Castel Volturno, papà si tuffa per salvare i 3 figli e muore annegato con il più piccolo di 6 anni

Tratti in salvo gli altri due figli dell’uomo, un bambino di 10 e un altro di 13 anni. Il più piccolo è in gravi condizioni. 

vigili fuoco
Vigili del Fuoco – Nanopress.it

La tragedia è avvenuta nel pomeriggio del 16 agosto a Ischitella, Castel Volturno (Caserta). Stando al racconto dei testimoni, l’uomo si è tuffato in mare per salvare i bambini in difficoltà.

Lui stesso è stato sopraffatto dall’acqua. A nulla sono serviti i soccorsi. Per l’uomo e il piccolo non c’è stato nulla da fare. Il corpo del bambino è stato recuperato dopo diverse ore.

Tragedia in mare a Castel Volturno: papà annega col figlio di 6 anni

Tragedia nel pomeriggio di martedì, 16 agosto, a Castel Volturno, nel casertano. Un uomo di origini ghanesi, padre di famiglia, si è tuffato in mare per salvare i suoi 3 figli – di 6, 10 e 13 anni – e ha perso la vita.

Stando al racconto di chi era presente in quel momento, sembra che l’uomo avesse notato i figli annaspare in acqua. Non ha esitato un attimo a tuffarsi, ma quel gesto di amore paterno gli è costato la vita.

È annegato in mare, insieme al figlio più piccolo – il bimbo di 6 anni – e nulla è stato possibile fare per salvarli.

Il primo a essere recuperato dalle acque è stato proprio il papà. Dopo diverse ore è stato recuperato il corpo del bambino più piccolo, entrambi ormai senza vita.

Tratti in slavo gli altri due figli, ma il più piccolo di 10 anni versa in gravi condizioni. Al momento è ricoverato alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno.

I soccorsi e il racconto dei testimoni

Quando i bagnanti hanno visto i bambini in difficoltà, non hanno esitato a tuffarsi e lo stesso hanno fatto i bagnini del lido accanto.

Sul posto sono giunti anche i vigili del fuoco e i sommozzatori, ma l’acqua agitata del litorale domizio ha trascinato al largo i corpi.

Scogliera
Scogliera – Nanopress.it

Sembra che padre e figli avessero deciso di fare dei tuffi dalla scogliera, quando è avvenuta la tragedia.

Solo due mesi fa, il 7 giugno scorso per l’esattezza, Castel Volturno era stato teatro di un’altra tragedia in mare.

Poco distante dalla lingua di sabbia in cui sono morti annegati padre e figlio, era morto il 42enne marocchino Rahhal Amarri, che si era buttato in mare, nonostante non sapesse nuotare, per salvare due bambini trascinati al largo dalla corrente.

L’uomo era riuscito a salvare i bambini, ma era morto in acqua in seguito a un malore.