Reporter di Al Jazeera uccisa durante un raid israeliano in Cisgiordania

Una giornalista di Al Jazeera è stata uccisa a colpi di arma da fuoco mentre seguiva un raid israeliano nella città occupata di Jenin, in Cisgiordania.

Cisgiordania
Cisgiordania – Nanopress.it

Un giornalista di Al Jazeera è stata uccisa a colpi di arma da fuoco mentre seguiva un raid israeliano nella città occupata di Jenin, in Cisgiordania. L’emittente e un giornalista che è rimasto ferito nell’incidente hanno accusato le forze israeliane, le quali hanno riferito di star indagando sull’accaduto.

Cisgiordania, uccisa giornalista di Al Jazeera

Shireen Abu Akleh, nota giornalista palestinese per il canale in lingua araba dell’emittente Al Jazeera, è stata uccisa con colpi di arma da fuoco. Ali Samoudi, un altro giornalista palestinese, è stato ricoverato in ospedale in condizioni stabili dopo essere stato colpito alla schiena.

La rete con sede in Qatar ha interrotto la trasmissione per annunciare la sua morte. In una dichiarazione pubblicata sul suo canale, ha invitato la comunità internazionale a “condannare e ritenere responsabili le forze di occupazione israeliane per aver deliberatamente preso di mira e ucciso la nostra collega“.

Ci impegniamo a perseguire legalmente i colpevoli, non importa quanto si sforzino di coprire il loro crimine, per assicurarli alla giustizia“, ​​ha detto Al Jazeera in una nota.

Stampa
Elmetto giornalista – Nanopress.it

La risposta di Israele

L’esercito israeliano ha riferito che le sue forze sono state attaccate con pesanti colpi di arma da fuoco ed esplosivi mentre operavano a Jenin e che hanno risposto all’attacco.  L’esercito, inoltre, ha rivelato che sta “indagando sull’evento e esaminando la possibilità che i giornalisti siano stati colpiti da uomini armati palestinesi“.

Il ministro degli Esteri israeliano, Yair Lapid, ha dichiarato di aver proposto all’Autorità palestinese un’indagine patologica congiunta sulla morte del giornalista. “I giornalisti devono essere protetti nelle zone di conflitto e tutti noi abbiamo la responsabilità di arrivare alla verità“, ha twittato.

L’Autorità Palestinese, che amministra parti della Cisgiordania occupata e collabora con Israele in materia di sicurezza, ha condannato quello che ha definito un “crimine scioccante” commesso dalle forze israeliane.

Chi era Shireen Abu Akleh

Shireen Abu Akleh, 51 anni, è nata a Gerusalemme. Ha iniziato a lavorare per Al Jazeera nel 1997 come corrispondente in tutti i territori palestinesi. Nel filmato dell’incidente, Abu Akleh indossa un giubbotto antiproiettile blu chiaramente contrassegnato con la parola “PRESS“.

Samoudi, che stava lavorando come suo produttore, ha detto all’Associated Press che facevano parte di un gruppo di sette giornalisti che sono andati a seguire il raid. Ha detto che indossavano tutti indumenti protettivi che li contrassegnavano chiaramente come giornalisti e sono passati accanto alle truppe israeliane in modo che i soldati li vedessero e sapessero che fossero lì.