Grano: il “Razoni” è salpato per il Libano dopo l’ispezione a Istanbul

La nave Razoni è la prima a lasciare il porto ucraino di Odessa piena di grano, dopo l’inizio dell’invasione russa, e rappresenta un primo banco di prova per il funzionamento del corridoio dei cereali.

Nave di grano parte da Odessa
Nave di grano prte a Odessa – Nanopress.it

La Razoni sta già navigando verso il porto libanese di Tripoli. La prima nave portarinfuse a salpare dai porti ucraini del Mar Nero dall’inizio dell’invasione russa a febbraio è stata ispezionata in Turchia mercoledì mattina e, dopo aver ricevuto il via libera dal Centro di coordinamento congiunto di Istanbul, che sovrintende alla nave della marina del corridoio, si è diretta verso sud attraverso lo stretto del Bosforo.

Il grano e altri cereali per sfamare il mondo

Questa prima spedizione funge da “prova”, ha spiegato una fonte diplomatica ucraina, affinché riprenda l’esportazione di cereali da quello che è considerato uno dei granai del mondo. La nave battente bandiera della Sierra Leone gestita da una compagnia di navigazione turca trasporta 26.527 tonnellate di mais.

Dopo due giorni di attenta e lenta navigazione – soprattutto nelle acque ucraine, ricche di mine navali poste per impedire un assalto anfibio russo -, ha ancorato martedì notte in prossimità dell’accesso settentrionale allo stretto del Bosforo, che divide in due la metropoli. Istanbul turco.

Mercoledì mattina, due navi della Guardia costiera turca hanno trasportato al Razoni una ventina di membri del Centro di coordinamento, che ha rappresentanze da Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite. Secondo le immagini pubblicate dal ministero della Difesa turco, gli ispettori hanno esaminato il carico di grano, la documentazione e i piani di rotta della nave e i serbatoi di carburante per verificare che la Razoni non trasporti armi o prodotti al di fuori di quelli consentiti (cereali, fertilizzanti , cibo) dall’accordo firmato il 22 luglio a Istanbul.

Queste ispezioni delle navi in ​​partenza e dirette verso i porti ucraini in futuro sono state una delle principali richieste di Mosca per consentire l’istituzione del corridoio del grano, anche se rallentano il traffico. Una volta che la nave ha ricevuto l’approvazione degli ispettori, ha iniziato il transito del Bosforo poco dopo le due del pomeriggio (ora locale, un’ora in meno nella Spagna continentale) e ha raggiunto il Mar di Marmara alle 15.45.

Il Razoni dovrebbe attraccare in Libano tra quattro o cinque giorni

Attraverserà i Dardanelli durante la notte o già giovedì mattina, traffico permettendo, poiché lo Stretto di Turchia è tra le rotte marittime più trafficate del mondo. Il Razoni dovrebbe attraccare in Libano tra quattro o cinque giorni, ha detto a Reuters l’ambasciatore ucraino a Beirut, Ihor Ostash.

Il Presidente Ucraino Zelensky
Il Presidente Ucraino Zelensky – Nanopress.it

A causa della sua dipendenza dalle importazioni alimentari, e in particolare dai cereali provenienti da Ucraina e Russia, il Libano è proprio uno dei paesi che nutre maggiori speranze per il corretto funzionamento del corridoio del Mar Nero. La crisi economica, il crollo della sterlina libanese e l’esplosione di due anni fa nel porto di Beirut (che ha distrutto silos pieni di grano) hanno fatto scattare i prezzi, e la popolazione più vulnerabile deve far fronte alla scarsità di generi alimentari di base.

In un videomessaggio, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato martedì che il corridoio farà sì che la Russia “perda una delle opportunità per terrorizzare il mondo [la minaccia di crisi alimentari e carestie]”. Ma resta da vedere quanto degli oltre 20 milioni di tonnellate di grano bloccate nei silos ucraini a causa della guerra possano essere trasportate in questo modo.

Il ministro delle Infrastrutture ucraino, Oleksandr Kubrakov, assicura che ci sono altre 17 navi cariche di 600mila tonnellate di grano nei porti di Odessa e Chornomorsk e che sono pronte a salpare non appena il Centro di coordinamento di Istanbul darà il via libera. Date le condizioni del corridoio, le partenze delle navi saranno limitate a tre giornaliere, quindi la capacità massima di trasporto sarà di circa tre milioni di tonnellate al mese. L’accordo ha anche una durata massima di 120 giorni, prorogabili poi di mese in mese, ma solo con il consenso di tutte le parti.