Iga Swiatek al Roland-Garros estende il suo regno

Iga Swiatek, la numero 1 del mondo, ha vinto sabato il suo secondo trofeo al torneo del Grande Slam parigino.

Iga Swiatek fa dimenticare Ashleigh Barty

Mentre dall’altra parte della Manica una testa coronata celebra questo fine settimana il suo giubileo di platino, la giovane polacca si è affermata come la regina della sua disciplina. Vincitore in finale contro la giovane american Cori Gauff (6-1, 6-3) in poco più di un’ora di gioco, la numero uno del mondo ha vinto per la seconda volta il torneo del Grande Slam parigino.

Iga Swiatek
Iga Swiatek – NanoPress.it

Sbarcata a Porte d’Auteuil con il segno della favorito, Iga Swiatek ne ha assunto il peso. “Ho lavorato molto per poter vincere ancora qui. È stato difficile, la pressione è stata enorme”, ha riconosciuto la polacca una volta alzata la Coppa Suzanne-Lenglen. “Nel 2020 ero confusa, perché non pensavo davvero di poter vincere un Grande Slam”, ha spiegato la Swiatek in una conferenza stampa.

“Non credo di aver affrontato nessuno che giocasse un tennis migliore di Iga oggi”, ha detto Cori Gauff dopo la sua sconfitta. “Era semplicemente troppo forte. Fa tutto molto bene in campo”.  Per la giovane americana solo l’australiana Ashleigh Barty ha rivaleggiato con la polacca per intensità e livello di gioco, ma poiché la vincitrice dell’ultimo Australian Open ha scelto di abdicare, e ha messo via le racchette a solo 25 anni, Swiatek riconquista la corona numero uno del mondo.

Dal 22 febbraio, la ragazza di Varsavia non ha perso una sola partita. Sabato ha incatenato il trentacinquesimo successo consecutivo, superando il record dell’americana Venus Williams – ma ancora lontana dal record assoluto, detenuto dall’americana Martina Navratilova e dalle sue 74 vittorie consecutive tra il 1983 e il 1984.

“Quello di cui sono più orgoglioso è aver fatto qualcosa di meglio di Serena [Williams]”, ha sorriso la giocatrice. L’americana con 23 titoli del Grande Slam non ha mai superato le 34 vittorie consecutive. “Nel tennis, battere i record dopo Serena è quasi impossibile”.

Cori Gauff in finale con merito

Sabato la ragazza polacca ha lasciato poche speranze alla suo giovane avversaria. I suoi dritti in topspin hanno lasciato Cori Gauff senza armi con cui rispondere, perché la polacca si è trasformata in un rullo compressore, asfissiando la sua avversario.

Cori Gauff
Cori Gauff – NanoPress.it

“Anche quando sono riuscita a loccare i suo colpi, dalla sua parte non ha lasciato passare nulla. “[Iga] è dinamite in campo. Quando hai la dinamite, non puoi giocare sulla difensiva”, ha detto il suo allenatore Tomasz Wiktorowski, intervistato dall’AFP dopo l’incontro.

Perché dal 2020 c’è una verità generale nel tennis: Iga Swiatek non perde, una volta raggiunta la finale. Sabato la polacca ha vinto la sua nona finale in altrettanti tornei, senza perdere un solo set.  La giocatrice lo ha riconosciuto, si sente “pronta per quello che accadrà dopo”.

Al termine della partita, la giovane ha voluto “dire qualche parola per l’Ucraina”, scatenando una standing ovation. Quella che gioca tutte le sue partite con una bandierina ucraina appuntata al berretto spiega che, prendendo la testa della classifica WTA (che governa il circuito femminile), “ho sentito una specie di responsabilità e volevo farmi sentire”.

La giocatrice, le cui scarpe portano la menzione “team Swiatek”, e accorsa sugli spalti – come nel 2020 – appena si è giocato il match point per abbracciare i suoi cari, perché continua a considerare il tennis come uno sport di squadra.