Haiti, senza presidente e senza Stato dopo l’assassinio di Moïse

Ad Haiti, i 18 ex militari colombiani accusati dell’assassinio di Jovenel Moïse attendono in carcere il processo in un Paese dilaniato conquistato da bande violente.

Jovenel Moïse
Jovenel Moïse NanoPress.it

Pochi paesi escono indenni dall’assassinio del loro presidente nel suo letto, ma se si tratta di Haiti, un assassinio è il preludio all’ICU. Quando la notte del 7 luglio un gruppo di sicari colombiani è entrato nella stanza di Jovenel Moïse e gli ha sparato due volte al petto, una alla fronte, una all’addome e altre tre volte all’anca anche dopo che era morto, hanno anche spinto il paese caraibico ancora un poì più in basso lungo il pendio dove già stava rotolando da decenni.

Ad Haiti l’inferno sulla Terra

Un anno dopo, ci sono 40 detenuti, ma il processo è ancora impantanato e 18 sicari colombiani aspettano in una prigione di Port-au-Prince in condizioni subumane. Nell’attesa, dall’altra parte delle mura della prigione, il paese si è decomposto giorno dopo giorno, unendo una disgrazia dopo l’altra. Nell’ultimo anno, il primo ministro, Ariel Henry, è rimasto illeso in un attacco con armi da fuoco mentre lasciava la messa; le elezioni presidenziali sono state rinviate senza data; un terremoto di magnitudo 7,2 ha causato più di 2.000 morti; Il temuto boss della droga Jeremy Barbecue è tornato nel Paese; bande violente hanno rapito 17 missionari americani e l’uragano Grace ha lasciato migliaia di famiglie indigenti.

Un anno dopo, è difficile sapere se l’omicidio di Moïse sia stato l’inizio della lista delle disgrazie o se la sua morte sia solo una parte della catena di tragedie in cui è immerso il Paese, putrefazione politica inclusa. Secondo Gédeon Jean, del Centro di analisi e ricerca sui diritti umani (CARDH), con l’assassinio del presidente “il disastro giudiziario e politico in cui è stato coinvolto il Paese ha solo accelerato”.

Nella notte tra il 6 e il 7 luglio, a letto, accanto a Moïse, c’era anche la first lady, Martine Moïse, e l’unica buona notizia di quella notte di sangue, sparatorie e inseguimenti tra polizia e assassini nel buio attraverso Petion Ville, è chi ne è uscito vivo. La donna di 48 anni ha ricevuto due colpi al braccio, uno alla mano e l’altro all’addome. Tuttavia, è arrivata viva in un ospedale di Miami ed è completamente guarita. Attualmente vive in un luogo nascosto nel nord del Paese, dove valuta se candidarsi o meno alle elezioni, secondo fonti vicine alla vedova.

Il suo ambiente è diviso tra coloro che le chiedono di dimenticare la politica in un paese fratricida che ha scoperto quanto sia facile uccidere all’interno della casa presidenziale, e coloro che la incoraggiano a guidare un movimento politico che, secondo i suoi sondaggi, gli darebbe la vittoria con facilità. Per Martine Moïse gli assassini del marito sono ancora liberi e solo col potere è possibile rendere giustizia, spiegano coloro che fanno parte di questo secondo gruppo.

Intanto alla guida del Paese c’è il Primo Ministro, Ariel Henry, eletto appena un giorno prima dell’assassinio, e che dovrebbe indire elezioni rimandate da diversi anni. Uno dei motivi del crimine, secondo il New York Times, è che gli assassini di Moïse stavano cercando di trovare un elenco di nomi di noti politici e uomini d’affari haitiani che avrebbero dovuto essere inviati negli Stati Uniti.

Stiamo assistendo alla creazione di una Somalia nelle Americhe

La teoria, sostenuta dallo stesso Moïse nella sua ultima intervista a un media, è che un gruppo di famiglie legate al settore elettrico, quelle che ha affrontato durante la sua amministrazione, ha cercato di assassinarlo.

Militari Haiti
Militari Haiti – NanoPress.it

Ha assicurato che ad Haiti era in corso un colpo di stato guidato da questi oligarchi che “hanno cercato di conquistare il paese”. Il fatto è che nonostante l’operazione per metterlo a tacere sia stata un successo, in cui sono stati utilizzati cinque veicoli, quasi 30 ex militari stranieri e una significativa logistica di megafoni e giubbotti per spacciarsi per agenti della DEA durante una missione, la fuga del sicarios, invece, è stata un disastro totale. Dei 26 colombiani che hanno partecipato all’omicidio, due sono morti, sei sono fuggiti e 18 sono stati arrestati nelle ore successive.

Gli arrestati attendono il processo in una prigione haitiana. La Colombia e le associazioni militari colombiane non se ne sono dimenticate e premono per il rimpatrio o, nel migliore dei casi, un processo rapido che non arriva. Gli ex soldati hanno recentemente denunciato in una lettera di subire torture, minacce e una reclusione disumana.

Secondo Gédeon Jean, direttore del Center for Human Rights (CARDH), l’organizzazione di riferimento per spiegare il fenomeno delle bande violente che controllano il 60% del Paese -secondo i propri dati-, Haiti sta vivendo l’emergere di un ” mostro” che ha armi e soldi mentre scuote i quartieri con un discorso politico che incolpa lo Stato per la povertà in cui vivono, dice in una conversazione telefonica.

“Ad Haiti stiamo assistendo alla creazione di una Somalia nelle Americhe”, ha predetto l’accademico Ralph P. Chevry più di un anno fa sul Washington Post. Mentre tutto questo accade, non un solo giorno ha fermato l’arrivo di aerei dagli Stati Uniti con migliaia di migranti haitiani deportati, abbandonati al loro destino nel Paese dopo diversi anni all’estero.