Guerra in Ucraina: 23 morti a Vinnytsia, esplosioni a Mykolaiv

Guerra in Ucraina: esplosioni a Mykolaiv, morte 23 persone a Vinnytsia. L’invito è quello di rimanere nei rifugi. 

Esplosioni a Mykolaiv
Esplosioni a Mykolaiv – Nanopress.it

Nel 141° giorno di guerra in Ucraina, un attacco russo nella città di Vinnytsia ha provocato 23 morti e diverse centinaia di feriti mentre 29 persone sono ancora disperse. L’Unione Europea, attraverso una dichiarazione di Josep Borell e Janez Lenarcic, ha castigato il “comportamento barbaro” della Russia nei confronti degli abitanti di questa località al centro del Paese.

Guerra in Ucraina, nuovi attacchi a Vinnytsia ed esplosioni a Mykolaiv

Questi nuovi attacchi sono avvenuti proprio nel momento in cui si stava preparando all’Aia una conferenza sui crimini commessi in Ucraina. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto la creazione di un “tribunale speciale” per giudicare “i crimini di aggressione russa contro l’Ucraina“.

A Vinnytsia, una città lontana dal fronte e situata nell’Ucraina centrale, le immagini pubblicate dal Servizio ucraino per le situazioni di emergenza mostrano un edificio di dieci piani devastato dall’esplosione e dal successivo incendio.

Il soccorso ucraino ha segnalato il 14 luglio, 23 morti, 29 dispersi, 71 persone ricoverate in ospedale e più di cento feriti curati sul posto. Secondo l’esercito ucraino, tre missili hanno colpito il parcheggio e un edificio commerciale nel centro della città, uffici abitativi e piccole attività commerciali.

Sono stati lanciati da sottomarini nel Mar Nero, secondo il portavoce dell’aeronautica ucraina Yuri Ignat. “Questa giornata dimostra ancora una volta che la Russia deve essere ufficialmente riconosciuta come uno stato terrorista. (…) Nessun altro paese al mondo si permette di distruggere ogni giorno città pacifiche e vite umane ordinarie con missili da crociera e artiglieria“, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Bandiera ucraina
Bandiera ucraina – Nanopress.it

Zelensky chiede un tribunale speciale contro i crimini russi

L’UE ha criticato il “comportamento barbaro” della Russia. “Queste atrocità a Vinnytsia sono le ultime di una lunga serie di attacchi brutali contro civili e infrastrutture civili“, hanno affermato in una dichiarazione il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell.

Il commissario dell’UE per la gestione dei conflitti, Janez Lenarcic, ha affermato:”Non ci può essere impunità per le violazioni e i crimini commessi dalle forze russe e dai loro leader politici“.

Annessione russa di Zaporizhia

La regione ucraina di Zaporizhia diventerà russa? Questo almeno è ciò che le autorità nominate da Mosca stanno cercando di attuare in questo territorio in parte occupato dall’esercito russo. Il 14 luglio hanno annunciato di voler organizzare un referendum sull’annessione dell’area alla Russia dall’inizio dell’autunno.

Vogliamo essere la regione di Zaporozhsky (il suo nome russo, ndr) all’interno della Federazione russa

ha affermato Yevgeny Balitsky, capo dell’amministrazione civile e militare istituita nei territori di questa regione controllata dai russi. “Ho preso la decisione di tenere un referendum che si terrà all’inizio dell’autunno“, ha aggiunto, durante una conferenza stampa a Melitopol.