Giornata della Terra, Biden: "Taglieremo le emissioni del 50% entro il 2030"

Dopo il rientro degli Stati Uniti nell'Accordo di Parigi, il presidente Biden annuncia un passo importante a favore del Pianeta: "Non c'è più tempo, dobbiamo agire"

Joe Biden

Foto Getty Images | Win McNamee

Anche quest’anno la Giornata della Terra apre uno spazio di riflessione fondamentale per tentare di arrestare il surriscaldamento globale e sanare le ferite che abbiamo inferto al Pianeta con le emissioni di CO2. In occasione di questa giornata, oltre ai migliaia di eventi organizzati in tutto il mondo, oggi si è tenuto un summit virtuale sul clima con 40 capi di stato e di governo, indetto dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che all’indomani della sua elezione aveva annunciato il rientro degli Usa nell’Accordo di Parigi. Durante l’incontro, il presidente ha annunciato l’obiettivo degli Usa di ridurre le emissioni di CO2 tra il 50 e il 52% entro il 2030.

Leggi anche: Giornata della Terra 2021, è corsa al taglio dei gas serra

Biden: “Non ci resta molto tempo, dobbiamo agire”

Siamo risoluti ad agire“, ha esordito il presente degli Stati Uniti d’America, che ha proseguito dicendo che “questo è quello che voglio fare“. Per combattere i cambiamenti climatici, “tenendo il riscaldamento globale entro la soglia di 1,5 gradi C, non ci resta molto tempo, ma dobbiamo farlo, non abbiamo scelta. E dobbiamo farlo insieme“, ha dichiarato Biden, lanciano un appello anche agli altri capi di stato presenti.

Biden: “Un’occasione per creare nuovi posti di lavoro”

Dopo aver ringraziato i capi di Stato e di governo che hanno risposto al suo invito, ha ribadito che “per garantire un futuro migliore per le future generazioni negli Stati Uniti, come nel resto del mondo, bisogna agire, e farlo rapidamente, e la collaborazione è essenziale“. Il presidente Biden parla di una sfida ambiziosa, ma che può rivelarsi anche un’opportunità per creare posti di lavoro. Il presidente ha inoltre assicurato “infrastrutture per potenziare la produzione di energie pulite” di comune accordo con la scienza.

Stati Uniti responsabili del 15% delle emissioni mondiali

Ma a fare questa scommessa sul futuro, non è soltanto la Casa Bianca, ma anche le tante aziende, dalle piccole alle grandi, che quotidianamente si impegnano per l’ambiente. “Abbiamo 500.000 stazioni per ricaricare i veicoli elettrici in tutto il paese“, ma secondo Biden non è sufficiente. “L’America rappresenta il 15% delle emissioni, e credo che noi che rappresentiamo le maggiori economie mondiali, dobbiamo dare il massimo“, ribadisce con fermezza il leader dei Democratici.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere