élite.

Bandiera del Kenya
Bandiera del Kenya – NanoPress.it

A suo favore ha giovato anche la precaria situazione economica del Paese, che ha fatto sì che il suo motto imbroglioni (combattenti) si sia diffuso in uno dei momenti peggiori dell’economia keniota, e con il costo della vita come principale preoccupazione dei kenioti, avendo alzato, in un solo anno, il prezzo del carrello della spesa del 15%. La crisi economica, l’alleanza senza precedenti tra Odinga e Kenyatta e il fatto che non ci fosse Kikuyu come candidato preferito hanno ridotto il peso etnico in queste elezioni.

Nonostante questo, Ruto non avrebbe potuto vincere senza il sostegno di questa etnia, la maggioranza nella regione centrale. Quasi quattro dei 14 milioni di elettori vivono lì e Ruto ha ottenuto più del 70% dei consensi in tutte le contee, vincendo anche nel collegio elettorale in cui ha votato il candidato alla vicepresidenza del rivale. La sfida principale di Ruto sarà quella di saper ascoltare tutti quei combattenti a cui si è rivolto in campagna: l’83% della popolazione che vive alla giornata e che è stata gravemente colpita dalla spirale dell’inflazione.

Includere questo grosso della popolazione nella crescita del Paese sarà uno dei suoi obiettivi principali, insieme alla lotta urgente al cambiamento climatico, i cui effetti sono palpabili nel Paese africano, con una siccità che vede 4,7 milioni di kenioti in una situazione di insicurezza alimentare.

Martedì, mentre Odinga stava andando a votare, i suoi seguaci hanno cantato Onge ngama Baba osenego (Non c’è nessuno che Baba abbia ucciso) in Luo, la lingua della comunità a cui appartiene. Questo si riferisce all’indagine che la Corte penale internazionale ha avviato contro il suo rivale, Ruto, per le violenze post-elettorali del 2007, ma che si è conclusa dopo che i testimoni hanno ostacolato il processo.

“Mathare è come Soweto in Sud Africa, abbiamo seri problemi qui”, ha aggiunto Ebrahim Njuguna durante la celebrazione del canto. Martedì scorso, i kenioti si sono congratulati con se stessi per aver avuto una campagna e una giornata elettorale senza intoppi. “Le cose funzionano bene, le persone sono educate a votare pacificamente”, ha detto Kigal, un elettore di Mathare.

Le missioni di osservazione dell’Unione Europea e della Comunità degli Stati dell’Africa orientale hanno riconosciuto giorni dopo che i diritti fondamentali erano stati rispettati e la commissione elettorale aveva migliorato la propria preparazione rispetto alle precedenti elezioni, in cui la giustizia ha annullato il risultato per irregolarità nel processo.