Ibrahim Kalin: “Togliere il grano ucraino bloccato dalla Russia”

Ibrahim Kalin, portavoce del governo turco, assicura che l’ingresso nella NATO di Finlandia e Svezia dipenderà da questi due paesi che agiranno sul loro territorio contro le reti del gruppo armato curdo PKK.

Ibrahim Kalin
Ibrahim Kalin – NanoPress.it

La mediazione tra Ucraina e Russia, le evacuazioni di civili da Mariupol, lo sforzo per rimuovere dai porti ucraini i cereali bloccati da Mosca e, inoltre, il veto all’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato.

Ibrahim Kalin parla di Guerra in Ucraina e in Siria

A capo di tutti questi negoziati in cui è coinvolta la Turchia c’è Ibrahim Kalin (Istanbul, 50 anni). Consigliere senior del presidente, Recep Tayyip Erdogan, e attuale portavoce del governo, Kalin è una delle poche persone che il leader turco ascolta sulle questioni di sicurezza e politica estera.

Dottore in Filosofia, formatosi in università in Turchia, Malesia e Stati Uniti, chi non conosce da vicino Ibrahim Kalin  loda la sua capacità di dialogo, il suo pragmatismo e la sua visione globale. Non nasconde le critiche agli alleati occidentali della Turchia, ma assicura che il suo Paese è fermamente impegnato nella NATO.

Oggi si reca in Spagna per discutere di questioni bilaterali e del vertice dell’Alleanza Atlantica di fine mese a Madrid. Chiedere. Dopo il massacro di Bucha, i contatti tra Ucraina e Russia, mediati dalla Turchia, si sono interrotti. Ecco alcuni stralci di una sua intervista rilasciata al quotidiano spagnolo El Pais.

Stiamo lavorando per riportare sul tavolo delle trattative Russia e Ucraina. La scorsa settimana, il presidente [Erdogan] ha tenuto conversazioni telefoniche con i presidenti [russo, Vladimir] Putin e [ucraino, Volodymyr] Zelensky, e ha ripetuto la sua proposta di venire entrambi qui per cercare di raggiungere una soluzione pacifica del conflitto.

Zelensky si è detto pronto, ma Putin ritiene che le condizioni non siano sufficientemente mature. Purtroppo i negoziati si sono interrotti a causa di quanto accaduto a Bucha, cosa inaccettabile, e nel frattempo la guerra continua.

In un conflitto come questo, pur cercando una soluzione generale, è importante arrivare ad accordi più localizzati, anche se limitati. Ad esempio, l’evacuazione di Mariupol, o ciò che stiamo negoziando ora: la partenza dei prodotti agricoli dall’Ucraina.

Come sbloccare il grando ucraino

Riguardo la crisi dei cereali, dovuta al suo conseguente blocco, stiamo parlando con i russi, con gli ucraini e anche con l’ONU. Probabilmente sarà un’operazione sotto l’egida dell’Onu, con Istanbul come centro principale dell’operazione.

Sergei Lavrov
Sergei Lavrov – NanoPress.it

Ci saranno rappresentanti russi e ucraini che gestiranno e monitoreranno il processo. Le navi dovranno essere ispezionate per assicurarsi che non trasportino armi, ma come verrà effettuato questo monitoraggio sarà discusso dai nostri esperti militari.

[Il ministro degli Esteri russo Sergei] Lavrov verrà a trovarci la prossima settimana e questo sarà uno dei temi di cui discuteremo. La sua delegazione includerà esperti direttamente coinvolti in questo problema. Penso che russi e ucraini capiscano che questa è una questione chiave e spero che avremo un risultato nelle prossime due settimane.

Per quanto riguarda lo sminamento dei porti ucraini è una questione delicata. Abbiamo offerto il nostro aiuto, se ne ha bisogno, ma finora non abbiamo ricevuto richieste in tal senso. L’unica condizione che gli ucraini pongono è che gli venga data la garanzia che, quando smineranno, i russi non coglieranno l’occasione per attaccare Odessa, il che è una preoccupazione legittima.

Abbiamo trasmesso questo messaggio alla Russia e il presidente Putin ha dato una risposta positiva: ci ha detto che non ha intenzione di attaccare Odessa. Speriamo che questa rimanga la posizione finale della Russia, perché la vediamo come uno sviluppo positivo.

Il grano ucraino, una volta tolto il blocco, verrà distribuito come si faceva prima della guerra, attraverso i mercati internazionali. Faciliteremo e proteggeremo il trasporto attraverso il Mar Nero e gli ucraini lo venderanno a chi vogliono.

