Guerra in Ucraina: manioca e sorgo in Senegal al posto del grano

Per anni l’Europa ha inondato il Senegal di grano a buon mercato, eliminando il grano tradizionale, ma manioca e il sorgo. Le importazioni di grano sono rimaste ferme dalla guerra contro l’Ucraina. Anche gli agricoltori vedono questa come un’opportunità.

Grano con bandiera ucraina
Grano con bandiera ucraina – NanoPress.it

Il grano grosso sferraglia attraverso gli enormi scivoli, quindi scivola giù per un piano dove viene pulito con acqua. Più di una dozzina di macchine funzionano contemporaneamente, c’è molto rumore, la polvere di grano secco è sospesa nell’aria. I residui di grano espulsi dalle macchine si accumulano sul pavimento di cemento, un addetto li spazza.

La crisi del grano spinge il Senegal a trovare nuove strade

Qui in questa parte del Senegal il grano viene lavorato su un totale di sette piani, setacciato e macinato sempre più fine. Alla fine, gli operai riempiono la farina bianca in sacchi, e i camion stanno già aspettando davanti alla porta. Il mulino dei Grands Moulins de Dakar, uno dei maggiori produttori alimentari dell’Africa occidentale, alla periferia della capitale senegalese, non si ferma mai. Una condotta spessa più di un metro pompa costantemente nuovo grano direttamente dal porto nelle macchine, giorno e notte.

Ma intanto c’è da dire: il mulino non si è mai fermato. Perché il 3 giugno, alle 18 in punto, l’enorme macchinario è stato fermato, i camion sono stati chiusi a chiave e non un sacco di farina è uscito dai locali della fabbrica. Un solo carico di grano è ancora in viaggio verso il porto, tutti i nuovi ordini sono stati cancellati. I Grands Moulins de Dakar hanno scioperato, insieme ad altre sei grandi compagnie di grano. La guerra in Ucraina ha fatto esplodere il prezzo del grano, in Africa non arriva quasi nulla e si rischiano crisi della fame e rivolte.

Di conseguenza, i prodotti tradizionali come la manioca e il sorgo stanno vivendo una rinascita in Senegal e in altri paesi africani, e i presidenti chiedono alle loro popolazioni di acquistare nuovamente i prodotti di produzione locale. La crisi del grano spinge tutti ad agire. Nell’ufficio climatizzato del portavoce dell’azienda è appeso al muro un cartello pubblicitario risalente ai bei tempi. Il grano proveniva principalmente da Russia, Francia e Ucraina, la richiesta era immensa, i senegalesi adorano la loro baguette a colazione.

Gli affari andavano a gonfie vele. Ma, secondo il portavoce dell’azienda Papa Abdoulaye Djigal, “il pane è politico in Senegal”. Raramente la frase è stata così vera come lo è ora. A seguito della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina, attualmente non arriva più grano dalla Russia e dall’Ucraina a Dakar, il che significa che i Grands Moulins de Dakar hanno perso il 40% delle loro importazioni praticamente da un giorno all’altro. Anche la Francia non ha avuto un buon raccolto quest’anno e non è stata in grado di colmare il divario.

Nel frattempo hanno trovato sostituti, principalmente dall’Argentina. Ma il grano proveniente da lì è molto più costoso a causa dell’aumento dei prezzi del mercato mondiale e dei costi di trasporto significativamente più elevati. I Grands Moulins de Dakar ora pagano 500 euro a tonnellata invece dei 225 euro di prima.

Il Pese africano è fortemente indebitato

Tuttavia, dal momento che il pane è politico in Senegal, poiché l’aumento del costo della vita provoca ripetutamente disordini sociali, il governo ha fissato il prezzo per un sacco di farina e un pezzo di pane. Come risultato della guerra, è già stato aumentato del 15 per cento, ma non è abbastanza per compensare l’aumento dei prezzi all’importazione del grano.

Macky Sall
Macky Sall – NanoPress.it

Il governo del Senegal ha promesso di sovvenzionare generosamente le operazioni di macinazione per mantenere stabile il prezzo della farina. Ma questi soldi arrivavano a malapena per settimane e i Grands Moulins de Dakar facevano una perdita con ogni sacco di farina. Per sollecitare il governo ad agire, hanno interrotto tutte le spedizioni a partire dal 3 giugno. Non può andare avanti così. Il prezzo reale della farina e quindi anche del pane sarebbe molto più alto dell’attuale prezzo statale”, afferma il portavoce dell’azienda Djigal.

Ma a causa della pandemia, il Senegal è fortemente indebitato e gli enormi programmi di sussidi semplicemente non possono essere finanziati a lungo termine. In preda alla disperazione, il presidente Macky Sall è volato in Russia all’inizio di giugno per negoziare una vendita gratuita del grano bloccato.Putin ha promesso alla sua controparte senegalese che il blocco del Mar Nero sarebbe stato revocato se il governo ucraino avesse ripulito le mine sottomarine.

E la retorica di Putin ha preso piede, e la fame come arma silenziosa ha avuto effetto: nelle interviste successive, Macky Sall ha accusato le miniere ucraine e le sanzioni occidentali per la mancanza di importazioni di grano, non la Russia stessa. Putin gli aveva promesso che l’Ucraina non sarebbe andata via mare per attaccare quando le mine erano finite, annunciò Sall. Era come se lo stesso Putin stesse parlando in queste interviste. Tuttavia, nessuno a Kiev crede in tali garanzie, quindi non c’è una soluzione in vista.