Green pass obbligatorio per professori e mezzi pubblici sempre più vicino: domani riunione della cabina di regia

La certificazione verde potrebbe diventare necessaria anche per lavorare a scuola, ma non non sono escluse le imprese

Green pass obbligatorio per professori e mezzi pubblici sempre più vicino: domani riunione della cabina di regia

Foto Getty Images | Alberto Lingria/AM POOL

Si delinea sempre di più lo scenario che prevede il green pass obbligatorio per moltissime attività e per l’accesso ad altrettanti servizi. Il premier Draghi è indirizzato verso questa linea, che porterà avanti anche domani quando a Palazzo Chigi si terrà la riunione con la cabina di regia, dove si incontreranno i ministri, i capi delegazione dei partiti e i tecnici del comitato tecnico-scientifico, Locatelli e Brusaferro. Seguirà poi un incontro  con i presidenti delle regioni e in seguito il Consiglio dei ministri.

L’obiettivo è trovare un accordo sul nuovo decreto che definirà i termini dell’uso certificazione (che entrerà in azione dal 1° settembre), che dovrebbe essere necessaria per avere accesso ai mezzi di trasporto pubblici e locali, ma anche per poter lavorare a scuola, escludendo però da tale obbligatorietà gli studenti. 

Seppure la fascia di popolazione più giovane ovvero tra i 12 e i 19 anni stia venendo vaccinata a pieno ritmo, come spiega il generale Figliuolo, c’è la questione delicata dei minori e della decisione delle famiglie sul vaccinare o meno: allo studio una campagna di comunicazione proprio per sensibilizzare i genitori sul tema. 

Il green pass obbligatorio e la campagna vaccinale dei ragazzi, per quanto riguarda la scuola, hanno l’obiettivo di allontanare il rischio della didattica a distanza. A oggi, le zone rosse e arancioni hanno possibilità di decidere se chiudere o meno le scuole, mentre bianche o gialle restano sempre aperte: la didattica in presenza regolare deve tornare alla norma. 

Ancora dubbi invece in merito alla questione lavoro e imprese: il ministro Speranza, in linea con Draghi, vorrebbe estendere il green pass il più possibile, luoghi di lavoro compresi, ma bisogna trovare un accordo fra tutte le parti. La Lega si è già detta contrarissima.

Dal 6 agosto, green pass obbligatorio per ristoranti e palestre

Per ottenere il green pass bisogna aver ricevuto almeno la prima dose del vaccino, oppure essere guariti dal Covid o aver fatto un tampone risultato negativo nelle ultime 48 ore.

Questo pass, come deciso a fine luglio, servirà a partire dal 6 agosto per poter accedere al tavolo al chiuso nei ristoranti, ma anche per entrare in palestre, centri termali, piscine, cinema, teatri, stadi e in tutti i luoghi dove potrebbero crearsi assembramenti, compresi congressi e concerti.

Parole di Carlotta Tosoni

"Una cosa bella è una gioia per sempre" diceva John Keats. Provo ad applicare questi versi nella pratica cercando e studiando tutto ciò che è esteticamente e intellettualmente interessante. Infatti arte, bellezza e comunicazione sono sempre stati la mia guida nello studio, nel lavoro e nella vita: ricercare contenuti validi da esprimere in maniera piacevole e da comunicare efficacemente. Solo così si può provare a cambiare le cose. La mia formazione è stata economica e artistica, la scrittura il mio mezzo preferito per raccontare il mondo, le mie passioni la storia dell’arte, il beauty, lo sport. Dal 2020, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.

Da non perdere