Guerra in Ucraina: missili russi uccidono 18 persone a Odessa

Circa 18 civili hanno perso la vita a Odessa in Ucraina, a causa di due missili russi lanciati su un condominio e su un centro ricreativo. Circa 30 i feriti. 

Guerra
Guerra – Nanopress.it

Due missili russi hanno colpito un centro ricreativo e un condominio a Odessa, città portuale ucraina. La tragedia è avvenuta questa mattina all’alba e a comunicarlo è stato il vice capo dell’ufficio presidenziale ucraino, Kyrylo Tymoscehnko.

Le vittime sono 18, tra cui due bambini, mentre i feriti circa 30. L’attacco russo è avvenuto poco dopo la ritirata dei russi dall’isola dei Serpenti nel Mar Nero. Quest’ultima rappresenta una grande piccola vittoria per l’Ucraina.

La ritirata della Russia dall’Isola dei Serpenti

Dunque il terribile attacco avvenuto alle prime luci di venerdì primo luglio, sembra quasi una ripicca dell’esercito russo nei confronti dell‘Ucraina, dovuto alla vittoria di Kiev nella strategica isola dei Serpenti poche ora prima.

Infatti, come comunicato dal comando operativo meridionale ucraino, l’esercito russo ha lasciato l’isola dei Serpenti in seguito ai bombardamenti da parte dell’esercito ucraino.

Anche la Russia ha confermato, attraverso un comunicato ufficiale, il ritiro dall’isola, definendolo però un “passo di buona volontà“. Il ministero della Difesa russo, all’interno del comunicato, ha scritto di aver completato la sua missione all’interno dell’isola dei Serpenti e di aver dunque abbandonato il territorio, in modo da evitare anche “speculazioni” dell’Ucraina sull’impossibilità di esportare grano. 

Soldati in guerra
Soldati in guerra – Nanopress.it

In realtà, Andriy Yermak, il capo dell’ufficio di presidenza ucraino, ha affermato che i russi non hanno lasciato spontaneamente l’isola, al contrario sono stati cacciati dalle forse ucraine. Inoltre ha spiegato che i russi continuano a ostacolare i corridoi umanitari ucraini e le loro riserve di grano; Bombardando non solo obiettivi civili, come è avvenuto questa mattina ad Odessa, ma anche magazzini di risorse alimentari.

Le altre operazioni russe sul territorio ucraino

Oltre all’abbandono dell’isola dei Serpenti e all’attacco avvenuto questa mattina a Odessa, i russi stanno mettendo in atto una serie di operazioni militari aggressive in determinate aree strategiche nel territorio ucraino. 

Infatti in queste ore, gli invasori stanno conducendo pesanti bombardamenti con artiglieria e razzi all’interno dei territori di Bilogorivka, Siversk e Lysychansk. Uno degli obiettivi è il controllo dell’autostrada Bakhmut-Lysychansk. Per ora, come comunicato dallo Stato maggiore delle Forze Armate ucraine, non ci stanno riuscendo.

I maggiori sforzi dei russi si stanno concentrando ora nella regione di Lysychansk.  In occhi caso i bombardamenti con artiglieria pesante da parte dell’esercito russo continuano incessanti nell’intero territorio ucraino.

In particolare si stanno intensificando i combattimenti nella direzione di Kramatorsk.