Guerra in Ucraina: ‘Missili sulle case a Dnipro, ucciso un bimbo’

Guerra in Ucraina: la notizia sta girando da pochi minuti e le conferme purtroppo stanno arrivando da molte agenzie internazionali.

Bombardamenti a Dnipro
Bombardamenti a Dnipro – NanoPress.it

Alcuni missili russil lanciati da postazioni a pochi chilometri dal contesto urbano, hanno colpito alle prime luci dell’alba alcune palazzi situati in un quartiere borghese della prte orientale della città di Dnipro: sono rimaste uccise 5 persone tra i civili, tra cui un bambino e una ragazza di 12 anni. Lo ha reso noto il capo dell’amministrazione militare regionale di Dnipropetrovsk Valenyn Reznichenko, citato da Ukrinform. “I soccorritori stanno rimuovendo le macerie dove potrebbero esserci altre persone”.

I bombardamenti russi in Ucraina si fanno sempre più intensi

Passando alle questioni inerenti il conflitto, secondo uno studio, la guerra in Ucraina e il cambiamento climatico sono le principali preoccupazioni di europei e nordamericani. Secondo il rapporto ‘Transatlantic Trends 2022’, realizzato in 14 paesi, un terzo degli intervistati non dice se la Cina sia un alleato, un concorrente o un rivaleL’invasione dell’Ucraina, ordinata il 24 febbraio dal presidente russo Vladimir Putin, ha alterato la percezione delle sfide per la sicurezza mondiale per europei e nordamericani.

Mentre la pandemia di covid-19 e il terrorismo scendono nell’elenco delle preoccupazioni, le guerre tra paesi, la Russia e i cambiamenti climatici sono diventate le maggiori sfide che il mondo dovrà affrontare nei prossimi anni, secondo le conclusioni dello studio Transatlantic Trends 2022 (Transatlantic Trends 2022), presentato questo giovedì.

L’analisi, preparata dalla German Marshall Foundation degli Stati Uniti e dalla Bertelsmann Foundation, con la collaborazione come main partner della BBVA Foundation, si basa sulle risposte di 21.000 anziani intervistati lo scorso giugno in 14 paesi —Stati Uniti, Canada , Turchia e Regno Unito, più 10 paesi dell’Unione Europea: Germania, Spagna, Francia, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania e Svezia—.

A livello globale, la guerra tra paesi è stata citata come prima preoccupazione dal 18% degli intervistati; La Russia, del 17%, e il cambiamento climatico, del 18%, che pone la combinazione del conflitto armato tra paesi e la minaccia russa come la più grande sfida globale, con il 35%. L’invasione dell’Ucraina, ordinata il 24 febbraio dal presidente russo Vladimir Putin, ha alterato la percezione delle sfide per la sicurezza mondiale per europei e nordamericani.

Mentre la pandemia di covid-19 e il terrorismo scendono nell’elenco delle preoccupazioni, le guerre tra paesi, la Russia e i cambiamenti climatici sono diventate le maggiori sfide che il mondo dovrà affrontare nei prossimi anni, secondo le conclusioni dello studio Transatlantic Trends 2022 (Transatlantic Trends 2022), presentato questo giovedì.

A livello globale, la guerra tra paesi è stata citata come prima preoccupazione dal 18% degli intervistati

L’analisi, preparata dalla German Marshall Foundation degli Stati Uniti e dalla Bertelsmann Foundation, con la collaborazione come main partner della BBVA Foundation, si basa sulle risposte di 21.000 anziani intervistati lo scorso giugno in 14 paesi —Stati Uniti, Canada , Turchia e Regno Unito, più 10 paesi dell’Unione Europea: Germania, Spagna, Francia, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania e Svezia—.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

A livello globale, la guerra tra paesi è stata citata come prima preoccupazione dal 18% degli intervistati; La Russia, del 17%, e il cambiamento climatico, del 18%, che pone la combinazione del conflitto armato tra paesi e la minaccia russa come la più grande sfida globale, con il 35%.Cina: alleato, concorrente o rivale? Quasi un terzo degli intervistati non conosce o non risponde alla domanda su come percepisce la Cina tra le opzioni di Paese “alleato”, “concorrente” o “rivale”.

Nel caso europeo solo il 26% lo considera uno Stato alleato, mentre il 28% lo vede come un concorrente e il 16% come un rivale. Negli Stati Uniti la percezione della minaccia cinese è maggiore: il 34% considera il colosso asiatico un competitor e il 32% un rivale.

Nell’ipotetico caso che la Cina invada Taiwan, che Pechino considera proprio, la maggioranza ritiene “che il proprio Paese dovrebbe adottare qualche misura”, anche se si preferisce soluzioni diplomatiche e sanzioni, rispetto all’invio di armi o truppe a Taipei, che riceve minoranze supporto in tutti i paesi, secondo lo studio.

Gli Stati Uniti, con il 15%, sono il Paese più favorevole a una qualche risposta militare. L’indagine, però, è stata effettuata prima che aumentasse la tensione nell’area dopo la visita all’isola di Nancy Pelosi, presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, lo scorso agosto. Per quanto riguarda la leadership cinese, tutti i paesi concordano sul fatto che la seconda economia più grande del mondo è ancora dietro gli Stati Uniti, che sono ancora percepiti come il paese più influente in un orizzonte di cinque anni.