I 27 salvano l’unità con un parziale embargo sul petrolio russo

I 27 leader dell’UE accettano di porre il veto agli acquisti di petrolio greggio che arriva via mare da Mosca e ampliano l’elenco delle banche disconnesse dal sistema di pagamento SWIFT, inclusa Sberbank, la più grande.

ursula von der leyen
Ursula von der leyen – NanoPress.it

I 27 bloccano il petrolio russo ‘via mare’

Dopo oltre tre settimane di tiro alla fune, colpi di scena, veti politici tinti di complicità con il Cremlino e trattative tecniche di schiacciante complessità, alla fine è arrivato il morso dei 27 dell’Unione Europea al più grande flusso di finanziamenti dalla Russia.

Non è stato facile. In onore di quegli oltre 20 giorni di colloqui con 27 partiti, il patto è avvenuto allo scoccare della mezzanotte di lunedì. “Accordo per vietare l’esportazione di petrolio russo nell’UE.

Questo copre immediatamente più di due terzi delle importazioni di petrolio della Russia, tagliando un’enorme fonte di finanziamento per la sua macchina da guerra”, ha proclamato su Twitter il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, dopo l’incontro dei capi di Stato e di governo comunitario, che proseguirà questo martedì a Bruxelles.

Questa decisione ha un doppio valore per i leader dell’UE. Da un lato sottrae risorse finanziarie alla Russia per pagare la guerra che ha aperto invadendo l’Ucraina. D’altra parte, mantiene l’unità dei Ventisette dopo tesi negoziati in cui alcuni dei paesi con una posizione più ostile a Mosca, non hanno capito la posizione dell’Ungheria, il paese che ha più resistito a questo passo.

Entrambe le questioni erano di uguale importanza per la maggior parte dei paesi. “Vogliamo le sanzioni più dure possibili contro la Russia, e quest’ultima, ‘possibile’, è importante”, hanno sottolineato in una delegazione, sottolineando che con questo aggettivo hanno cercato di non lasciare indietro nessuno, nemmeno Budapest.

Mario Draghi
Mario Draghi – NanoPress.it

La misura, secondo diverse fonti, colpirà prima le importazioni di greggio via nave, che rappresentano i due terzi del totale che affluisce verso l’UE dalla Russia. Lascia invece a dopo le restrizioni sugli idrocarburi che viaggiano attraverso i gasdotti, un meccanismo pensato per alleggerire l’Ungheria, ma anche altri paesi con una situazione geografica ed energetica simile: Repubblica Ceca, Slovacchia o Austria, stati senza costa e con grande dipendenza sui combustibili fossili russi, che peraltro arrivano quasi esclusivamente attraverso oleodotti e gasdotti.

Il patto esclude anche altre tre banche russe dal sistema di pagamento SWIFT, inclusa la principale banca del paese, Sberbank, e vieta tre canali televisivi. Questo accordo minimo che le capitali hanno in questo momento sul tavolo, è ben lontano dal “blocco totale” che la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, aveva chiesto 26 giorni fa, proponendo il sesto pacchetto di sanzioni contro il regime di Vladimir Putin, ma salva per ora l’unità del blocco comunitario.

Prima dell’inizio del consiglio straordinario, la maggior parte delle voci scommetteva sull’accordo. “Tutto quello che sento sembra che potrebbe esserci un consenso, e prima o poi ci sarà”, ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz in un’apparizione all’ingresso. Fonti comunitarie e diplomatiche erano fiduciose che potesse arrivare dove è finalmente arrivata.

“L’accordo è praticamente chiuso”, ha sottolineato anche una fonte diplomatica, a conoscenza dei colloqui che si svolgevano da settimane, che includevano anche un incontro degli ambasciatori dei Ventisette lunedì mattina per cercare di raggiungere l’accordo prima che iniziasse la parte superiore. Non era possibile e dovevano essere i leader a sbloccare la situazione.