Grano Ucraino, Lavrov: “Sì a sblocco navi se Kiev smina i porti”

Lavrov garantisce lo sblocco delle navi se Kiev sminerà i porti: in questo modo, potranno essere effettuate le consegne di grano ucraino in Europa.

Sergej Lavrov
Sergej Lavrov – Nanopress.it

La marina russa garantirà il libero passaggio delle navi che trasportano grano ucraino, ora bloccate nei porti del Mar Nero, una volta che Kiev accetterà di rimuovere le sue mine dalle acque costiere, ha affermato martedì il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov.

Lavrov: sblocco delle navi di grano ucraino se Kiev smina i porti

In una conferenza stampa successiva all’incontro con il suo omologo del Bahrein, Abdullatif bin Rashid Al Zayani, Lavrov ha affermato di aver discusso della situazione in Ucraina, compresa la questione della sicurezza alimentare.

Lavrov ha osservato che la Russia è alla ricerca di modi per sbloccare i porti marittimi ucraini e consentire le esportazioni di grano da oltre un mese, ma Kiev deve ancora liberare le acque costiere minate dalle forze ucraine.

Se questo problema di sminamento è risolto e attiriamo l’attenzione dei nostri colleghi occidentali che sono preoccupati per ciò da molte settimane, allora in alto mare, come ho detto, la marina russa assicurerà il passaggio senza ostacoli di queste navi nel Mar Mediterraneo e verso le loro destinazioni“, ha detto Lavrov.

Dall’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina, numerosi paesi e organizzazioni internazionali hanno chiesto lo sblocco dei porti marittimi ucraini e il rilascio del grano bloccato nei magazzini, anche al fine di ridurre l’aumento dei prezzi alimentari e consegnare raccolti alle nazioni che affrontano una grave insicurezza alimentare non appena possibile.

Bambino con la bandiera ucraina in un campo di grano
Bambino con la bandiera ucraina – NanoPress.it

La crisi alimentare globale scaturita dalla guerra

Il ministro dell’Agricoltura ucraino Nikolai Solski ha affermato che l’esportazione di cereali dal Paese è paralizzata a causa del blocco navale russo.

Allo stesso modo, la scorsa settimana la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha accusato Mosca di aver deliberatamente provocato una crisi alimentare, accusando la nazione di Putin di usare “fame e grano per affermare il suo potere“, che le sue forze stanno “sbaragliando silos di grano dappertutto” e che le navi della flotta stanno “bloccando le navi ucraine piene di grano nel Mar Nero“.

Il portavoce del Cremlino – Dmitry Peskov – ha respinto tali accuse. Secondo il viceministro degli Esteri russo, Andrei Rudenko, le esportazioni di cibo marittimo dall’Ucraina sono ferme perché le forze di Kiev hanno minato i porti del paese. Questa sarebbe l’unica spiegazione che, però, non è condivisa dai paesi dell’Unione Europea.