Per quanto riguarda il blocco turco all’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO, non so se ci saranno progressi prima del vertice di Madrid. Dipende da cosa fanno Svezia e Finlandia. La scorsa settimana abbiamo avuto un ottimo incontro e tutte le questioni sono state discusse in un’atmosfera positiva. Quando vedremo progressi sulle nostre richieste, il processo andrà avanti.

La Turchia ed i rapporti con la Nato

La NATO non è un’alleanza turistica o economica, è un’alleanza di sicurezza. Ciò significa che deve fornire sicurezza a tutti i suoi membri in modo equo. Prendiamo sul serio la sicurezza dei nostri alleati, con il nostro esercito, che è il secondo più grande della NATO. Quindi ci aspettiamo lo stesso dai nostri alleati.

Abdullah Öcalan
Abdullah Öcalan – NanoPress.it

Chiediamo un’azione concreta contro le reti terroristiche del [gruppo armato curdo] PKK [Partito dei lavoratori del Kurdistan] o del [curdo siriano] PYD-YPG [Partito dell’Unione democratica-Unità di protezione del popolo], che condividono la stessa struttura del PKK e prendono ordini da esso.

Stanno raccogliendo denaro, reclutando nuovi membri, facendo campagne di propaganda anche nei paesi scandinavi e con quel supporto attaccano poi la Turchia. Non possiamo guardare dall’altra parte. Inoltre, in questi anni abbiamo chiesto l’estradizione di 38 persone e loro le hanno respinte direttamente, senza fermarsi a prenderle in considerazione.

Altri paesi hanno rifiutato l’estradizione in Turchia a causa del pericolo di essere torturati. Ma questa cosa non ha fondamento. Non ci sono torture in Turchia. Erano gli anni ’70 o ’80, ora abbiamo una politica di tolleranza zero per la tortura. La decisione [di Finlandia e Svezia] di respingere le estradizioni è puramente politica.

La Turchia è impegnata nella NATO da 70 anni, partecipando alle sue decisioni e alle sue missioni. Al contrario, quando si tratta di sicurezza nazionale della Turchia, purtroppo, non vediamo lo stesso impegno da parte dei nostri alleati.

Nel 2019 abbiamo raggiunto un accordo con russi e americani per tenere i terroristi del PYD-YPG lontano dal nostro confine. Con gli americani, l‘accordo prevedeva che loro [le milizie curdo-siriane] si spostassero a 30 chilometri a sud del confine [turco-siriano]. E con i russi, era [l’YPG] che usciva da Tel Rifat e da Manbij [nel nord della Siria].

Gli attacchi ‘terroristici’ dei curdi

Nessuno di questi accordi è stato rispettato e abbiamo ricevuto centinaia di attacchi terroristici da queste aree. Quindi intraprenderemo le azioni che riterremo opportune per mantenere la sicurezza del nostro territorio e dei nostri cittadini. Certo, ne parleremo con i nostri alleati, ma non chiederemo il permesso a nessuno.

Guerriglieri dell'Isis
Guerriglieri dell’Isis – NanoPress.it

Gli Stati Uniti hanno avvertito che attaccare le aree sotto il controllo delle YPG indebolisce la lotta contro lo Stato Islamico (ISIS). Ma Se gli americani avessero sostenuto altri gruppi di opposizione siriani, sarebbero anche i più efficaci nella lotta contro l’Isis. L’YPG si è rafforzata grazie all’addestramento, al denaro, alle armi degli Stati Uniti e, per questo motivo, ora controlla grandi porzioni di territorio in Siria, dove ha represso gli arabi curdi e sunniti anti-PKK.

Questa organizzazione terroristica usa la minaccia dell’ISIS per portare avanti i propri obiettivi. Quando i nostri colleghi americani o europei ci dicono: “Per favore, non attaccate perché c’è la minaccia dell’Isis”, noi rispondiamo: “Dov’è quella minaccia? Possiamo andare a combatterla”. Non abbiamo invaso nessun paese. Sono operazioni antiterrorismo.

Non abbiamo interessi per il territorio di un altro paese. Effettuiamo queste operazioni perché c’è una minaccia proveniente da lì. Se il Paese in questione avesse la capacità di proteggere il proprio confine e prevenire attacchi terroristici contro il nostro territorio e i nostri cittadini, noi non ci saremmo.

Inoltre, le aree della Siria settentrionale sotto il controllo turco sono diventate aree sicure per gli stessi siriani. Quella stessa popolazione civile siriana che l’Europa rifiuta di accogliere. Diamo loro sicurezza, riparo, istruzione, salute… nel loro paese e abbiamo pagato di tasca nostra.

Se non fosse per la presenza turca in Siria, il PYD-YPG o la Russia o il regime di [Bachar el] Assad prenderebbero queste aree e altri tre o quattro milioni di siriani fuggirebbero e avremmo un’altra crisi di profughi”, dice alla fine Ibrahim Kalin.