Guerra Ucraina, la fase più difficile: cosa deve fare l’Europa adesso

Le truppe russe stanno esercitando una pressione crescente sull’Ucraina nel Donbass. È tanto più importante che gli Stati dell’UE ora sostengano Kiev, e non solo con le armi.

Volodymyr Zelenskyy
Volodymyr Zelenskyy – NanoPress.it

La guerra in Ucraina ha attraversato diverse fasi: la prima fase è stata segnata dall’invasione russa il 24 febbraio. Contrariamente a quanto previsto dalla maggior parte degli osservatori, l’esercito ucraino ha resistito all’attacco, che ha determinato il corso della guerra nella fase due.

Putin punta su una guerra di logoramento

Ora la guerra sta entrando in una terza fase. E questo è finora è la più pericolosa per l’Ucraina. Per diverse settimane, l’esercito russo ha concentrato i suoi attacchi principalmente nell’est del Paese. Le truppe di Putin non sono ancora in grado di invadere tutto il Donbass, ma stanno avanzando poco a poco.

Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, ogni giorno muoiono da 200 a 300 soldati ucraini. Non è chiaro per quanto tempo l’Ucraina potrà mantenere la sua resistenza nel Donbass dato questo sviluppo. Se l’esercito russo prendesse il controllo del Donbass, lo slancio della guerra potrebbe cambiare a favore di Mosca.

Le truppe russe occupano già circa un quinto del territorio ucraino. Se avranno successo nel Donbass, potrebbero aprirsi la strada verso il Mar Nero. Un attacco da terra alla città portuale di Odessa sarebbe quindi solo questione di tempo.

La guerra lampo del dittatore Vladimir Putin contro l’Ucraina è fallita. Quindi ora si sta andando verso una guerra di logoramento. Il regime di Mosca è ovviamente convinto di poter corrodere Kiev e i suoi sostenitori stranieri nel lungo periodo. È più importante che mai che l’UE sostenga l‘Ucraina in questa fase.

In Germania, i partner della coalizione hanno recentemente discusso su diversi tipi di carri armati, su quali armi potrebbero essere una provocazione per Putin e quali no. Ma il problema è comprendere che non si possono inviare armi all’infinito, e non si possono sostituire i soldati ucraini che ogni giorno muoiono. La differenza di mezzi e popolazione tra le due nazioni in guerra è troppo squilibrata. La diplomazia è l’unica strada.

Se l’Ucraina smetterà di combattere, il paese morirà.

Quello che è certo, è che se l’Ucraina smetterà di combattere, il paese morirà. Se la Russia smette di combattere, la guerra finirà. Di recente, è stato spesso detto che per Putin è necessario creare una “boomerang”, un modo per tornare indietro, senza però farsi male, e considerarsi vincitore in patria.

Macron
Macron – NanoPress.it

Il presidente francese Emmanuel Macron, ad esempio, ha chiesto che Putin non venga umiliato. Ciò che viene trascurato in questo dibattito sono i bisogni ei vincoli del governo ucraino. Per la maggior parte dei suoi cittadini, il presidente Zelenskyy è ancora un eroe di guerra, l’uomo che ha unito il Paese e guidato la resistenza contro gli invasori russi.

Ma questo può cambiare rapidamente se il Donbass viene perso, se l’economia è permanentemente in calo. C’è il rischio che con il progredire della guerra, non solo i poteri di resistenza degli ucraini diminuiscano, ma anche il governo precipiti in una crisi. È tanto più importante che l’UE offra prospettive alle persone, ad esempio aprendo i negoziati di adesione.

Putin conta sul fatto che gli europei finiranno presto di essere così presi dalla guerra in Ucraina. L’attenzione del pubblico sull’Ucraina infatti sta già svanendo. I prezzi dell’energia stanno aumentando. I paesi dell’UE devono resistere alla tentazione di spingere l’Ucraina a un compromesso che comporterà ingenti perdite del loro territorio.

Gli anni successivi all’annessione della Crimea nel 2014, hanno dimostrato che una pace fittizia, avrebbe solo preparato il terreno per la prossima guerra di aggressione della Russia. Nelle prime settimane di guerra, i politici occidentali si sono quasi tutti espressi in dichiarazioni di solidarietà all’Ucraina. I governi di Berlino, Parigi e Washington devono dimostrare di mostrare ancora solidarietà, non solo dando armi che rallentano la caduta dell’Ucraina, ma non la fermano.