Il Brasile apre la campagna elettorale: Lula in vantaggio su Bolsonaro

In Brasile i due favoriti si incontrano per la prima volta di persona a Brasilia, la capitale, dopo i rispettivi giri inaugurali.

Bolsonaro - Lula
Jair Bolsonaro e Luiz Inacio Lula – Nanopress.it

La campagna elettorale è iniziata questo martedì in Brasile con un’immagine inedita che è un buon riassunto di come si presentano le elezioni: una mano nella mano tra due veterani, il primo presidente operaio e il primo di estrema destra. Sebbene entrambi siano stati in politica per decenni, Luiz Inácio Lula da Silva, 76 anni, e Jair Bolsonaro, 67, non si erano mai incontrati di persona.

Il Brasile il prossimo 2 ottobre alle urne

Questo pomeriggio entrambi hanno partecipato a una cerimonia a Brasilia, a ragionevole distanza, con i membri del terzo protagonista di questa elezione, il Tribunale Elettorale Superiore (TSE), l’arbitro che avrà l’ultima parola se le previsioni più pessimistiche saranno soddisfatte e Bolsonaro mettono in dubbio il risultato. Il vantaggio di Lula su Bolsonaro, che si sta restringendo, è di 18 punti.

Mancano 45 giorni al primo turno. L’immagine di Lula con Bolsonaro ha fatto soffrire i fotografi. Il secondo è stato nella tribuna delle autorità, il secondo, di fronte, insieme agli ex presidenti di Oreos. Il 2 ottobre l’elettorato brasiliano voterà anche per rinnovare l’intera Camera dei Deputati, un terzo del Senato, i 26 governatori e tutte le camere legislative statali.

L’ultimo sondaggio Datafolha, il più prestigioso tra la valanga di sondaggi, ha dato a Lula il 47% al primo turno di fine luglio contro il 29% di Bolsonaro. La sinistra trionfa tra i poveri ei giovani; l’estrema destra, tra uomini ed evangelici. Non è ancora confermato che i favoriti avranno un nuovo faccia a faccia in un dibattito elettorale. Ciascuno dei favoriti ha voluto stampare il proprio francobollo in questo primo giorno della campagna.

Il primo atto di Lula è stato alle porte della fabbrica Volkswagen a São Bernardo do Campo, a sud di San Paolo, un cenno alle lotte operaie che lo hanno catapultato in politica quattro decenni fa. Invece Bolsonaro ha preferito guardare indietro di quattro anni. E si è recato a Juiz da Fora, la città di Minas Gerais dove nella campagna del 2018 è stato accoltellato da un pazzo.

Lì il presidente ha recuperato il tono messianico che gli diede allora la vittoria: “Il Brasile era sull’orlo del collasso, con problemi etici, morali ed economici, e marciava a grandi passi verso il socialismo”, ha proclamato Bolsonaro in un discorso tenuto circondato dai pastori evangelici dopo una marcia di motociclisti. Al suo fianco la moglie Michelle, che fa appello al voto più ultraconservatore e si sforza di ammorbidire l’immagine del marito tra le donne, uno dei gruppi in cui è più respinto.

Lula ha fatto appello, da parte sua, all’eredità dei suoi due mandati a capo del governo federale (2002-2010). La sinistra ha esortato i suoi seguaci a mobilitarsi nei due campi in cui questa battaglia si svolge: “Occupiamo le strade e le reti”, ha detto loro prima di fare appello alla speranza: “Siamo un’idea, e nessuno può imprigionare un’idea . Hanno ucciso molti fiori, ma non fermeranno la primavera.

Lula e Bolsonaro, due modi antitetici di governare il Paese

Siamo vivi e forti. Con amore vinceremo l’odio”, ha detto, salendo su un autobus davanti a una delle fabbriche dove è diventato leader sindacale prima di fondare il Partito dei Lavoratori. La campagna di Lula è una campagna di nostalgia, di ricordo degli anni d’oro in cui milioni di brasiliani che hanno vissuto nella miseria hanno prosperato fino a lasciarsi alle spalle la povertà. Bolsonaro fa anche appello ai risultati dei suoi governi oltre a fare appello alla paura.

Bolsonaro
Bolsonaro – NanoPress.it

Inquadra questo duello ad alta tensione come una battaglia tra il bene e il male. Se nessuno dei candidati raggiunge la maggioranza assoluta dei voti validi, si terrà un secondo turno il 30 ottobre. Lula sta facendo ogni sforzo per vincere al primo turno, qualcosa che nessuno dei suoi predecessori ha raggiunto nel 21° secolo.

Per questo ha scelto come numero due Gerando Alckmin, ex governatore di San Paolo che ha sconfitto alle presidenziali del 2006 e che nel 2018 ha incarnato la clamorosa sconfitta del centrodestra subito prima dello sviamento di destra radicale che ha portato alla vittoria di Bolsonaro . Nessuno dei restanti candidati supera l’8% di supporto.Membri della Polizia Militare di Minas Gerais camminano davanti a una bandiera brasiliana con la faccia di Bolsonaro il 16 agosto, giorno dell’inaugurazione delle campagne presidenziali.

L’importanza di Facebook, Telegram, YouTube, WhatsApp e il resto dei social network in questa campagna è enorme perché sono il canale principale attraverso il quale milioni di brasiliani ottengono informazioni. Vista l’influenza attribuita alle fake news nel 2018, la lotta alla disinformazione si è intensificata da parte delle autorità elettorali. Ma la quantità di informazioni dubbie o addirittura false è enorme e si diffonde alla velocità della luce.

Una delle falsità, agitate da un deputato bolsonarista, che più si è insinuata in queste ultime settimane è che Lula chiuderà le chiese se vince le elezioni. Alla manifestazione di martedì, Lula ha accusato Bolsonaro di “essere un fariseo che vuole manipolare la buona fede degli uomini e delle donne evangelici che vanno in chiesa”.

La sistematica campagna dell’attuale presidente per seminare dubbi sul sistema di voto ha catapultato al centro del dibattito politico la Corte Elettorale Superiore, composta da giudici della Corte suprema. E ha attivato gli allarmi in modo tale che un manifesto in difesa della democrazia è riuscito a unire banchieri, uomini d’affari, rappresentanti della società civile e attivisti.