Il confine tra Messico e Usa si scalda prima della visita di Obrador a Biden

L’Arizona inizia una nuova pattuglia e cinque contee del Texas chiedono che venga dichiarata un’invasione di migranti poco prima della riunione dei presidenti Obrador e Biden a Washington.

Manuel López Obrador
Manuel López Obrador – NanoPress.it

Dall’inizio di luglio, gli abitanti di Nogales, in Arizona, possono vedere un enorme pallone ad elio fluttuare a 22 metri sopra le loro teste. Il dirigibile, dotato di telecamere a infrarossi in funzione 24 ore su 24, è utilizzato dalle autorità di frontiera per monitorare il confine con il Messico, a meno di due chilometri di distanza.

Il confine tra Arizona e Messico monitorato h24

È la prima volta che l’Office of Customs and Border Protection (CBP, per il suo acronimo in inglese) gestisce uno di questi veicoli di sorveglianza nel settore di Tucson, una linea di demarcazione di 400 chilometri, dove sono stati detenuti più di 173.000 persone negli ultimi otto mesi. Altri 17 dispositivi come questo saranno schierati lungo il confine, che è diventato una zona calda nelle ultime settimane e pochi giorni prima che Joe Biden e Andrés Manuel López Obrador si incontrino a Washington.

Le autorità considerano il dirigibile una misura dissuasiva in una zona di intenso traffico migratorio. Questi grandi palloncini, che possono salire fino a 900 metri di altezza, possono essere visti in altre parti del confine, soprattutto in Texas. La sua presenza in Arizona sottolinea la travagliata situazione al confine. Gli Stati Uniti hanno registrato il numero più alto di attraversamenti illegali da decenni quest’estate.

Tragedie come quella di San Antonio, dove 53 migranti sono morti soffocati in un camion dopo essere entrati nel Paese, ricordano il dramma che centinaia di persone vivono quotidianamente. In Texas, tre contee hanno chiesto questa settimana al governo locale di decretare una situazione di emergenza di fronte all'”invasione” degli immigrati. Le autorità vogliono che l’amministrazione del governatore Greg Abbott avvii la deportazione di centinaia di persone, nonostante si tratti solo di un potere nelle mani delle istituzioni federali.

In attesa delle cifre di giugno, maggio ha battuto tutti i record di attraversamenti illegali. La Border Patrol ha catturato 177.000 persone, il 15% in più rispetto ad aprile. Più di 60.000 persone hanno tentato di attraversare più di una volta durante quel mese. Il titolo 42, un regolamento sanitario pandemico, consente ai migranti di essere espulsi rapidamente ed è stato accusato di un aumento significativo della migrazione. L’iniziativa di invasione è promossa principalmente dalla contea di Kinney, che si trova al confine ea pochi chilometri da Del Río, la città diventata ground zero per l’immigrazione illegale.

Obrador andrà negli Usa il 12 luglio

Le autorità della contea hanno deciso di accusare penalmente gli immigrati di trasferimento illegale come forma austera di politica sull’immigrazione.”Il governo Biden non ha fatto nulla”, ha detto martedì ai giornalisti il ​​giudice locale Tullt Shahan, che ha invitato i politici di Austin a trarre vantaggio da una figura nella costituzione locale che presumibilmente consente di dichiarare l’invasione sul suolo statunitense e inviare truppe nell’area. La teoria, tuttavia, è stata messa in discussione da esperti legali, che la descrivono come improbabile. Altre quattro contee hanno aderito all’appello di Kinney: Uvalde, Goliad, Burnet e Medina.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Nessuno di questi si trova al confine, ma i loro leader politici, tutti repubblicani, incolpano gli immigrati dell’aumento della criminalità e del deterioramento delle loro comunità. Il governatore Abbott, che cerca di estendere il suo mandato alle elezioni di novembre, ha dichiarato mercoledì tramite un portavoce che la sua amministrazione sta studiando tutte le opzioni sul tavolo per affrontare la situazione. “Mentre le sfide al confine, il Texas sta intraprendendo un’azione senza precedenti per affrontare una situazione causata dall’amministrazione Biden”, ha affermato Renae Eze, portavoce del presidente repubblicano.

L’iniziativa che prevede un’invasione del territorio statunitense è nata da un’altra mente repubblicana che chiede il ritorno della mano forte che Donald Trump ha mostrato al confine. A febbraio, il procuratore generale dell’Arizona Mark Brnovich è stato il primo a emettere un parere legale aprendo la strada alla mobilitazione delle truppe. Il gesto è stato considerato una manovra politica, poiché Brnovich è alla ricerca della candidatura repubblicana al Senato.

Molti repubblicani stanno usando la questione dell’immigrazione per guadagnare slancio nelle gare che portano alle elezioni di medio termine, dove l’opposizione minaccia di strappare il controllo del Congresso a Biden. La petizione delle contee arriva pochi giorni dopo che la Corte Suprema ha dato tregua al presidente degli Stati Uniti, la cui amministrazione ha ricevuto duri colpi dalla maggioranza conservatrice.

I giudici, tuttavia, hanno appoggiato il tentativo di Washington di ricostruire il sistema di asilo, che ha subito una trasformazione durante i duri anni di Trump. La sentenza della Corte consente la fine del programma noto come Stay in Mexico, che ha costretto i richiedenti asilo ad attendere in Messico per la risoluzione del loro caso. Il requisito aveva acceso tensioni diplomatiche tra Washington e Città del Messico, che si erano opposte al provvedimento.

Questo sarà uno dei temi affrontati nella visita di López Obrador alla Casa Bianca, prevista per il 12 luglio. L’incontro è segnato dall’affronto del presidente messicano al Summit delle Americhe, svoltosi il mese scorso a Los Angeles. Il presidente messicano ha deciso di non partecipare dopo che Washington, l’ospite, non ha aggiunto Cuba e Venezuela all’incontro regionale.

Il vertice ha lasciato un accordo migratorio in cui le nazioni si impegnavano ad affrontare il fenomeno migratorio con unità. Messico e Stati Uniti dovranno dimostrare martedì se è vero che c’è unità attorno alla questione.