Gran Bretagna: i laburisti dicono si alla Brexit e no alla Ue

Il leader dell’opposizione composta dai laburisti in Gran Bretgna, Keir Starmer, supera il tabù dell’uscita dalla Ue e presenta la sua alternativa per migliorare i rapporti con Bruxelles. C’è stato un tempo non molto tempo fa in cui la Brexit era roba tossica nella politica interna del Regno Unito.

Keir Starmer
Keir Starmer – NanoPress.it

Keir Starmer, leader del partito laburista, ha evitato di parlare della “questione che inizia con B”, lo slogan usato in questi anni in gergo politico, consapevole delle profonde divisioni che ha causato tra gli elettori di sinistra, e di come un buon numero di loro, sostenitori dell’uscita della Gran Bretagna dall’UE, hanno finito per sostenere Boris Johnson nelle elezioni del 2019.

Starmer ha presentato le sue cinque proposte per far funzionare la “Brexit”

Ha scelto di rimanere accovacciato e vedere come il governo conservatore non è stato in grado di realizzare la felice Arcadia che aveva promesso, una volta spezzate le catene con Bruxelles. Starmer ha presentato lunedì le sue cinque proposte per far funzionare la “Brexit” (Make Brexit Work) al Center for European Reform, l’organizzazione che ha fatto di più per mantenere vivo e rigoroso il dibattito nella Gran Bretagna sull’abbandono dell’UE.

Il leader laburista è stato schietto nell’affermare che il suo partito, in caso di raggiungimento del governo, non cercherà di reintegrare il Regno Unito nel mercato interno o nell’area doganale comunitaria, né cercherà di recuperare la libertà di circolazione delle persone . È stato il modo per chiudere una discussione interna sul fatto che figure rilevanti del Labour sono ancora vive, come il sindaco di Londra, Sadiq Khan.

“Ritornare a queste discussioni non aiuterebbe a stimolare la crescita economica, né abbasserebbe i prezzi dei generi alimentari, tanto meno aiuterebbe le imprese britanniche a competere nel mondo moderno. Sarebbe semplicemente la ricetta per una maggiore divisione interna”, ha affermato Starmer. Con la nebbia della pandemia dissipata e i suoi effetti economici, le conseguenze negative della Brexit sono ora difficili da nascondere.

Il commercio estero è stato notevolmente ridotto, a causa di attriti doganali che lo stesso governo Johnson ha fatto poco per alleviare. La situazione di stallo sul Protocollo dell’Irlanda del Nord e la minaccia di Londra di eliminarlo unilateralmente hanno rianimato la minaccia di una guerra commerciale tra i due blocchi.

E l’inflazione scatenata nel Regno Unito, del 9% (e la previsione della Banca d’Inghilterra che raggiungerà quasi l’11% entro la fine dell’anno), è dovuta a cause globali come l’invasione dell’Ucraina e l’aumento del prezzo dell’energia, sì, ma anche la Brexit ha contribuito a rendere i prezzi nei supermercati a livelli insostenibili, e questo è difeso da studi rigorosi come quello recentemente preparato dal Peterson Institute for International Economics.

Se il 30% dei britannici ha accusato di aver lasciato l’UE nel giugno 2021 per il peggioramento del tenore di vita, ora la cifra è quasi la metà (45%), secondo il recente sondaggio Ipsos UK. Con tutti questi dati, è giunto il momento per Starmer di superare il tabù della Brexit e usarlo come arma elettorale laburista per affrontare il governo Johnson.

La Gran Bretagna e la questione del protocollo dell’Irlanda del Nord

Il Partito Laburista ha criticato particolarmente aspramente la decisione del governo Johnson di promuovere in Parlamento, una legge che annulli unilateralmente gran parte delle disposizioni del Protocollo dell’Irlanda del Nord, il delicato testo negoziato tra Londra e Bruxelles per far rientrare quella conflittuale regione britannica nel dopo – era Brexit.

Boris Johnson
Boris Johnson -Nanopress.it

Starmer propone la ricerca di soluzioni pratiche come un nuovo accordo in materia agro-zootecnico che consenta la standardizzazione delle normative e dei controlli tra i due blocchi e che elimini gran parte dei controlli attuali. E qualcosa di simile in termini di esportazioni, con schemi commerciali di fiducia reciproca che aiutano a ridurre le scartoffie. In realtà le proposte di Starmer non sono molto diverse da quelle avanzate di recente da Downing Street.

La differenza sta nell’insistenza del Labour nel ridurre i problemi attraverso i negoziati con Bruxelles, e non attraverso la violazione unilaterale degli obblighi internazionali. “La differenza fondamentale è che il Regno Unito deve tornare ad essere un agente negoziale rispettato e fidato”, ha affermato Starmer. Lo stesso accordo per il coordinamento delle normative sanitarie tra Londra e Bruxelles, dice Starmer, potrebbe essere esteso all’intero Regno Unito.

Subirebbero un processo di riconoscimento reciproco che faciliterebbe le cose alle aziende, allo stesso modo degli standard di qualità tra il Regno Unito e l’UE, ha assicurato il leader laburista. Qualcosa di simile è stato proposto all’epoca dall’ex primo ministro conservatore, Theresa May, quando stava cercando di portare a termine il proprio accordo sulla Brexit. Nel suo caso, ha dovuto accettare che i prodotti chiave fossero sottoposti direttamente alla normativa comunitaria.

E Starmer si troverebbe, nel suo caso, di fronte allo stesso problema della sfiducia a Bruxelles, poco convinta da una proposta basata esclusivamente sulla buona fede.Le proposte di Starmer, che si completano con l’idea di facilitare il riconoscimento reciproco delle qualifiche professionali (che un avvocato dell’UE o uno del Regno Unito abbiano un più facile accesso reciproco ai rispettivi mercati), l’aumento degli accordi di ricerca scientifica e un nuovo patto di sicurezza, non differiscono molto da quanto persegue il governo Boris Johnson.

Ma fanno un’apparente differenza nello spirito, con il desiderio di negoziare e capire l’UE invece di usare costantemente la Brexit come un’arma da lancio e una scusa per dissipare i problemi politici interni. Serve soprattutto a mettere sul tavolo la questione di cui nessuno voleva parlare e che continua a incidere intensamente sulla vita quotidiana dei cittadini della Gran Bretagna.